La Tela di Carlotta

Un incubo di nome Easyjet!

lug 15, 2009

Mercoledì 15 luglio, ore 7:00

Io e Alex ci alziamo con largo anticipo. Oggi parto per la Sicilia, una settimana con papà, Cri e Mariò. Bellissimo. Il mio volo parte alle 11 e non devo nemmeno fare la coda al check-in con questi “nuovi” check-in online, ma voglio fare le cose con calma. Senza correre. Ho la valigia pronta da ieri mattina e ho pensato ad ogni minimo dettaglio.

Ore 8:00

Dopo colazione, porto fuori Colbie mentre Alex si fa una doccia. Siamo perfetti sulla tabella di marcia. Colbie fa pipì, annusa, annusa, annusa e poi, come al solito, trova un pezzo di legno e fa per portarselo a casa. Ci prova sempre anche se sa di non avere il permesso. Allungo sicura la mano per toglierglielo, lo afferro, tiro e in mano me ne rimane solo una parte.

Faccio per prendere quella caduta a terra, ma lei è più veloce di me. Allungo nuovamente la mano per toglierglielo, ed è a questo punto che il problema di Colbie di possessione si trasforma ancora una volta in aggressione (in questi 6 mesi di convivenza, già il mignolino e l’indice ne hanno risentito). Risultato? Un bel morso, nemmeno troppo superficiale, alla mano. Con le lacrime agli occhi, mi infurio, la prendo, la strattono mentre ancora cerca di difendersi e la colpisco ripetutamente sul muso con le chiavi. Deve aver fatto male perché alla terza volta si è arresa. La giornata parte bene.

Ore 8:50

Siamo in ufficio per stampare la carta d’imbarco. Apro la mail, vado sul sito di EasyJet, nella sezione check-in online, inserisco il codice di riferimento del primo volo (ormai una procedura abitudinaria viaggiando con EasyJet da oltre due anni a ritmi sostenuti), mi si apre la pagina con l’anteprima di stampa e il piccolo bottone “Stampa” in alto. Clicco e stampo. Copio e incollo il numero di riferimento del secondo volo e stampo anche il secondo biglietto. Prendo i fogli e corro in macchina. Si parte.

Ancora non so che ho appena commesso un tremendo errore a non controllare i biglietti. La forza dell’abitudine in una procedura ripetuta mille volte mi ha appena tradita e, come dice una persona saggia a me cara, “la legge non ammette ignoranza”.

Ore 9:30

Siamo all’aeroporto. Essendo molto in anticipo, decidiamo di dedicarci un po’ di tempo e andiamo a sederci al bar per un caffè. Chiacchieriamo del più e del meno, quando mi rendo conto che i miei pantaloni sono sporchi. In ben due punti. Non posso partire così. È ancora molto presto, vado a cambiarmi.

Ore 10:25

Cambiata e felice nella mia gonnellina pulita, vado alla sicurezza. Il volo non mostra ancora la gate, ma aspetterò dentro. Ho qualche episodio di Friends che mi terrà occupata. Saluto Alex, tiro fuori il mio Mac, lo metto nell’apposita cesta, do il passaporto ed il biglietto alla signorina che lo controlla e faccio per avviarmi al metal detector. La signorina, quasi con un sorriso di chi ha finalmente qualcosa da fare, mi dice che quello che ho non è il biglietto giusto. Quello è il biglietto di ritorno Milano-Malaga. Cosa??? Non è possibile. Dando la prima stampa del biglietto, da sempre il sito stampa prima il biglietto di andata, ovviamente – come si fa a tornare prima di partire? Guardo la stampa. È possibile.

Del volo Malaga-Milano ha stampato prima il ritorno dell’andata – se parto il 15 luglio, il biglietto datato 22 luglio è ovviamente il ritorno, a meno che Easyjet non offra viaggi indietro del tempo. Non si è confuso, invece, sul volo Milano-Palermo, di cui mi ha giustamente stampato l’andata. Ma ormai la frittata è fatta, stupida io che non ho controllato i biglietti!

