Lasceresti tutto per vedere il mondo intero?

5 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Viaggiare è un’ispirazione continua e sai di avere l’anima di viaggiatore quando nel tuo cuore senti che potresti semplicemente continuare a viaggiare. Per sempre. Quando ti manca casa, ma non hai fretta di tornare, nemmeno dopo due mesi. Quando ti piace la tua routine, ma puoi facilmente tirarla dalla finestra in nome dell’avventura.

Io e Alex abbiamo avuto un pensiero pazzo qualche settimana fa: perché non possiamo viaggiare sempre? Perché non provare per un paio d’anni quella che la gente chiama vita nomade? Cosa ci impedirebbe davvero di vendere tutto quello che possediamo, mettere il resto in un paio di bagagli e viaggiare continuamente da un posto all’altro? Che cosa perderemmo o ci mancherebbe? E che cosa guadagneremmo?

Questa idea di una vita nomade continua a frullarmi per la testa e l’unico modo che conosco per metterla a tacere (o darle vita) è scriverne. Quindi ecco qui i miei potenziali pro e contro, desideri e preoccupazioni, nella forma più semplicistica in cui riesca a formularli. Perché voi, i miei lettori, siete fonte infinita di ispirazione e consiglio e non vedo lira di sapere cosa ne pensiate.

PRO

  • Dico sempre che viaggiare è l’unica cosa che compri che ti renda più ricco. Immagina quanti viaggi potremmo fare se non avessimo spese fisse — affitto, auto, scuola, asilo — eccetto quelle per il viaggio.
  • Odio il pensiero di dover morire un giorno — lo odio da sempre — e se dovessi pensare a una cosa su tutte che renderebbe la mia vita davvero degna di essere vissuta, penserei a viaggiare. C’è così tanto mondo da vedere e così poco tempo per vederlo. Uno stile di vita nomade ci permetterebbe di vedere il mondo intero — e mentre lo scrivo, una scarica di adrenalina mi attraversa le vene e mi vengono le lacrime agli occhi.
  • Io e Alex possiamo lavorare ovunque nel mondo, siamo in una posizione così privilegiata che saremmo completamente pazzi a non approfittarne.
  • Potremmo vivere lo stile di vita minimalista che desideriamo da anni. L’idea di vendere tutto ciò che possediamo e mettere tutto il resto in un paio di bagagli mi attrae come il miele con le api.
  • Oliver ed Emily potrebbero vivere il mondo intero, conoscere così tante culture, sperimentare così tanta vita. Darebbe loro una mentalità diversa che si porterebbero dietro per sempre.
  • Un viaggio di due mesi come quello che abbiamo fatto in Canada, per quanto si riesca a vivere frugalmente, non è economico. E in più a casa continua ad esserci un’affitto da pagare che rende la vacanza ancora più cara. Quella spesa extra non esisterebbe se non avessimo un posto dove tornare.

CONTRO

  1. Non avremmo più un posto da chiamare “casa”, che mi è sempre piaciuto. Casa per me non è dove sono le mura in cui vivo, è dove vivono le mie persone. Mi mancherebbero così tanto, mi mancherebbe vedere crescere i figli delle mie amiche, mi mancherebbero i miei spettacoli di danza con le persone che considero famiglia.
  2. Mi piacciono le mie cose. Potrebbe sembrare sciocco, ma mi piace la mia padella di qualità, il mio HomePod, il mio proiettore. Mi piacciono i giocattoli e i libri di Oliver ed Emily. Mi piace che Alex abbia la sua bici, perché è il suo unico hobby. Mi piace rendere ogni nostro appartamento a lungo termine bello secondo i miei standard: questo mi mancherebbe se viaggiassimo costantemente.
  3. Non posso fare a meno di pensare, saremmo egoisti? Sarebbe giusto per i bambini? I bambini amano la routine e anche loro hanno le loro persone. Oliver non parla molto dei suoi amici, ma so che gli mancano e gli mancano amici in generale: l’altro giorno stava giocando con nuovi amici al parco giochi, e mentre lo guardavo giocare con altri bambini, mi sono resa conto che era la prima volta in oltre una settimana. Quando viaggi costantemente, è (più) difficile fare amicizie.
  4. Ultimo, ma non meno importante. A settembre mi riprenderò un po’ del mio tempo per scrivere e lavorare, quando Emily inizierà l’asilo. Viaggiare e non avere una routine significa rinunciarci di nuovo, almeno in parte. Non so se sarei pronta.

Il pensiero di iniziare davvero una vita nomade mi fa mangiare le unghie (che è quello che faccio quando mi sento stressata o nervosa). Ma so anche che quando davvero voglio qualcosa, riesco a trovare dei pro a tutti i miei contro e motivazioni valide per cui varrebbe la pena fare quello a cui penso.

