Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Lettino Montessori evolve — sviluppando la consapevolezza spaziale

16 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Fino ad ora, Oliver non si muoveva molto nel letto—o da nessuna altra parte. A volte lo trovavamo girato di 180°C o di traverso o al massimo della mobilità riusciva a rotolare giù dal letto—sul morbido del materassino della culla Bednest.

Una mattina, lo abbiamo trovato così nella sua cameretta Montessori.

Quella stessa sera, lo abbiamo messo a letto e dopo pochi minuti lo abbiamo ritrovato seduto sul tappeto tutto piagnucolino—era riuscito a strisciare indietro come un gambero, arrivare alla fine del letto, scendere in posizione seduta e mantenere l’equilibrio fino al nostro arrivo (altrimenti sarebbe forse caduto all’indietro, sbattendo la testa sul marmo).

Il messaggio era chiaro. Era arrivata l’ora del lettino Montessori 2.0, la versione cuscinosa e a prova di bebè mobile. O prendendo in prestito le parole di un’altra mamma su Twitter, la versione nomade. Questo è il risultato e mi fa dormire tranquilla la notte e, chissà, magari eviterà inutili incidenti.

image-1

image-2

Quando smetteranno di cadere dal letto?

Ogni bambino è un mondo a sé e ha i suoi tempi. Questa è sicuramente la prima sfida del lettino montessori: sviluppare il senso dello spazio—o consapevolezza spaziale. (La seconda sarà tornare a letto dopo aver giocato invece di addormentarsi in giro per la stanza :-).

Rotolare giù dal letto è una tappa fondamentale. Il bimbo impara a sviluppare non solo il proprio senso dello spazio, ma anche la propria mappa del corpo—la sua dimensione e forma. E dopo vari tentativi e fallimenti, rimanere a letto sembrerà del tutto naturale e quella mappa del corpo diventerà intuitiva, gli dirà dove si trova anche nel sonno, quanto spazio c’è nel letto e quanto di quello spazio occupa il suo corpo—come facciamo noi adulti.

È difficile sviluppare la consapevolezza spaziale? Provaci!

image-3

Su questo blog ho letto un trucco che noi adulti possiamo provare per avere una vaga idea di quanto sia difficile per un bimbo sviluppare la consapevolezza spaziale e come ci si senta a girare il mondo con un senso dello spazio sottosviluppato 😀

Basta provare a toccare il pollice destro con l’indice sinistro sopra la testa, in modo da non riuscire a vedere le dita (come vi mostro molto amorevolmente nella foto). Tutt’altro che facile!

Tutti i bambini sviluppano il proprio senso spaziale prima o dopo—forse i bimbi montessori lo sviluppano prima perché saltano la fase culla e vengono esposti fin da piccoli alla possibilità di “cadere giù dal letto”. Ma è semplicemente qualcosa che succederà spontaneamente.

Un Safari Bed può aiutare il processo!

Sullo stesso post, ho scoperto il Safari Bed (letto safari), un “gioco” per sviluppare la consapevolezza spaziale. È pensato per bambini più grandicelli, ma perché non farlo appena il bimbo dorme nel suo letto e inizia a muoversi?

Consiste semplicemente nell’esplorare i confini del letto con il bambino—farlo rotolare da un lato all’altro e “cadere” giù dal letto quando arriva al bordo, o più avanti farlo gattonare sul perimetro del letto seguendo un gioco—e se vuole scendere dal letto, è sempre importante che impari a farlo mettendo giù prima piedi e ginocchia!


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Molto interessante, oltre che divertente scoprire queste tappe che si danno per scontate, ma che non lo sono. Grazie!

    • Grazie a te per seguirci! Ogni bimbo è una fonte infinita di insegnamento e me ne sto rendendo conto ogni giorno che passo con Oliver — per quanto facile o difficile sia 😉 Buon martedì e spero di ritrovarti qui nei commenti ogni tanto!