Così, ho un volo da Milano a Palermo, ma non uno che mi porti a Milano. Inizio a recitare un mea culpa, ma non mi faccio prendere dal panico: mancano ancora 40 minuti alla partenza del volo e la gate non è nemmeno stata annunciata.

Ore 10:30

Arrivo col fiatone all’ufficio Easyjet che è convenientemente dal lato opposto dell’aeroporto. Spiego in una frazione di secondo il problema. Mi inviano al check-in. Spiego in un’altra frazione di secondo il problema. Mi inviano ad un altro ufficio. Spiego in una frazione di secondo il problema, la signorina chiede alla sua collega che dice “Non c’è problema, chiama X e diglielo”. Oh, per fortuna ce l’ho fatta. Canto vittoria.

Troppo presto. La faccia della signorina al telefono si chiude in una smorfia e… “Mi spiace, ma non può partire”. NON POSSIAMO stamparle il biglietto in quanto il check-in è già chiuso. Cioè, mi sta dicendo che io ho pagato un volo per il quale ho fatto il check-in online – ho inserito il codice e il codice di riferimento è uno solo per volo (consistente di andata e ritorno) –, sono abbondantemente in anticipo e non posso partire? Sì, mi sta proprio dicendo questo.

Ore 10:37

Arrivo con i lacrimoni – mi sento l’ultima piccola cacca inutile del mondo visto che evidentemente ho appena perso un volo, per di più regalatomi da mio padre – al primo ufficio Easyjet, rispiego il problema e supplico ancora di aiutarmi in un ultimo, disperato tentativo. Intanto la gate non è ancora apparsa sul tabellone. Il volo è perfino in ritardo. Assurdo che con dei computer davanti che confermano che il check in è stato effettuato online, non mi facciano imbarcare perché non ho un pezzo di carta.

Nelle quasi due ore successive, questo è quello che mi è stato detto dal signore Easyjet, in ordine cronologico e riportato fedelmente:

1. Posso cambiare il volo al giorno dopo, pagando

Con biglietto alla mano, mi dice che posso cambiare la partenza al giorno seguente (spiegandomi che oggi non ci sono più voli verso Milano) pagando 52 euro per volo. 52 euro per biglietto Malaga-Milano/Milano-Malaga e 52 euro per biglietto Milano-Palermo/Palermo-Milano. Mi dice anche che in questo ufficio di Malaga posso pagare solo il cambio del volo Malaga-Milano e una volta a Milano dovrò trovare l’ufficio Easyjet e pagare la “tassa” per il volo su Palermo. Dico che ci penso – sono 100€ dopo tutto – mi allontano, e nel frattempo Alex, tornato indietro, mi raggiunge.

2. Il dipendente si deve informare, perché non sa esattamente come funziona

Torno all’ufficio. Sempre con biglietto alla mano, lo stesso signore, che si è probabilmente informato nel frattempo, mi dice che posso pagare tutto direttamente lì a Malaga (entrambi i cambi), ma che, PURTROPPO, non è solo 52 euro perché il biglietto non è stato comprato in una unica soluzione, ma in due. (E questo, ovviamente, lo aveva già visto quando gli ho dato la prima volta le carte di imbarco dei due voli).

In poche parole mio papà, come d’altronde avrei fatto io, ha comprato due voli effettuando due pagamenti diversi, invece di aggiungere più voli ad un unico carrello e poi pagare in un’unica soluzione. Mai saputo si potesse fare sul sito di Easyjet e, come detto sopra, uso quel sito da parecchio tempo.

Solo una volta tornata a casa, sono andata sul sito per verificare che fosse realmente possibile comprare due voli diversi e pagare in un’unica soluzione, e sì, è possibile, come nella lunghissima pagina di conferma d’acquisto di un volo qualsiasi (immagine).