I pro ai miei contro

Mentre scrivevo i miei contro, una vocina dentro di me diceva:

  1. Vero, ma non sarebbe molto diverso da come ho vissuto con la mia famiglia negli ultimi 10 anni e con loro ho mantenuto i rapporti. È una scelta, e posso farla funzionare come ho fatto con la mia famiglia. E immagina quanti nuovi amici troveremmo, avremmo almeno un amico in ogni parte del mondo.
  2. Nei due mesi della nostra avventura in Canada, non mi è mancato nulla di quello che ho lasciato indietro. Sono flessibile, mi adatto facilmente e ultimamente sto imparando sempre di più a comprare in maniera consapevole. Ed è innegabile che avere un posto dove mettere quello che compri fa scattare il bisogno/la voglia di comprare sempre di più.
  3. Forse saremmo egoisti, sì. Forse non sarebbe al 100% ciò di cui i bambini avrebbero bisogno. Ma a) Se non lo facciamo ora che i bambini non sono ancora a scuola, quando? b) Non andrebbero all’asilo in maniera continuativa, ma alla fine il mondo reale non è la migliore scuola? c) Potremmo restare in ogni posto un po’ più a lungo, o addirittura fermarci dove ci siano scuole montessori.
  4. Vero. Ma pensa a quanto avrei da scrivere. Vita nomade con bambini piccoli… mi sembra una fonte infinita di materiale per il mio blog! E poi… non è irreversibile, possiamo fermarci e rimettere radici quando vogliamo.

Questo al momento è quello che mi sta girando per la testa.

Ma soprattutto, questo pensiero mozzafiato: alla fine di questa avventura, avremo trascorso due mesi nel Canada orientale. E se potessimo continuare verso il Canada occidentale? E poi giù negli Stati Uniti. O nell’America Latina. E poi dall’altra parte del mondo in Australia. E poi in Asia. E poi al Polo Nord… Magari seguendo sempre il sole. Non sarebbe fantastico?

E allora chiedo a te. Lo faresti, se potessi?


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Si. Ho viaggiato tanto e mi sento sempre meglio quando sono in partenza. E so bene che non mi fermerò fino a che non avrò finito il mio personalissimo giro del mondo.
    Si. Lo farei. Perché ora o mai più. Quando i figli crescono diventano un freno, non appena avranno le loro abitudini e i loro amici consolidati, diventerà più difficile portarli via e partire…
    Si. Si può essere nomadi er qualche anno, magari fino a che i bimbi non dovranno frequentare delle scuole dell’obbligo (e so di genitori che hanno preparato i loro figli per molti anni, affinché sostenessero via via gli esami delle scuole elementari e medie in maniera privata). E se vi manca una casa dove tornare ci sarà sempre la mia (e ne sono certa, anche quella di papà e Mariò)!
    Si. La famiglia si incontra anche in giro per il mondo ed io sarei la prima a raggiungervi. Ed è una promessa. Perché come i viaggi, anche voi, e i vostri piccoli, siete il miele della mia vita. Mamma

  2. I really like the idea of nomadic lifestyle. My life as a performer is already base on being out of the conventional path and I really enjoy it.
    I really liketo read the pros and cons… but the best are in the pros. And the first one, it is so powerful: ”traveling is the only thing that you buy that makes you richer”.
    I think that facing our fears or things that make us nervous in our life is the most growing thing to do! It it not the easiest path but the best way to grow and become a stronger, better human being… I think 😉

    Thanks for this great blog!!!

  3. Quello che hai scritto è molto bello, ma io non lascerei mai la mia casa per viaggiare il mondo. A parte il periodo delle ferie, io la sera devo tornare tra le mie mura, tra le mie sicurezze, i miei affetti.

  4. Sto sognando ad occhi aperti al posto tuo… avere la fortuna di lavorare ovunque! Partirei domani! Magari un giorno vi rifermerete nel posto che vi spinge a restare. I bambini saranno felici se saranno circondati di serenità…

  5. In a heartbeat ❤️ I believe there are 2 people, those that yearn to discover the world (for extended periods of time) & those happy to have a short holiday but return to what they know. Life flies by & if you don’t do what you want you’ll miss out on incredible opportunities. Maybe living abroad at 18 influenced me or maybe some people are just born to see other cultures & experience things outside their societies norm. I’ve travelled for a year mostly by myself with just a backpack. I learnt so much & wouldn’t hesitate to recommend it to others that feel they need more. In the last year I have two friends who have packed up their families belongings & are now travelling. I say grab this opportunity with two hands. You won’t regret it xx


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere gli ultimi post direttamente in mail. Solo una mail al mese. No spam (giurin giuretto!) 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.

Imprint  ·  Privacy Policy