  2. Me ha encantado el post! Y el ejercicio de juntar los dedos sin verlos para comprobar nuestra percepción espacial es muy chulo, admito que a la primera no lo he conseguido! Gracias por participar en la fiesta de enlaces 🙂

    • La verdad es que yo tampoco lo he conseguido a la primera… por eso me ha hecho tanta gracia 🙂 Gracias a ti por organizar la fiesta de enlaces, ya sabes que tu blog me encanta!

  3. Erica Pusceddu - marzo 12, 2016

    Ciao Carlotta, il tuo articolo è molto interessante. Da quanto ho intuito hai fatto dormire da subito il tuo piccolo nel lettino montessoriano, giusto? Vorrei realizzarlo anche io per il mio piccolo..

    • Carlotta - marzo 14, 2016

      Ciao Erica, benvenuta a La Tela e grazie per i tuo commento! Sì, noi a tre mesi lo abbiamo messo a dormire direttamente nel suo lettino Montessori e siamo stati felicissimi. Hai visto il mio tutorial su come fare un letto Montessori comprando tutto in IKEA?

  4. Ciao Carlotta e complimenti per il blog! Sto cercando idee per arredare la cameretta dell mia bimba di 10 mesi. Fino ad ora ha dormito nella nostra stanza perché abbiamo traslocato da poco in una casa piú grande.
    Ho un dubbio sul letto a terra: se il bimbo si sveglia durante la notte o la mattina presto e decide di girare per la stanza o casa non puó essere pericoloso? Capita che la mia bimba si svegli e sia bella vivace evoglia giocare alle 2-3 di notte.
    Grazie

    • Ciao Ale, grazie per il tuo commento. Il tuo dubbio è quello di molte mamme ed era anche il mio all’inizio. Devo essere sincera, Oliver non è mai uscito dalla sua stanza, quando si sveglia di notte ci chiama (piangendo) o ultimamente a volte se ha forza viene brontolando (lentamente) verso la nostra camera. Di giorno, invece, sí, quando si sveglia viene a cercarmi.

      Ma devo anche ammettere che la nostra casa (e ovviamente la sua stanza) è ormai tutta montessorizzata, perché Montessori è finito per diventare uno stile di vita per noi e c’è davvero poco in casa che Oliver non possa prendere e toccare (delle cose a cui arriva, ovviamente). Ma anche se non fosse così, non credo che sia un problema: quasi tutti i bimbi delle mie amiche dormono in letti a terra e, anche laddove la casa non sia tutta a prova di bimbo, almeno di notte non hanno avuto problemi di “girovagate”.

      Ho in programma un post su come montessorizzare la casa; se ti interessa (e non l’hai ancora fatto) puoi iscriverti alla mia newsletter per non perdertelo. Un abbraccio

  5. Noi siamo nella stessa situazione.. un mese e mezzo fa ho toto la sbarra da un normalissimo lettino ikea per la mia Diana (ad oggi 15 mesi).. imbottito il pavimento con piumone e tappeto.. e osservato il suo comportamento!!! Ad oggi posso dire che il 90% delle mattine dorme tranquilla nel letto.. ma ciò che mi da più gioia è sentir suonare la mia sveglia e subito dopo vederla arrivare tutta sorridente!!!

  6. Andrea Alfaro - aprile 15, 2017

    Hola queria consultarte hasta que edad se puede usar la cama al suelo..

    • Hola! La cama al suelo no tiene edad 🙂 La idea de la cama al suelo es darle independencia a los niños pequeños desde muy pronto, así que cuando ya pueden subirse y bajarse de una cama normal, se puede usar una común cama individual a altura normal. Sin embargo, también se puede seguir utilizando la cama al suelo hasta que el niño sea más mayor (como haremos nosotros): yo creo que nosotros esperaremos hasta que Oliver no exprese el deseo de tener una cama más alta (porque la ve en casa de amigos, por ejemplo). Ahora que tiene dos años la utiliza también como trampolín: quita todo de encima y salta (perfecto para gastar energia ;-). Un abrazo

