La Tela di Carlotta
it en es

Lezioni di nuoto per bebè senza braccioli

ago 9, 2016

Devo ammetterlo, ultimamente non riesco a pensare ad altro che acqua fresca, docce fredde e galleggiare in piscina (le temperature venerdì hanno raggiunto 37 gradi qui a Marbella), quindi ti racconto di una delle attività che io e Oliver aspettiamo sempre con più ansia: il corso di nuoto. Sì, acqua appunto, non ho saputo resistere! 💦

Ma la ragione principale per cui vorrei condividere questo con te è perché questo corso di nuoto è una parte importante della nostra vita da un bel po’ di tempo—quasi un anno ormai, da quando Oliver aveva 5 mesi—e ha veramente modellato il rapporto di Oliver con l’acqua nel miglior modo possibile. E visto che io stessa adoro l’acqua, questa è una delle mie attività settimanali preferite da fare con lui.

Non voglio entrare nei dettagli di quale sia il miglior metodo per insegnare ai bambini a nuotare e perché—magari un giorno chiederèo a Helene, l’insegnante di nuoto di Oliver, di farlo—ma ora so che il tipo di insegnante e di approccio che abbiamo scelto ha fatto davvero la differenza nel rapporto di Oliver con l’acqua e per le sue future competenze nuotatrici.

Come puoi immaginare, non abbiamo scelto lezioni e metodi tradizionali: abbiamo optato per un corso in cui si evita qualsiasi tipo di bracciolo, ciambella e salvagente che si possa indossare. Queste lezioni sono strutturate e progettate accuratamente, pensate specialmente per bebè (a partire dai 4 mesi) e bambini (fino ai 3 anni) da istruttori altamente qualificati.

Noi genitori, ovviamente, siamo quelli che imparano di più: non solo tecniche di nuoto per aiutare i nostri bambini in acqua, ma anche fiducia nel processo e in noi stessi—che è molto importante, soprattutto per quei genitori che non si sentono a proprio agio nell’acqua e molto probabilmente comunicherebbero la loro ansia ai figli.

I bimbi, d’altra parte—anche se all’inizio non fanno molto da soli—imparano fin da subito non solo a non temere l’acqua, ma anche a rispettarla. Fin dalla prima lezione, Oliver è andato sott’acqua e ha imparato a trattenere il respiro quando sente le parole: “Ready, steady, go!”. A dire il vero, è incredibile quanto velocemente lo abbiano imparato tutti: si leggeva nei loro occhi già dalla terza lezione che sapevano esattamente cosa stava per succedere e cosa fare. Questo è un breve video del primo mese di lezioni di nuoto di Oliver.

Ora che Oliver ha 16 mesi, non nuota ancora né galleggia da solo, naturalmente, ma può già—e non sto esagerando: tuffarsi in piscina da seduto senza supporto (e sa bene che deve piegarsi in avanti per farlo, invece di avanzare con il sedere); tuffarsi in acqua da in piedi quasi senza supporto e girarsi sott’acqua per afferrare il bordo; muoversi lateralmente aggrappato al bordo della piscina con le mani per raggiungere le scale; galleggiare tenendosi forte ad uno di quei galleggianti a forma di spaghetto. E, naturalmente, non ha paura di immergersi, cosa che rende gli incidenti “supervisionati” non un problema: nella piscina per bambini, dove Oliver può camminare e saltare, quando va accidentalmente sott’acqua e io lo tiro su (anche se a volte riesce già da solo) sorride, si asciuga il viso con le mani e continua a giocare.

Sì, sarebbe molto più facile e più rilassante per me mettergli i braccioli e lasciarlo galleggiare “senza sorveglianza” in piscina. Ma non lo faccio, perché credo che questo metodo sia il migliore per farlo abituare all’acqua, per farlo diventare un nuotatore fiducioso più prima che poi (a questo passo potrebbe saper nuotare prima di compiere i tre anni) e insegnargli competenze di sopravvivenza fuori e dentro l’acqua che potrebbero salvargli la vita (come non entrare in piscina avanzando con il sedere, che è il metodo più efficace per battere la testa contro il bordo).

Non posso nemmeno cominciare a dirti quanto sono felice di aver trovato Helene e di aver seguito questo bel metodo per familiarizzare Oliver con l’acqua dalla tenera età.


A Marbella, trovare un corso simile è un gioco da ragazzi: Little Fishes è il corso migliore. Helene lo fondò nel 2005 e non è solo una straordinaria insegnante molto qualificato e specializzata solo in neonati e bambini piccoli, ma è anche una persona splendida che noi tutti—bimbi e mamme—adoriamo.

I corsi si svolgono nel centro benessere dell’hotel Sultan a Marbella (dove le piscine sono riempite con acqua salata con pochissimo cloro) da settembre a giugno. Ogni corso è di 10 lezioni, una volta alla settimana, e ogni lezione dura circa mezz’ora. Prezzo: 150 €/corso .

Per ulteriori informazioni, contatta Helene al numero (+34)686-498-561 o [email protected].

