Multilinguismo in Montessori: un altro strumento per educare alla pace

15 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

A maggio, mentre preparavo la mia intervista per il Congreso Online Montessori 2018, riflettevo su come il multilinguismo possa essere anche uno strumento per educare i nostri figli alla pace. E ho capito questo: sapevo di voler regalare ai miei figli italiano e finlandese e la possibilità di comunicare con le nostre rispettive famiglie e culture, ma non è questo il motivo per cui volevo che i miei figli fossero multilingue.

La vera ragione (oltre a tutti i benefici scientificamente provati che il multilinguismo dà al cervello) è che so cosa significa parlare più lingue fluentemente, ma non essere completamente multilingue. So cosa vuol dire non aver imparato quelle lingue dalla nascita e ho faticato per anni (e fatico ancora) per raggiungere il livello a cui sono oggi, perché solo quando ho iniziato a parlare fluentemente l’inglese, ho potuto iniziare davvero a imparare la lingua.

Parlare una lingua non è solo conoscere le parole e riuscire a metterle insieme nel giusto ordine: una lingua è una finestra sulla cultura dietro la lingua, la geografia del suo paese, la storia della sua gente, le sue tradizioni, abitudini, anche il loro modo di pensare.

Un giorno la mia amica Marisa ha detto qualcosa che ha immediatamente fatto click nel mio cervello: sua figlia Bella (4 anni) non parla solo inglese e spagnolo, diventa inglese o spagnola a seconda della lingua che parla. È più tranquilla ed educata (secondo i suoi standard) in inglese ed è più rumorosa e caotica in spagnolo (viviamo nel sud della Spagna ;-).

Questa doppia, tripla, quadrupla “personalità” è il motivo per cui non smetterò mai di motivare i genitori ad esporre i loro figli a quante più lingue possibili dalla nascita e specialmente nei primi sei anni di vita, quando i bambini sono dei geni nell’apprendimento delle lingue. Perché quando impari una lingua dalla nascita, non impari solo un nuovo modo di comunicare, acquisisci una nuova lingua madre e una nuova cultura.

L’obiettivo principale di Maria Montessori era educare una generazione di persone che credessero (e vivessero) nella pace. Se la pensiamo in questi termini, il multilinguismo può essere visto come un altro strumento per educare le generazioni future, i nostri figli, verso la pace.

Perché per me è chiarissimo.

Le lingue possono essere pareti o ponti tra le culture ed esponendo i nostri bambini a più di una lingua fin dalla nascita, li stiamo esponendo automaticamente alle culture dietro quelle lingue e insegnando loro a costruire ponti: è come se stessimo ricalibrando il loro cervello ad essere più tollerante, più comprensivo, più rispettoso del “diverso”; stiamo dando loro gli strumenti per sviluppare il loro pieno potenziale di esseri sociali e diventare cittadini del mondo — gli adulti del domani.


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Mi chiamo Carlotta, ho 33 anni, sono italiana, sposata con un finlandese e insieme cresciamo i nostri bimbi, Oliver (4) ed Emily (2), Montessori e multilingue. Stiamo vendendo tutto per viaggiare il mondo.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Grazie mille Carlotta per avermi ricordato alcuni concetti importanti. Quando studiavo lingue all’università ricordo che una professoressa insisteva su questo punto: parlare una lingua straniera è come indossare una maschera buffa, se ci rendiamo un pochino ridicoli cadono le paure e le barriere 🙂
    Marta

    • Che bellissimo commento, grazie Marta! E le parole della tua professoressa mi sa che dovrò prenderle in prestito in qualche post futuro, mi sono piaciute tantissimo!

  2. Loved this post! We’re half French, half English (which might be more similar as cultures than Spanish and English) so I don’t see a big difference when my child speaks one language or the other, but I absolutely love how he switches from one to the other with no effort at all. And I also believe that speaking more than one language gives kids the ability to be more empathetic. Thanks for sharing!

