🌸 La Tela di Carlotta
Accedi
it en es

NO alla TV in asili e scuole

L’altro giorno ho letto un testo scritto da Marta Prada de Pequefelicidad sul suo account Instagram.

Le sue parole hanno toccato corde profonde, perché mi hanno riportato alla mente un’esperienza che ho vissuto in prima persona quando cercavo un asilo per Oliver a Marbella (tre anni fa): quasi tutti gli asili che avevo trovato, anche quelli che mi piacevano di più, usavano la televisione come babysitter—in momenti morti, aspettando i genitori in ritardo, prima di pranzo, per chi non voleva fare il pisolino (!).
 
Quando dicevo a direttori ed educatori che non era giusto, le loro risposte erano ridicole.
 
Ti lascio una lista delle loro scuse e le mie risposte:
 
“Non mettiamo i video, è solo per le canzoni” -> NO! Per questo ci sono gli mp3 o la tua voce
 
“È solo per rilassarsi” -> NO! Per rilassarci guardiamo un libro, ci sdraiamo con gli occhi chiusi, ci sediamo in silenzio tenendoci per mano. La TV agita il cervello, non lo rilassa.
 
“È solo per consentire alla maestra di mettere il cibo in tavola” -> NO! Assumi una persona che metta il cibo in tavola, non è il lavoro dei maestri.
 
“È perché alcuni bambini non mangiano senza TV” -> NO! Se hanno fame, mangiano. Altrimenti, lascia che scelgano, metti un po’ di frutta a loro disposizione quando hanno fame.
 
“Già, ti capisco, anche io non lascio che i miei figli guardino la TV a casa” -> NO, NO e NO! Allora perché lo fai nella tua SCUOLA? Con i MIEI figli?
 
Cari direttori ed educatori di scuole e asili, noi genitori ci sacrifichiamo e facciamo un sforzo quotidiano per trovare altre forme di intrattenimento che non siano TV e schermi: a volte ci piacerebbe mettere i nostri figli un intero pomeriggio davanti a un film e lavorare o anche solo rilassarci.
 
E sì, sarò onesta, a volte lo facciamo anche noi, li sediamo davanti alla TV. Ma non ci rimane altra opzione, non ne possiamo più, siamo stremati, abbiamo bisogno di un momento di silenzio, abbiamo raggiunto il limite: l’alternativa sarebbe un pomeriggio di urla e conseguenti pianti e tutto rimarrebbe nei nostri cuori e nei cuori dei nostri figli.
 
Ora ditemi, qual è la VOSTRA ragione?
 
Avete TUTTE le opzioni: insegnanti e caregiver qualificati, tantissime attività, giocattoli e risorse, ambienti professionali e preparati… mettere i nostri figli davanti alla TV è davvero il meglio che sa fare il vostro staff?
 
E forse è anche colpa nostra, dei genitori, per non condannarlo e costringervi a cambiare, ma mi volete davvero dire che usare la TV come babysitter è il meglio che siete capaci di fare nella vostra scuola?
 
Non ci credo.
 
E se è così, be’, grazie, ma cambio scuola, perché ho imparato a lottare per quello che voglio cambiare nel mondo.

Testo di Marta Prada (vedi anche il suo blog e il suo Instagram, in spagnolo)

NO ALLA TV A SCUOLA ⛔

Dozzine di studi dimostrano che quanto più alta è l’esposizione agli schermi, maggiore è il danno allo sviluppo del bambino su diversi livelli.

Durante i primi 6 anni di vita l’essere umano ha una mente assorbente. Ciò significa che tutto ciò che VIVE si integra nella tua personalità per il resto della sua vita. La struttura di base del nostro cervello e della nostra personalità si forma in questi primi anni.

Davanti allo schermo, il bambino riceve ad ogni minuto una realtà dinamica che impatta con centinaia di piani, angoli, movimenti, disegni, molti casi di realtà che non esistono, colori, suoni… È come mettere il cervello nel programma di centrifuga della lavatrice.

Per questo quando spegni la TV molti bambini mostrano ancora gli effetti della centrifuga e sono più nervosi, agitati, con mancanza di concentrazione, anche più aggressivi… Non tutti i bambini mostrano gli stessi effetti dannosi, ma è dannoso per tutti allo stesso modo.

Per questa ragione, gli schermi NON sono una buona risorsa a scuola.

Giorni di pioggia? Sposta i banchi con i bambini, che servirà loro anche a canalizzare l’energia in modo intelligente, e poi gioca a giochi divertenti. Vai in palestra.

¿Canzoni? Canta con i bambini, dai loro strumenti a percussione. Racconta una storia con marionette…

Momento delle giacche? Mostra loro come aspettare, usa un cerchio, metti l’appendiabiti in un altro posto…

Il bambino non si diverte davanti allo schermo, entra in uno stato di autoassorbimento.

I bambini non hanno bisogno di schermi per mangiare, hanno bisogno di assaggiare il cibo, masticare, sentire la sazietà; hanno bisogno di limiti, hanno bisogno di grazia e cortesia, hanno bisogno di qualcuno che li conquisti…

I bambini hanno bisogno di emozionarsi per imparare e questo glielo dà l’esperienza. Hanno bisogno di vivere, è così che imparano a parlare, a camminare, a mangiare… facendo pratica.

Più possibilità di esperienza, di manipolazione, di movimento, più ascoltare i bambini, più ispirare… Fuori gli schermi.

Video pedagogici? Possono essere una risorsa molto puntuale dall’età di 6 anni, come supporto, per mostrare ad esempio un vero vulcano in eruzione o qualcosa del mondo reale a cui vogliamo avvicinare i bambini.

⛔ NO TV a scuola ⛔