La Tela di Carlotta
it en es

La Tela di Carlotta è su Montessori en Casa (intervista)

feb 9, 2017

Cover Credit: Montessori en Casa

Cristina di Montessori en Casa (il più grande blog Montessori in Spagna) mi ha intervistata per la sua rubrica Montessori Stories in cui parla con mamme di tutto il mondo che hanno intrapreso il viaggio nella filosofia Montessori. Mi ha fatto tantissimo piacere essere sua ospite ed essendo un’assidua lettrice della rubrica, è stato un onore farne parte!

L’intervista è in spagnolo e in inglese, quindi eccovi qui la traduzione italiana.


Come hai conosciuto Montessori?

Essendo italiana, ho sempre saputo chi fosse Maria Montessori e un po’ della sua vita, ma purtroppo (e ironicamente) il metodo Montessori non è molto conosciuto in Italia.

Quindi è stato solo all’inizio della mia prima gravidanza, poco più di due anni fa, che ho iniziato a leggere di Montessori.

È un aneddoto divertente: mio marito Alex è venuto a casa una sera con un’idea, “Perché non mettiamo il bimbo a dormire su un materasso sul pavimento, invece che in una culla?”. L’ho guardato sorpresa e gli ho detto: “Stai scherzando? Mai e poi mai farò dormire mio figlio sul pavimento. Poco igienico e affatto pratico!”.

Mi ha detto che a lui sembrava molto naturale e che aveva letto da qualche parte che si trattava di un vero e proprio metodo chiamato “qualcosa come Montessori” (“Tu dovresti conoscerlo, sei italiana!”, ha aggiunto). Ha suscitato la mia curiosità.

Ho iniziato a fare ricerche e più studiavo più mi affascinava, e prima rendermene conto, stavo leggendo libri, il bellissimo blog di Cristina, frequentando seminari e webinar, adottando la filosofia del 150%, e diventando una vera mamma Montessori.

Quali sono i motivi che ti hanno fatto scegliere Montessori come metodo per educare i tuoi figli?

Domanda difficile. Ci sono un milione di ragioni, ma penso che tutte si possano riassumere in una frase: per me il metodo Montessori ha senso.

Ti do un esempio. Abbiamo iniziato la dieta Paleo perché oltre a tutta la teoria e la scienza che c’è dietro, per me ha senso che il modo in cui mangiavano i nostri antenati—dall’inizio del mondo fino a quando sono state inventate l’agricoltura e le industrie solo 10.000 anni fa—sia la dieta umana più naturale.

Allo stesso modo, quando ho letto del metodo Montessori applicato in casa, aveva senso. Naturalmente adoro la visione più generale di educare i nostri figli alla pace e di trattarli come propri individui indipendenti, rispettarli e guadagnare la loro fiducia fin da piccoli.

Ma in realtà sono le piccole lezioni che mi hanno fatto innamorare della filosofia e venire voglia di applicarla nel crescere i miei figli: quando starnutisci, metti l’avambraccio (non la mano) davanti alla bocca, così non diffondi i germi quando dai la mano agli altri; prima di pulire il naso del tuo bimbo, chiedigli di guardarsi allo specchio per vedere il motivo per cui bisogna pulirlo; quando un bambino sta usando un giocattolo, non chiedergli di condividerlo con un amico, in questo modo sarà più disposto ad aspettare il suo turno quando qualcuno starà usando un giocattolo che gli piace; quando un bambino gioca, non interrompiamo la sua concentrazione… e molte altre. Ogni volta che sento una di queste lezioni—gocce nell’oceano Montessori—una lampadina si accende nella mia mente e tutto ha senso.

I tuoi bambini vanno (o andranno) a una scuola Montessori, a un altro tipo di scuola, o pensate all’homeschooling?

Mio figlio ha iniziato ad andare ad una scuola Montessori ad ottobre, quando aveva appena 18 mesi. Avevo cominciato a sentire che quello che potevo offrirgli in casa in questo periodo sensoriale molto delicato della sua vita non era abbastanza, mi sembrava che la sua mente avesse bisogno di più stimoli e avesse più esigenze di quelle che io potessi soddisfare.

Così, anche se ho sempre pensato che Oliver avrebbe iniziato scuole e asili il più tardi possibile—siamo un po’ anti-scuola, spesso abbiamo contemplato la possibilità di homeschooling per i nostri figli, se non avessimo trovato una soluzione che ci piacesse—quando hanno aperto una scuola Montessori tradizionale qui a Marbella, Casa del Mar Montessori, sentivo che era la direzione giusta per noi. E finora, posso dire che è stato proprio così! Sono felice quando lascio Oliver lì, so che continuano il duro lavoro che facciamo in casa (e molto di più!) usando gli stessi principi e valori, e in più mi insegnano tanto.

Cosa rende la vostra casa una casa Montessori?

