La Tela di Carlotta
it en es

Montreal con bambini piccoli

lug 29, 2018

Grazie a David dell’Ufficio del Turismo di Montreal (guarda che bella Montreal sul loro Instagram account) che ha suggerito e organizzato tante di queste attività per noi durante il mese che siamo stati a Montreal.


Abbiamo sempre desiderato visitare il Canada (in estate, ovviamente ;-) e mentre cercavamo una destinazione per l’estate 2018, abbiamo scoperto che i voli Malaga-Montreal non sono solo economici e relativamente veloci (7 ore), ma anche diretti!

L’idea di non dover fare scalo con due bambini piccoli ci ha venduto il Canada est in un battibaleno e Montreal si è rivelata non solo una città bellissima che mi mancherà tantissimo, ma anche un ottimo punto di partenza per viaggiare nel Canada orientale.

Abbiamo scelto di stare a Montreal tutto il mese di luglio sia perché avevamo bisogno di una base a lungo termine per fare vita personale e lavorativa normale (abbiamo trovato una babysitter meravigliosa), ma soprattutto perché sembrava la più adatta ai bambini. Avevamo ragione.

Se visiti Montreal con bimbi piccoli, in questo post troverai tutti i nostri posti preferiti scoperti in un mese—quelli che sono piaciuti di più a Oliver (3) ed Emily (1.5) e che hanno quindi garantito la mia sopravvivenza.

Se clicchi su ogni nome ti porta direttamente all’ubicazione su Google e al fondo del post puoi trovare una lista con tutti i siti web.

Qui ti lascio la mia collezione di posti per bambini a Montreal in Apple Maps.

Quartieri

Non potevamo scegliere meglio: se venite a Montreal con bambini piccoli, Le Plateau Mont-Royal è un’ottima base e se preferite AirBnb noi siamo stati felicissimi nell’appartamento di Franck (è a livello della strada che lo rende perfetto per il passeggino: tante case qui, infatti, hanno le caratteristiche scale a chiocciola per accedervi). Ci sono tantissimi parchi giochi e il bel parco La Fontaine è a poche centinaia di metri.

A pochi isolati, trovate anche il quartiere Laurier, adatto alle famiglie, con negozietti per bambini (come Boutique Ciconia), un supermercato molto fornito, bar family-friendly e un bel parco con piscina pubblica.

Ovunque tu decida di stare, tieni presente che ci sono molte scale ovunque (metro, ristoranti ecc): noi lo abbiamo risolto lasciando il passeggino fuori in strada dove possible o semplicemente usando il marsupio per brevi distanze.

Parchi giochi

Se hai mai provato a visitare una città con bimbi piccoli, saprai che più che andare da un’attrazione all’altra, si va da un parco giochi all’altro: Montreal è la città perfetta! Ci sono parchi giochi meravigliosi, pieni di attività per bimbi piccoli e grandi e tutti diversi. Questo sito web è stato una salvezza quando abbiamo dovuto trovare un parco giochi.

I nostri preferiti finora nel nostro quartiere:

Albert-Saint-Martin: con un sacco di giocattoli da sabbia, auto e tricicli che i bambini possono usare.

La Fontaine: questo parco è fantastico per trascorrere un’intera mattinata. Di solito arriviamo presto, intorno alle 9:00, guardiamo gli scoiattoli per circa 20 minuti, poi restiamo al parco giochi per circa un’ora e mezza e poi andiamo nella  dove i bambini giocano facilmente altre 2 ore. E poi è già ora di pranzo! C’è un piccolo caffè lì vicino, House Cyclists, che fa dei panini buoni e freschi.

Sir-Wilfrid-Laurier: Il parco giochi è ampio, con panchine e tavoli all’ombra e c’è una piscina full size + piscina per bambini dove puoi entrare gratuitamente nei giorni feriali.

Mont Royal

Questo non è solo un parco, o un parco giochi, o un’attività, o un’attrazione: è tutte a quattro messe insieme. Montreal ha una montagna nel mezzo della città (proprio così!), con sentieri, un lago bellissimo, colline verdi e un parco giochi. Davvero, NON puoi visitare Montreal senza spendere un po’ di tempo qui, magari con nuovi amici e un picnic (grazie a Eva e famiglia per un meraviglioso pomeriggio).

I bus 11 e 711 partono dalla stazione metro di Mont Royal e ti portano diretto là. Le domeniche d’estate puoi fare una fermata al monumento Sir George-Étienne Cartier per vedere Les Tam-Tams, una riunione di percussionisti, ballerini e venditori ambulanti.

Luoghi adatti ai bambini che abbiamo adorato:

Ze Yéti

Questo è stato il nostro preferito e abbiamo trascorso qui ore interminabili di grande divertimento per i bambini e lavoro produttivo per me (è da qui che sto scrivendo questo post ;-). Il loro menu è tutto fatto in casa e sano e hanno anche un piccolo negozio di prodotti ecologici.

Bouge Petit

Abbiamo passato qui un’intera mattinata dalle 10 alle 14, e i bambini si sono divertiti così tanto che io ho potuto lavorare per un paio d’ore di fila! Noi abbiamo mangiato omelette fatte in casa con prosciutto e formaggio, ma c’è anche una selezione di spuntini salutari. Devi prenotare un giorno/ora sul loro sito web e portarti dietro i calzini.

A pochi isolati di distanza, c’è un negozio per bambini molto carino, Calins et Popotin, dove puoi trovare praticamente tutto, dai pannolini lavabili agli occhiali da sole ai passeggini.

The Doggy Cafe

A Oliver ed Emily mancava Colbie e allora abbiamo deciso di portarli qui. Si sono divertiti tanto ad accarezzare i cani e guardarli giocare, e da allora Oliver ha chiesto ogni giorno di tornarci (per un mese intero!). Menù vegetariano.