Vedete quella minuscola scritta nera quasi al fondo della pagina, proprio sotto quel grande bottone rettangolare arancione che dice “Next Step”? Ecco, è lì che ti dicono che puoi aggiungere un volo al “carrello”. Ma prima ti dirigono con la vista verso l’acquisto del biglietto in corso. Of course, non sono mica scemi. Quando poi qualcuno perde il volo – e devo ammettere che sono rimasta stupita da quante persone fossero lì con me a lamentarsi di voli persi con Easyjet – loro possono guadagnarci di più.

Ecco come:

L’UNICA COSA che possono fare è cambiarmi solo il volo che ho perso (quello da Malaga a Milano, perché quello da Milano a Palermo non l’ho ancora perso visto che parte alle 14:50 e sono solo le 10:50) pagando 52 euro. Per l’altro volo, che tra meno di 4 ore sarà perso, non c’è nulla da fare. Devo comprare un nuovo biglietto pagando, però, solo la differenza dal biglietto che già ho e in più pagare una “multa” di 45 euro per il “cambio”. Ma se compro un biglietto praticamente ex-novo, è ancora considerato un “cambio”? Mah.

Vabbé, dico che ci penso – in fondo, ora è più di 100 €.

3. È più economico comprare un biglietto nuovo che cambiare un volo già in possesso! Ma non è così semplice…

Parlandone con Alex e mio papà, concordiamo sul fatto che la soluzione più economica è proprio l’ultima che il signore Easyjet ha suggerito (visto che la prima era un’informazione sbagliata). Ci mettiamo su internet e cerchiamo un volo conveniente (andata e ritorno) per la settimana successiva.

Posticipo tutto, ma almeno spendo di meno e passo comunque 7 giorni con la mia famiglia, invece che solo 5. Ne troviamo uno abbordabile (in confronto agli oltre 400 euro necessari a cambiare il volo al giorno seguente o a due giorni dopo): 152  € tra andata e ritorno, a cui sottrarre gli 80 € del biglietto già in mio possesso e aggiungere i 45 € di “multa”. Insomma, 118 € per cambiare il volo Milano-Palermo + 52 € per cambiare quello Malaga-Milano. 170 €. Ma, in fondo, gli errori si pagano.

Sono convinta, torno all’ufficio. Sempre con biglietto alla mano, comunico al signore la mia decisione. “Allora, sposto tutto alla settimana prossima, con partenza il 22 e ritorno il 29 perché ho visto che sono i giorni più economici”. “Veramente signorina, non ho forse menzionato il fatto che il volo Malaga-Milano posso spostarglielo, secondo regolamento, solo a domani”.

E perché caz/!8$#%^$# non lo hai detto prima invece di farmi pensare per 25 minuti a qualcosa di irrealizzabile? Alex, con le mani tra i capelli, si gira e mi dice, rassegnato: “Hanno proprio pensato a tutto”.

Sull’orlo di una crisi di nervi, gli chiedo gentilmente di dirmi, una volta per tutte, cosa posso fare e darmi un preventivo di quanto mi costi spostare tutto all’unico giorno in cui posso spostarlo, cioè domani, mantenendo, quindi, il biglietto di ritorno intoccato. Fa le sue cose a computer e dopo qualche minuto mi sporge un bigliettino con scritto 280 €. Ouch!

Ok, non sono il tipo di persona che paga se non è più che sicura che sia l’unica soluzione possibile. La situazione richiede qualche pensiero in più.

4. Cambio a Iberia, con uno scalo in più, ma pago solo 50€ in più che cambiare il volo con Easyjet.

Decidiamo di controllare il costo dei biglietti di altre compagnie. Per questa settimana, quasi tutto supera i 600 €. La prossima, tuttavia, si trovano voli Malaga-Palermo, con 2 scali a Madrid e a Roma, a 340 €. Quindi la domanda è: pago a Easyjet 280 € per stare in Sicilia 5 giorni o pago un po’ di più ad un’altra compagnia, ma sto 7 giorni?