    • Thanks for your comment! I also don’t notice much the difference when Oliver (for Emily it’s early to say) speaks one language or the other. I think it also depends on the personalities of the parents (in Bella’s case the mom is very English and the dad very Spanish ;-). But yes, I love how they switched with ease between languages (and I’m also a bit envious, my brain sometimes can’t do it, especially when I’m tired!). Thank YOU for sharing!

  3. La lingua con cui sono cresciuta è l’italiano, ma il mio fidanzato è svedese e mia madre è francese e che sarà molto presente nella vita di nostro figlio. Ho pensato alla possibilità di parlare con nostro figlio in francese, visto che lo parlo, ma non so se mi sentirei a mio agio. Cosa mi consigli?

    • Non ho dubbi: io fossi in te, parlerei italiano e chiederei a tua madre di parlare solo francese. In questo modo tuo figlio crescerebbe con tre lingue materne, che bellissimo regalo! E in più se decidi di parlare italiano che è una lingua con cui ti senti più a tuo agio, sarà un beneficio anche quando arriverà il momento di conversazioni più profonde. Buona fortuna e grazie per il tuo commento!

  4. Vi tu ponencia en el congreso online Montessori y me encantó y justo me quedé con este concepto de idiomas como puentes, muy bonito. Muchas gracias por seguir escribiendo sobre el tema.

    • Gracias a ti, Carmen! Tengo planeados más articulos inspirados en mi ponencia en el congreso. Un abrazo fuerte!

  5. Ciao Carlotta, anch io credo che sia uno strumento importantissimo il fatto di parlare piu lingue, Vivo in Corsica da 8 anni, mio marito parla solo francese, abbiamo un bimbo di quasi tre anni, io gli parlo in italiano, lui capisce tutti e due, si vede, ma ancora non dice una parola. Intorno a me mi dicono che sarebbe meglio parlargli solo in francese, che lo sbloccherebbe, che gli renderebbe la vita piu facile quando entrera all asilo a settembre. Penso che non sia cosi, anche se in fondo in fondo un velo di inquietudine ce l ho,,,,forse i bambini non sono tutti uguali, , ,forse il mio e solo timido,,,,,spero di non essere uscita troppo dal tema,,,un abbraccio

    • Carlotta - Marzo 18, 2019

      Cara Marcy, il velo di inquietudine non passa mai! Anche io quando vedevo che Oliver parlava SOLO inglese tutto il tempo, nonostante io parlassi con lui solo italiano, ero preoccupata, ma mi sono fidata di lui e del suo immenso potenziale e qualche mese fa (a oltre 3 anni e mezzo), da un giorno all’altro, ha iniziato a rispondermi in italiano! Ogni bimbo ha i suoi tempi, fidati del tuo piccolo! Un abbraccio PS. Hai letto gli altri articoli sul multilinguismo che ho scritto? Tra poco ne pubblicherò uno sui progressi di Oliver!

  6. Certo che sí! In linguistica si conosce come “relativismo linguistico” e/o ipotesi di Sapir-Whorf.
    Anch’io lo sperimento sui miei figli e su me stessa!
    Un abbraccio 😘

  7. Certo che sí. In linguistica si conosce come “relativismo linguistico” e/o ipotesi de Sapir-Whorf.
    Io lo sperimento tutti i giorni sui miei figli e su me stessa.
    Un abbraccio.

  8. De acuerdo Carlotta !
    El idioma viene con toda una cultura detrás y es enriquecedor exponer a nuestros hijos a esas diversidad.
    Tienes alguna recomendación sobre cómo crear grupos multiculturales en nuestras ciudades ? Te escuche en el congreso online y decías que podíamos armar un día con una mama que hablara por ejemplo francés pero kinpregunta es que actividades se pueden realizar ese día con la mama que habla otro idioma y si es recomendable que nosotras que no hablamos ese idioma estemos o no en la actividad (por el tema que no vamos a poder hablar en el idioma elegido).
    Gracias


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere gli ultimi post direttamente in mail. Solo una mail al mese. No spam (giurin giuretto!) 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.

Imprint  ·  Privacy Policy