Se parliamo di mobili e arredamento in genere, quasi tutto! Siamo sempre stati molto minimalisti e affezionati alla combinazione scandinava di bianco e legno chiaro, spazi aperti e ordinati, quindi in qualche modo i nostri gusti personali coincidevano già con i concetti di bellezza e di ordine tipici del metodo Montessori. Quando è stata ora di preparare la stanza di Oliver, abbiamo seguito il più possibile le indicazioni Montessori: mi sono seduta sul pavimento della sua stanza e l’ho guardata dal suo punto di vista, chiedendomi “Cosa mi piacerebbe/vorrei fare/vedere qui se fosse un bambino?”.

Naturalmente, mi rendo conto che il modo di arredare e decorare la casa o la camera dei bambini non ti rende Montessori, ma per me è stato un passo necessario per iniziare una fase di lavoro profondo a livello personale.

Oggi, quello che rende davvero la nostra casa Montessori siamo noi, io, mio ​​marito, Oliver e il nostro rapporto con lui (e ora la piccola Emily). Imparando—ogni giorno di più—a rispettarlo e trattarlo come individuo indipendente, a fidarci di lui e lasciargli fare quasi tutto da solo (più facile a dirsi che a farsi!), a fare piccoli cambiamenti nell’ambiente che permettano la sua indipendenza, ci siamo imbarcati in un viaggio che ci formerà come individui e definirà il nostro rapporto per sempre.

Hai qualche suggerimento per chi vuole introdurre Montessori in casa e non sa da dove iniziare?

Fallo! Inizia, non pensare che sia troppo difficile, troppo diverso, troppo contro corrente. Inizia a leggere libri, ma soprattutto blog (anche il mio, naturalmente ) che ti danno un approccio più personale e familiare al metodo. Comincia a capire la filosofia, a raccogliere idee e concentrati poco a poco sulla tua propria trasformazione di adulto. Il resto verrà da sé.

Detto questo, so quanto possa essere difficile iniziare un viaggio così lungo ed eterno (ci sono passata io stessa non troppo tempo fa), e quindi credo che a volte iniziare da pochi dettagli pratici—come creare un piccolo spazio per il tuo bambino con un tappeto sul pavimento, uno specchio e le giostrine Montessori fai-da-te—può farlo sembrare meno pesante. Penso che avere poche indicazioni, chiare e pratiche possa essere utile all’inizio: è per questo che ho deciso di creare un corso, un vero e proprio Starter Kit Montessori, con tanti suggerimenti e consigli (e tutorial, prodotti, link!) su come iniziare il tuo viaggio Montessori in casa a livello molto pratico. All’inizio sarà solo in italiano, ma ho intenzione di tradurlo in spagnolo e in inglese prima o poi.

Commenti

Maila • feb 9, 2017

Ciao Carlotta, sto seguendo i tuoi consigli per introdurre il metodo Montessori in casa, ho iniziato dalla cameretta, anche se sono ancora in attesa di ricevere scaffali e letto, ho già eliminato il lettino e messo il materasso in terra e devo dire che va alla grande. Il mio bimbo ha 18 mesi, peccato che ti ho trovata tardi altrimenti avrei incominciato prima. Sono curiosa di leggere il tuo mini libro Montessori. Non vedo l'ora!!!!

🌸 Carlotta • feb 16, 2017

Ciao Maila, grazie per il tuo commento! Non ti preoccupare, non è mai troppo tardi per iniziare un percorso Montessori! Il corso che sto preparando parla proprio di come impostare la camera per fare i primi passi pratici nella filosofia e sono sicura che ci saranno alcune cose che ti verranno utili anche se il tuo bimbo ha già 18 mesi! Ti tengo aggiornata attraverso la newsletter (ti sei registrata?). Un abbraccio!

Mari • feb 16, 2017

Ciao Carlotta, complimenti per la tua intervista!!! E' bellissima!!!
Quando puoi, potresti approfondire il concetto di homeschooling?
Non l'ho mai sentito.
Grazie, un bacio

🌸 Carlotta • feb 16, 2017

Ciao Mari, grazie! Su questo sito (un po' radicale) puoi leggere un po' di più dell'homeschooling, ma in poche parole significa educare i tuoi figli a casa, con dei tutor privati o cercando il materiale e lavorando con loro tu stessa, senza mandarli a scuola. In America è comune, ma in Spagna (e credo anche in Italia) è ancora illegale. Spero di esserti stata d'aiuto! Un abbraccio

Mari • feb 16, 2017

Il mio bimbo ha sette mesi. Secondo te, puo' gia' dormire in un lettino a terra?
Bacini

🌸 Carlotta • feb 16, 2017

Certo! Oliver ha tre mesi dormiva già nel suo lettino a terra. 🙂

Claudia • feb 17, 2017

Ciao carlotta anche noi abbiamo iniziato questo viaggio fantastico del metodo Montessori a casa. Io sono un'educatrice e mi occupo di adolescenti a scuola e nel territorio, è un metodo che mi accompagna da anni nel mio lavoro. Fabio frequenta il nido da quando ha 8 mesi, prima x poche ore, ora tutta la mattina. Ma
purtroppo qui in Sardegna precisamente ad Oristano non c'è una scuola Montessori e spesso tutto quello che con fatica e sudore costruiamo a casa a scuola viene distrutto..è molto demotivante! Vorremmo una scuola Montessori ..

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!