  7. Hola Carlotta! Acavo de descubrir tu blog y me encanta! Enhorabuena!
    Mi nena tiene 13 meses y las noches son.. moviditas… yo también estoy llegando a la conclusión de q cada niño tiene su ritmo.. por mucho que nos empeñemos en cambiarlo…
    Hemos hecho colecho hasta este invierno q conseguimos q durmiera en una cuna colecho… que no siempre duerme ahi claro! A nosotros nos encanta tenerla cerca la verdad.. pero estoy planteándome hacerle la cama montessori y probar! Jejej ya que se mueve mucho y tal vez necesite más espacio.. no se..
    Queria consejos d como empezar… si primero probar en nuestra habitación y más tarde pasarla a la suya..? Me siento mal sacándola de nuestra habitación 😔
    Ya me dices que tal tu experiencia! Gracias!!

    • Hola Alba, bienvenida! Te cuento mi experiencia con mucho gusto pero seguro que tú tendrás que encontrar el método que funciona bien para vosotros 🙂

      Nosotros hemos empezado en una cuna colecho durante los primeros 3 meses, pero en realidad yo no dormía bien con los ruidos de Emily (se mueve mucho y estaba siempre pensando que iba a despertarse, así que no conseguía dormirme). Así que hemos empezado a que durmiera las siestas del día en su habitación en cama Montessori (y también he empezado a jugar más con ella allí para que se acostumbrara al ambiente), y cuando he notado que se despertaba allí feliz por el día, una noche la he puesto en su habitación y no he vuelto atrás. Tengo que admitir que con más espacio me parece que duerma mejor, aunque ella no es mucho de dormir (se despierta cada dos/tres horas y no sabe todavía volverse a dormir sola). Pero así por lo menos yo duermo bien esas 2/3 horas, aunque claro tengo que estar preparada a ir y volver cada vez.

      Quizás para ti sea más fácil, como con 13 meses puedes hablarle y explicarle que ahora va a tener su cama de niña grande en su habitación y que vais a empezar a dormir allí la siesta; o quizás te sea más difícil porque hasta ahora ha estado contigo… los niños son impredecibles!

      Lo que sí te aconsejo es tomar una decisión, y seguir con ella con seguridad. Los niños sienten nuestras preocupaciones e inseguridades 🙂 Así que ¡a por ello!

      No dejes de contarme que tal! Espero noticias tuyas 🙂 Muchas suerte 🍀

  8. Ciao Carlotta, abbiamo spostato il piccolo nel lettino montessori (“costruito” proprio secondo i tuoi suggerimenti) ai 4 mesi e devo dire che ci siamo trovati benissimo! Ora ha quasi 11 mesi e rotola/striscia… ma ancora di notte rotola giu dal letto, e quindi a volte lo trovo in giro per la stanza 🙂 mi chiedevo, quando riuscirà ad acquisire il concetto spaziale? Per ora ovviamente ogni notte vado di “versione nomade” e quindi preparo la base del letto con copertoni e cuscini…

    • Ciao Erica! Guarda, è molto soggettivo, Oliver non rotolava più spesso fuori dal letto dopo l’anno, ma a volte succedeva. Anche solo poche settimane fa (ha 2 anni) l’abbiamo ritrovato con il corpo sul tappeto e con la testa sul letto… dormiva così, beato! Ma da molto abbiamo smesso con la versione nomade, perché capita raramente e anche perché essendo già grande non cade, bensì “striscia” fuori 🙂 Vedrai che presto potrai togliere copertone e cuscini senza preoccupazioni! (Ora Oliver dorme in alto in un letto a castello perché stiamo preparandoci a metterli in camera insieme 🙂 Nuove avventure…)

  9. Ciao e complimenti… io ho due bimbi… la piccola di un anno alla quale vorrei il primo lettino proprio così… e il più grande di tre anni che dorme in un letto standard da solo già da un po’… ora la mia domanda è visto che dormiranno nella stessa stanza potrei farlo ad entrambi? Va bene fino a che età questo lettino? Grazie e ancora complimenti
    Martina


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.