Biblioteca Marc Favreau

L’area dei bambini in questa biblioteca è fornita e non troppo grande (che a volte rende tutto più difficile con due bambini piccoli) e hanno un’ottima selezione sia per l’età di Oliver che per quella di Emily. C’è un parco giochi all’aperto a pochi metri. Con una veloce ricerca su Google “Library Children Montreal” troverai un sacco di altre biblioteche con aree per bambini ancora più fornite e grandi.

Café Les Entretiens

Abbiamo adorato la nostra colazione qui! C’è un tavolo per famiglie vicino a un scaffale con giocattoli, libri e puzzle, che è stato perfetto per intrattenere i bambini e permetterci di goderci una colazione rilassante (e deliziosa!) e un caffè in una tazza gigante da zuppa! Poi fatti una passeggiata nel quartiere Laurier, uno dei miei preferiti in città.

Le Moineau Masqué

Anche qui ci siamo goduti una colazione rilassante. Il proprietario è molto cordiale, i dolcetti deliziosi e c’è un tavolo per famiglie con alcuni giocattoli in un barattolo e una selezione di libri per bambini, sufficiente ad intrattenere sia Oliver che Emily. Il posto è piccolo, quindi non è sempre facile trovare un tavolo libero, ma c’è anche un patio carino.

Attività per bambini che abbiamo adorato:

La zona del Vecchio Porto di Montreal è piena di attività divertenti e ideali per tutta la famiglia, noi ci andavamo almeno una o due volte a settimana.

The Clock Tower + parco giochi

Nonostante avesse un po’ di paura, Oliver si è divertito a salire tutti i 189 gradini fino alla cima della Torre dell’Orologio e osservare il porto dall’alto. A poche centinaia di metri ci sono anche un parco giochi carino e La Grande Roue (ruota panoramica): da lunedì a giovedì dalle 10:00 alle 14:00 c’è un prezzo speciale.

Centre des Sciences

Ottimo per trascorrere una mattinata o un pomeriggio. Pensavo che l’area Click sarebbe stata l’unica adatta ad Oliver ed Emily, ma la mostra Science26 al piano superiore è stata un successone per tutta la famiglia. In realtà non sapevamo che il centro chiudeva alle 17:00 e avremmo potuto trascorrere facilmente un’altra ora. Vai con parecchio tempo a disposizione perché ti sorprenderà.

ÉcoRécréo

Ad Oliver ed Emily (e a mamma e papà) è piaciuto tanto il pedalò. Pensavo che Emily sarebbe stata troppo piccola, e invece è rimasta seduta sola dietro per tutto il tempo e si è goduta il giro di mezz’ora. Si può anche scegliere un combo di pedalò e risciò.

Voiles en Voiles

Questo è uno di quei posti dove farei l’abbonamento annuale. Per Emily è decisamente presto, ma Oliver ha fatto il percorso per bambini mille volte di fila, ha scalato, ha fatto tutti gli scivoli e ha pesino provato la zipline (che ha poi voluto rifare!). Se andate in due, uno dei genitori può stare con entrambi i bimbi, mentre l’altro si fa un paio di percorsi in aria. Emily si è poi divertita nel parco dei castelli gonfiabili dove è anche salita più volte sul carosello.

Planetarium + Botanical Gardens + Insectarium

Questa combinazione è perfetta per un’intera mattinata + pranzo. Al planetario, di solito c’è uno spettacolo per bambini alle 9:30 che consiglio vivamente: è un film breve seguito da uno spettacolo interattivo sullo spazio e i pianeti che ci è piaciuto tantissimo. Dopo puoi visitare la sala principale (se non vuoi vedere lo spettacolo, l’entrata al planetario è gratuita), ma ci sono poche attività per l’età di Oliver (e nessuna per Emily).

Già che sei in zona, puoi fare un picnic ai giardini botanici, passeggiare alla ricerca di fiori e piante, giocare nel parco giochi e visitare l’Insectarium (che è stato il preferito di Oliver)… io ho perfino superato una paura e preso in mano un insetto gigante (vedi Instagram). La caffetteria all’ingresso vende ottimi involtini e panini, e nel parco ci sono altri piccoli chioschi. MA non aspettarti sculture di piante come le foto che trovi su Google perché sfortunatamente era un’esibizione temporanea di qualche anno fa e non ci sono più (siamo rimasti molto delusi).

AmphiBus

Una delle mie attività preferite: adoro le visite guidate che mi raccontano aneddoti interessanti sulle città e ho potuto farne almeno una a Montreal proprio grazie a questo bus con grandi finestre aperte, senza cinture (le restrizioni con Emily al momento non funzionano molto) e che si trasforma in una barca! Non lo avevamo detto a Oliver e non puoi immaginare la sua faccia quando il è bus è entrato in acqua!

La Ronde

I parchi dei divertimenti non sono proprio la mia attività preferita, tanto meno con due bimbi piccoli, ma devo ammettere che a La Ronde ci sono così tante attrazioni per i più piccoli — che Oliver può fare da solo ed Emily accompagnata — che è stata una giornata divertente per tutta la famiglia (e sorprendentemente nemmeno troppo stancante). Ovviamente, se vuoi un pranzo sano, devi portartelo da casa ;-)

Links:

Ze Yéti

Bouge Petit

The Doggy Cafe

Le Moineau Masqué

Café Les Entretiens

Bibliotèque Marc Favreau

Old Port Of Montreal

Voiles en Voiles

Science Centre

Écorécréo

Botanical Gardens

Planetarium

Insectarium

Amphibus

Observatory 360

Grande Roue (ruota panoramica)

La Ronde

Calins et Popotin

Boutique Ciconia

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!