La Tela di Carlotta

La lettera che vorrei ricevere dal mio ex marito

ott 24, 2014

{:it}<p>(Avvertenza: questo Venerdì dal Mondo va così, sul triste andante)</p><p>Divorziano dopo 20 anni, lui le scrive una lettera e la pubblica sul web. È da un po’ che leggo le parole di Michael Cheshire su ogni blog inglese, italiano e spagnolo e ogni volta penso che sarebbe esattamente così che vorrei che finisse il mio matrimonio. È buffo dire “vorrei”, perché ciò che davvero vorrei è che non finisse mai. </p><p>Ma purtroppo a volte la vita si intromette nell’amore e le certezze più profonde si sbriciolano davanti ai nostri occhi. Lo so, perché anche i miei genitori hanno divorziato dopo 20 anni di matrimonio.</p><p>Mi piace questa lettera e mi piace ancora di più che la scriva lui, abbassando lo scudo dell’ego e dando voce alla vulnerabilità.</p>

“Sono ambizioso, dormo poco, scherzo sempre, e raramente mi comporto come dovrei. Ho preso più rischi del dovuto nei nostri anni assieme. È questo il problema dello stare con qualcuno che segue i propri sogni. Ti ritrovi in mezzo a delle avventure che non ti saresti mai immaginato. Mi rendo conto troppo tardi che alcuni dei miei sogni sono diventati degli incubi per te. Mi sono sempre lasciato guidare dalle mie passioni, e il mio cuore vive per rincorrere situazioni e piani nuovi. […] E solo ora capisco che anche se il successo è arrivato, quelli che amo hanno pagato un grande pegno. E di questo sono sinceramente dispiaciuto.”

</figure><p>Parole difficili, il bilancio di una vita. L’ammissione di un fallimento. Non è da tutti. E poi se ne esce con una grande verità che la maggior parte delle coppie non avranno mai il coraggio di ammettere: troppo spesso a tenere insieme due persone è il sottile filo della paura. Ma una volta tagliato quel filo e guardato il lupo negli occhi, la vita continua e forse meglio di prima. </p>

“Quando abbiamo preso questa decisione alcuni mesi fa, mi sentivo come se mi fosse cascato il mondo addosso. Ero spaventato al pensiero di come sarebbe stata la mia vita senza di te. Ma ora che sono qui, tutto sembra più superabile. Una volta ho letto un proverbio tedesco che dice, “La paura rende il lupo più grande di quel che non sia”. Ed io ero profondamente spaventato all’idea di vivere senza di te.”

</figure><p>E continua con “Non smetterò mai di volerti bene”, “Voglio che tu sia felice”, “Ci sarò sempre per aiutarti”, parole che anche se sono sicura che per lui hanno un significato profondo, non mi colpiscono più di tanto, forse perché ormai un po’ banali e abusate da film e libri.</p><p>Solo una frase continua a riempirmi gli occhi di lacrime ogni volta che rileggo questa lettera, “Ti risposerei ancora e ancora… anche sapendo che sarebbe finita così”. </p><p>E non posso fare a meno di chiedermi se anche lei lo risposerebbe ancora e ancora. Perché per quanto sia dolce il pensiero, è forse il mio tallone d’Achille nella razionalizzazione del divorzio dei miei genitori. Se vi risposereste ancora e ancora, perché non fare quello sforzo in più e restare sposati anche nella cattiva sorte? È davvero impossibile non arrivare a un punto di non ritorno?</p><p>Ma purtroppo credo sia una di quelle domande del “lo scopriremo solo vivendo” che non ho nessuna intenzione di scoprire né vivere.</p><p>Leggi la lettera intera in italiano. Leggi altri post del mio Venerdì dal Mondo.</p>{:}