Sono ormai le 12:30, il volo è perso, sono mentalmente esausta e mortificata. Voglio andare a casa. Vado a chiedere al signore Easyjet se posso pensarci su nel viaggio di ritorno e chiamare poi il servizio clienti una volta a casa.”Dove abita?”. “Perché?”. “Perché forse non ho menzionato il fatto che lei ha solo più 30 minuti per decidere. Il cambio si può effettuare solo nelle due successive alla perdita del volo”.

Ora mi chiedo. Visto che non me lo aveva detto nell’ora e mezza precedente, se io non fossi andata a chiedere… quando me lo avrebbe detto?

Dopo questa ennesima incompetenza, parto il 22 luglio per la Sicilia e viaggio con Iberia. 360 € – il prezzo è aumentato di 20 € nel giro di 2 ore — ma almeno mi danno la colazione e passo una settimana con la mia famiglia.

A questo punto, ho una sola, ultima preghiera: Easyjet, per piacere, investi parte dei soldi che ti ho regalato oggi in un corso di formazione dei tuoi impiegati!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Diego • apr 13, 2011

easyJet non ha personale aeroportuale, quelli sono dipendenti delle società di gestione.Tutto è stato fatto da regola e soprattutto non sono gli operatori aeroportuali che ti devono leggere tutto il Regolamento del Vettore, ma dovresti averso già letto tu dato che dichiari di averlo fatto prima di prenotare.

cem • gen 16, 2011

mi sono svegliato solo ora, che fare... tra dire e fare MARE

cem • gen 15, 2011

questa è un avventura da cui non si può fare esperienza proprio perché anche se ti è costato un biglietto in più da pagare non è stato tuo errore. Lo dico perché se gli operatori easyjet avessero intervenuto come si deve non esisteva il problema e tu eri più contenta di aver risolto questo inconveniente. Purtroppo anche a me capita tra diverse compagnie incontrare operatori non qualificati, questo è dovuto anche a tutte le compagnie lowcost che cercano giustamente di abbassare i costi (positivo per noi) ma che spendono e investono poco - tra salari, istruzione operatori ecc.. (svantaggio per noi) appunto perché questi problemi nascono. Io credo di avere tanta logica e so della gente complessata nei propri posti lavoro e li capisco, ma capisco anche te Carlotta..

Ricky • apr 2, 2010

Ne ho viste di cotte e di crude con Easyjet, studio a Cremona, pur essendo di Palermo, e ormai non mi stupisco più. La cosa che mi consola, è che con una certe frequenza, le stesse cose accadono anche ad altre compagnie, che però pagherei molto di più...

Baby • lug 28, 2009

Dopo questa bella storia penso che ci penserò su prima di volare con easyjet...

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

feb 26, 2021 • 20m
Etichette: smettiamo di mettere le persone in scatola!
Questa settimana su Educare con Calma parliamo di etichette (parole che usiamo per definirci), del perché penso che siano nocive per conversazioni e relazioni e come sostituirle nel nostro linguaggio.  Vi lascio il link all'episodio sul mio blog, dove potete anche leggere la trascrizione, trovare i post relazionati al tema di cui parlo e anche lasciarmi un commento per avviare una conversazione. Nell'episodio menziono anche questa IG TV "Basta con le etichette!" e questo vecchio post "Il papà...
34
feb 24, 2021 • 05m
Montessori in 5': cambia le frasi in positivo
Oggi su Educare con Calma vi spiego in 5 minuti perché funziona con i bambini cambiare le frasi negative in positivo e perché può aiutare non solo a rispettare i limiti, ma anche a cambiare la mentalità. Nell'episodio menziono la collezione Montessori Express sul mio sito in cui riassumo idee che mi hanno aiutata con i miei bimbi. -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblicità di qu...
33

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Come lasciare il parco giochi senza lotte di potere
Così è la vita
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Montessori express: cambia le frasi in positivo
Montessori express: NON va tutto bene!
Mio figlio piange disperato in macchina (15 mesi)
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!