Commenti

silvia • ago 9, 2016

Ciao Carlotta!!
Eccomi a commentare un altro tuo articolo; questa volta però ben contenta e soddisfatta della mia situazione attuale riguardo l'argomento acqua e bimbo...
Leo va verso i 20 mesi e da quando ne aveva 7 seguiamo un corso di nuoto esattamente come quello che descrivi tu.
E qui in Italia! Il risultato è che Leo ama l'acqua più che mai e anche recentemente, durante le nostre vacanze al mare, ho potuto notare i risultati sorprendenti che abbiamo ottenuto.
Leo non ha paura dell'acqua, non utilizzo metodi che possano aiutarlo e quindi non renderlo cosciente della sua mobilità in acqua; questo significa che ho un bimbo consapevole di ciò che sta facendo, dell'ambiente in cui si trova, è più prudente e sa affrontare le situazioni che gli si presentano: dal raggiungere un punto in cui non tocca più bene e tornare indietro, all'onda improvvisa che lo sommerge e ne esce proprio come descrivi tu - si pulisce la faccia e continua a giocare.
Sa riemergere e sa galleggiare a pancia in su come metodo di sicurezza in attesa che l'aiuto (se necessario) arrivi. Questo mi rincuora molto.
Certo è da controllare a vista, ma il fatto che sappia come comportarsi mi fa sentire molto meglio.
Avevo il timore che l'acqua salata, o le onde del mare lo avrebbero fermato o spaventato e invece...gli è piaciuto molto il contatto con questa "enorme piscina salata e mossa"!
Un abbraccio!
Silvia

🌸 Carlotta • ago 15, 2016

Ciao Silvia, che bello leggerti di nuovo! Io ho sempre in mente un commento ad uno dei tuoi post, ma è ancora lì nella lista di cose da fare… quest'estate è stata non-stop finora e lo sarà ancora fino a settembre, quando Oliver inizia finalmente l'asilo. Mi sembra proprio di capire che anche tu abbia un little fish in casa! 🐠 Non è meraviglioso? Se hai voglia, mi scriveresti le info riguardo il corso che hai fatto nella tua città? Mi piacerebbe condividerlo per chi capitasse sul blog e viva dalle tue parti 😊 Un abbraccio anche a te e a Leo!

Cinzia • ago 9, 2016

Ciao Carlotta , io con Tommaso ho fatto un corso ad aprile di sei lezioni quando aveva quattro mesi. Non ha mai pianto in acqua perché a dire il vero vedevo già con il bagnetto quanto gli piacesse. Tuttora andiamo al lago almeno una volta a settimana o nella mini piscinetta dove sta seduto e gli piace assai. Per il mare avevo comprato il classico baby boat dove stava seduto ma la mutandine era troppo lunga e quindi praticamente era sprofondato dentro senza via di scampo , soprattutto senza la possibilità di toccare l'acqua con le mani cosa che gli piace parecchio. On line ho trovato lo swim trainer e adesso al lago ogni tanto uso quello così è in posizione supina con le braccia fuori e si diverte un sacco e muove le gambine per spostarsi. Conto in autunno di ricominciare un corso di nuoto di nuovo. Ciao

🌸 Carlotta • ago 15, 2016

Cinzia, grazie per il tuo commento e per condividere la tua esperienza. Darò senz'altro un'occhiata a questo swim trainer di cui parli, non lo conosco. Un abbraccio 🌸

Cinzia • ago 9, 2016

Chiedo venia. È' in posizione prona non supina ... Ahhhh altrimenti nuoterebbe a dorso e mi pare un po' presto hihihi

🌸 Silvia • lug 27, 2020

Ciao io ho un bimbo di 8 mesi purtroppo con la dermatite atopica ed ho potuto iniziare ad immergere Matteo in acqua solo ora con mio grande dispiacere essendo una nuotatrice da tanti anni. Ma nonostante questo il mio cucciolo adora l’acqua e non ho acquistato ne ciambelle ne altri supporti se non le braccia di mamma con cui si sente protetto e sicuro... muove sia braccia che gambe tenuto sotto le ascelle parallelo all’acqua. Ho una curiosità come e quando iniziare a immergere anche la testa? considerando che l’acqua al mare non è caldissima sopratutto dalle 7 alle 10 orario in cui andiamo al mare.... spero questo inverno di poter iniziare un corso in piscina come quello visto nel video... deve essere ancora più emozionante!!!

🌸 Carlotta • lug 30, 2020

Cara Silvia, mi spiace di leggere della dermatite, ma vedrai che non è u problema… con Oliver, mi sembra, avevo iniziato a 6 mesi e da sempre lui è un pesce (anche se anche lui è passato per periodi di rigetto). Detto questo, non sono la persona più adatta a rispondere a questa domanda, perché non sono un'istruttrice di nuoto :-) Ma nella nostra esperienza, credo che il mio momento migliore sia quando avviene con naturalezza. Ho notato che specialmente con l'acqua, più si riesce a renderlo un approccio spontaneo e naturale, più l'esperienza è piacevole per tutti. Quindi direi di mostrargli con il tuo esempio al mare, metti la testa sotto tu, ma senza chiederlo di farlo a lui, e magari un giorno sarà incuriosito e proverà. Altrimenti quando troverai un corso valido in inverno sicuramente sapranno come farlo gradualmente, prima con canzoncine che fanno spruzzi per abituare lentamente all'acqua negli occhi e poi… sotto! L'importante, per me, è trovare un corso e un istruttore valido e che capiscano l'importanza di seguire il bambino! 🌸 In bocca al lupo!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!