Commenti

Savina • ott 31, 2014

Quel, “E vissero felici e contenti” delle favole con le quali, più o meno tutti, siamo stati cresciuti, è una voragine che consuma le nostre fantasie a discapito della realtà. Forse la vera essenza dell’amore risiede in quella frase, “Ti risposerei ancora e ancora...anche sapendo che sarebbe finita così”. Perché è questo l’amore più puro: non rinnegare ciò che è stato con una persona, anche se la fine, scelta o subita, ha fatto soffrire tutti, non solo entrambi i componenti della coppia (di solito il dolore non è appannaggio soltanto di chi subisce), ma soprattutto gli eventuali figli. E su questo mi piace fare una postilla, si divorzia unicamente come coppia, mai come genitore.
L’amore vero, comunque, è salvifico perché se è stato tale, sopravvive per sempre, a dispetto delle scelte che paiono portare i due in opposte, o altre, direzioni. Quindi, sì. Se si è amato davvero, soprattutto se si è condivisa una mezza esistenza insieme, il legame con quella persona con la quale tutto pare finito, esiste, ed esisterà a vita. E, a volte, in casi straordinari, porterà quelle stesse due persone, che si erano allontanate per sempre, a ritrovarsi per sempre, e a ripartire da dove erano rimaste, forti di una propria evoluzione personale compiuta separati. Perché allontanarsi, a volte, è necessario al procedere delle due individualità, o, anche ad una sola, magari a quella più sognatrice, quella che non si capacitava del pensiero, “Ma la vita è tutta qui?”. Chi prende e va, spesso lo fa perchee cerca se stesso e non tutti ce la fanno a trovarsi avendo a fianco la stessa identica persona, magari quella che ai propri occhi pare essere già risolta nelle diatribe interiori.
Per trovarsi, si ha bisogno di un incontro che ci aiuti a guardare in faccia i traumi più intimi e profondi (chessò, un lutto, l’abbandono dell’amato, un rapporto conflittuale con un familiare, cose che non ci piacciono di noi), quelli che la vita ci ha dedicato al fine di farci apprendere chi si vuole diventare, come si vuole procedere di fronte a se stessi. E questo percorso, sovente, non transita per un solo grande amore, ma per diversi amori, ed in questi, includerei anche l’amore filiale, quello che più di altri, ci può mettere a dura prova, perché la propria costola più ribelle fa più male delle altre, soprattutto quando si attraversano le cicliche fasi di burrasca.
Ci va tempo, persone e condizioni diverse per evolvere. E non sempre, colui o colei, o meglio, non sempre coloro che si amano hanno le peculiarità ideali per farci entrare in connessione con il proprio buio più profondo. Dolori che, per sciogliersi, devono necessariamente essere portati in superficie, disperazioni che se pungolati vengono a galla solo grazie a chi ha dolori simili, da chi cioè parla la stessa lingua emotiva e psicologica.
Ma l’amore, in qualsiasi direzione sia andato, è e resta, l’avventura più straordinaria che si possa vivere. E vale sempre la pena di crederci per tutta la vita.
E magari, vale la pena di provare ad amare a briglie sciolte, affinché i corsi e ricorsi storici che l’amore spesso propone, muoiano per sempre (per capirci, varrebbe la pena provare a non scegliere sempre lo stesso cliché di se stessi, oppure lo stesso tipo di persona da amare, anche se non è facile affrontare il proprio buio andando a braccia aperte verso chi ce lo farà vedere). Comunque sarà, io tifo perché i corsi e ricorsi storici dell’amore non muoiano insieme all’amore, bensì solo e soltanto insieme alla doppia incapacità di amare con la A maiuscola. E cioè.
Amare se stessi negli altri.
Amare se stessi senza sottostare all’idea di essere degli egoisti.
Provare dunque ad amare senza il peso di quei condizionamenti sociali, orpelli di un’esistenza vera e compiuta, che tanto ci creano problemi a tu per tu.
Perché l’Arte di Amare non è sempre una capacità che si ha in dotazione quando si nasce, spesso la si deve acquisire vivendo pienamente, tenendo il proprio cuore aperto alle emozioni, imparando dagli errori degli altri, oppure, sbagliando in prima persona e pagandone gli interessi. Per poi ripartire daccapo, in un processo senza requie e senza soluzione di continuità. Che ci porterà, magari, ad Amare con la A maiuscola nel moto perpetuo che è la vita.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Gli organi del corpo umano
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!