La Tela di Carlotta
it en es

Le crisi evolutive dei primi 3 anni

set 9, 2016

Photo Credit: Montessori en Casa

Questa è la traduzione del post di Cristina Tebar di Montessori en Casa. Se vuoi, puoi leggere l’originale in spagnolo: Las crisis evolutivas de los primeros 3 años.

NB. Questo è uno dei tanti articoli che ho letto (e forse il più completo) prima di decidere di iscrivere Oliver a una scuola Montessori già a 18 mesi. Non è stata una decisione facile, soprattutto perché questa scuola è più cara di qualsiasi altro asilo privato a Marbella, ma credo che sia stata la decisione giusta—e sicuramente la migliore per noi.

Se sei curioso di leggere quello che ci ha convinti, ti lascio qui un post che ho scritto giusto un mese prima che Oliver iniziasse la scuola Montessori Casa del Mar a Marbella: Perché abbiamo scelto una scuola Montessori (e così presto).


I primi tre anni di vita sono un periodo di massima importanza nello sviluppo fisico e psicologico del bambino. Durante questi 3 anni compaiono le cosiddette crisi evolutive, che sono periodi di transizione tra tappe con caratteristiche concrete che dobbiamo conoscere e capire per poter offrire al bambino il nostro migliore appoggio a seconda delle sue necessità mutevoli.

La parola crisi ha normalmente una connotazione negativa, ma il suo significato reale è “giudizio”, ovvero, non dobbiamo interpretare queste crisi come periodi problematici che bisogna attraversare senza se e senza ma, bensì come periodi che mettono a prova tanto il bambino quanto noi stessi, e che porteranno il bambino a un passo più in là nel suo percorso evolutivo.

Crisi della nascita

Alla nascita si produce la separazione fisica dal corpo della madre. Il bebè si prepara per questa prova da 9 mesi e in questo momento deve dimostrare che è capace di respirare, di cercare il seno della mamma, di mettere in funzione il suo sistema digestivo…

Durante le prime 6-8 settimane di vita, il periodo simbiotico, il bebè deve sviluppare un forte legame con sua madre, bisogna evitare eccessivi stimoli e favorire l’intimità del nucleo famigliare durante queste prime settimane.

Durante questo periodo il bebè si adatta alla vita fuori dall’utero e inizia a sviluppare la sua fiducia nell’ambiente circostante nella sicurezza delle braccia della mamma.

Alla fine di questo periodo il bebè è pronto per iniziare a interagire con il resto del mondo.

Crisi dell'introduzione dell'autosvezzamento

Intorno ai 6 mesi il bebè è pronto per iniziare a complementare l’allattamento con altri alimenti. IN questa crisi si mette a prova la capacità del bambino di masticare e digerire nuovi cibi, e di imparare ad alimentarsi solo.

Alcuni dei segnali che ci indicano che è pronto sono:

  • Capacità di sedersi solo
  • Comparsa dei denti
  • Interesse per il cibo

L’introduzione di alimenti deve avvenire sempre rispettando il bambino, senza obbligarlo a mangiare ne introdurre cibo in bocca, bensì mettendogli davanti il cibo e lasciando che sia lui ad avvicinarsi al cucchiaio. Il metodo Baby Led Weaning è un’ottima opzione.

Crisi del movimento

Intorno ai 9 mesi il bebè inizia a potersi muovere autonomamente, allontanarsi dalla madre e poi tornare, prima gattonando e poi camminando. Con questa crisi si mettono a prova le capacità motorie che il bebè ha sviluppato fin dalla nascita (specialmente se non lo abbiamo limitato).

In questo periodo è importante trasmettere la nostra fiducia con gesti ed espressioni, e non frenare né forzare i suoi progressi.

Normalmente questo periodo coincide anche con le prime manifestazioni di “ansia di fronte agli estranei”, perché adesso il bebè è già consapevole del suo corpo e del suo spazio e non tollera che uno sconosciuto lo invada.

Crisi dell'auto affermazione

Inizia intorno ai 18 mesi, quando il bambino inizia ad utilizzare l parola “no” e finisce quando il bambino inizia ad utilizzare la parola “io”. Normalmente si parla di questo periodo come la crisi dei due anni.

È un periodo in cui il bebè sta smettendo di essere bebè per trasformarsi in un bambino, quindi in alcuni momenti si comporta come un bebè e in altri come un bambino, cosa che può confondere i genitori e far pensare loro che il bambino “fa i capricci”.

Quando il bambino dice “no” sta cercando di riaffermare la sua opinione, dire chiaramente che non è più un bebè che ha bisogno che tutte le decisioni siano prese per lui, bensì che è capace di decidere solo alcune cose. Un esempio molto chiaro è l’abbigliamento: in questo periodo è molto utile lasciare che il bimbo decida tra due magliette invece di prendere la decisione per lui. Per noi genitori non è una grande sforzo e per il bambino fa una grande differenza perché si sente ascoltato, capace e soddisfatto.

È importante capire e accompagnare il bambino in questo periodo, perché è il momento in cui si sviluppa la sua fiducia in se stesso (a differenza delle fasi precedenti in cui sviluppava la fiducia nell’ambiente).

Nel momento in cui il bambino inizia ad utilizzare la parola “io” finisce la crisi di auto affermazione perché significa che è finalmente consapevole di essere un essere umano individuale e unico.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25
gen 13, 2021 • 05m
Montessori in 5': Un metodo per smettere di criticare
Ho deciso di creare una piccola rubrica sul podcast in cui vi parlo di Montessori, educazione consapevole, disciplina dolce, disciplina positiva (chiamatela come volete, io la chiamo "educazione a lungo termine" 😉) e in ogni episodio tratto un tema in soli 5 minuti. In questo primo episodio vi suggerisco un metodo (infallibile) per smettere di criticare continuamente i nostri figli (a voi piacerebbe sentirvi sempre criticati e corretti?). L'episodio è nato da questa riflessione che ho fatto s...
24
gen 8, 2021 • 31m
Viaggiare a tempo pieno: domande e risposte
In questo episodio di Educare con Calma rispondo alle vostre domande (più ripetute) sul nostro stile di vita di viaggiatori a tempo pieno: perché lo abbiamo scelto, come ci manteniamo, come permettiamo lo sviluppo sociale dei bambini e molto di più. Vi lascio anche alcuni articoli relazionati a ciò di cui parlo nell'episodio: I bambini devono uscire dalla propria zona di comfort  Vuoi un cambiamento nella tua vita? Trova la grotta! Se ti va, lasciami un commento sotto gli articoli per farmi s...
23

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!