La Tela di Carlotta
it en es

Non sono Wonder Woman (non sempre)

dic 1, 2016

Per la prima volta nella mia vita mi hanno fatto appendere il mio mantello di Wonder Woman al chiodo e mi hanno messa a riposo forzato. A me!

Non mi sono mai rotta nulla, mai stata in un ospedale (se non per partorire), mai stata malata in casa per più di due giorni. Mi piace tenermi occupata, riempire ogni minuto della mia giornata con qualcosa da fare, adoro i programmi (anche se raramente vanno come voglio), vedere amici e andare in giro con Oliver. Non mi fermo mai. Ho sempre pensato a me stessa come una sorta di Wonder Woman.

Be’, a quanto pare, non lo sono.

Per farla breve, venerdì sera sono andata al pronto soccorso per un dolore acuto al basso ventre che mi aveva dato fastidio tutta la settimana. Non ho avuto cattive notizie, ma nemmeno buone. La testa della piccola è estremamente bassa (del tipo “in via d’uscita”, che è ciò che provoca le fitte), ma lei purtroppo non ha preso molto peso nelle ultime tre settimane e, anche se abbiamo raggiunto la 35° settimana martedì e anche i polmoni sono finalmente completamente sviluppati, è ancora troppo piccola per venire a conoscerci.

Niente di tutto questo sarebbe un problema se non avessi molte (tipo una miriade di) contrazioni quando mi muovo. Sono abituata alle contrazioni, le ho avute forti e chiare a partire dalla settimana 20 in entrambe le gravidanze—le famose Braxton Hicks di preparazione—ma nelle ultime due settimane sono aumentate in lunghezza, frequenza e intensità… e assomigliano più al quelle che potrebbero iniziare il travaglio se non tenute sotto controllo.

Così eccomi qui, sul divano, in “modalità incubatrice” (ovvero vegetale sul divano), annoiata a morte, ma determinata a dare alla nostra piccola la sua migliore chance di arrivare in questo mondo già pronta—ovvero non troppo presto, possibilmente intorno alla settimana 37 e senza bisogno di incubatrice.

Ora, penserai che è un momento perfetto per essere produttiva, scrivere molto e finire un sacco di progetti che ho in mente, ma ho scoperto che la mia mente ha bisogno di un corpo e di una attivi (e forse il mantello da Wonder Woman) per sentirsi ispirata. Mannaggia! Certo che la vita ha dei buffi modi di insegnarci cose nuove—anche se questa può essere una di quelle lezioni che non farò mia, perché il mio stile di vita attivo mi piace troppo.

Continuerò a scrivere qui ovviamente ed entrare in punta di piedi nei tuoi telefoni e computer (se ti va), ma non prometto post particolarmente ispirati. Prenderò la mia lista di bozze e le scriverò una ad una… tra queste bozze ho trovato: cosa mi ha insegnato l’asilo di Oliver finora, due segreti per far sì che i genitori tornino squadra dopo un bambino, come organizzare un semplice baby-shower (e bellissime idee di regali), recensioni dei giocattoli preferiti di Oliver, meglio una sfida o una bolla di cristallo per i nostri bimbi?, prodotti di bellezza per bambini e come scendo a compromessi…

E, naturalmente, cercherò anche di finire un progetto Montessori che ho in mente (e sul desktop del mio Macbook) da un po’. Ti piacerà!

Insomma, sarò anche a riposo forzato nella vita reale, ma su La Tela sono ancora Wonder Woman (o come mi ha giustamente fatto notare una lettrice, Wonder Sofa! Grazie, Marta! ;-) Stay tuned!

PS. Ieri pensavo a quanto sia fortunata… ci sono donne che si passano l’intera gravidanza a letto, a me sono toccate solo poche settimane. E inoltre Alex è meraviglioso e zia Cri è arrivata in nostro soccorso e sta facendo un po’ da Cenerentola, un po’ da Mary Poppins, un po’ da infermiera (“bevi!” e “stai seduta” sono le sue frasi preferite) e nelle ore libere da studentessa di Economics and Management.

AGGIORNAMENTO

Dopo qualche giorno di riposo, nell’ecografia effettuata dalla mia ginecologa, Emily aveva già preso circa 500gr, che lascia pensare (mi spiega la dottoressa) che il ginecologo del pronto soccorso avesse calcolato male il peso perché la testa è molto bassa e difficile da misurare. Continuo ad avere parecchie contrazioni (ma il mio corpo funziona così, anche nella prima gravidanza), ma martedì prossimo, 13 dicembre, raggiungiamo la settimana 37 in cui la gravidanza si considera a termine e potrò ricominciare vita “quasi” normale fino a quando la piccola decide di arrivare. (Per la mia mamma: non ti preoccupare che il mantello di Wonder Woman non lo rimetto fin dopo il parto )

Commenti

Francesca_La dote della formica • dic 1, 2016

Sono sicura che wonder woman non va mai in ferie anche stando a riposo forzato! Riposati e recupera le forze per la vostra nuova vita a quattro!! :-)

🌸 Carlotta • feb 26, 2017

Francesca, Wonder Woman è tornata al lavoro ed è più indaffarata che mai, ma contenta di esserlo! Grazie per il tuo commento e scusami se rispondo solo ora (me n'ero dimenticata fino ad oggi che l'ho ritrovato per caso!). Un abbraccio

mamma • dic 4, 2016

Spero tutto vada per il meglio.
Mentre leggevo di salti allo spettacolo di danza e di vita attiva, pensavo "speriamo tutto vada bene".
Perchè tu forse sei davvero mezza wonder woman, ma ci sono donne che non lo sono. Per stili di vita, età, genetica, etc etc.
E se una non lo è cosa fa leggendo il tuo blog? Se sa di non esserlo forse si sente sbagliata/sfortunata. Se non sa di non esserlo è anche peggio, perchè può diventare incoscente.
Tu dici che la gravidanza non è una malattia. E' vero. Ma è anche uno stato eccezionale del corpo. Che siamo biologicamente costuite per affrontare - ma che ugualmente non è normale. Il nostro corpo cambia, e ciò richiede dei cambiamenti. Per fortuna il nostro corpo è molto più responsabile di noi, e quando i cambiamenti non arrivano, ce li impone.
Buon riposo.

🌸 Carlotta • dic 7, 2016

Grazie, mami.
Credo sia importante e responsabile (e lo ribadisco sempre nei miei post) che ognuno ascolti il proprio corpo e il ginecologo che segue la gravidanza.
La gravidanza è uno stato eccezionale del corpo, ma allo stesso molto naturale. Certo, se non si è abituati a lunghe ore di duro esercizio fisico, non si può iniziare in gravidanza, questo è logico: ma se ci si sente bene, ginecologi e ostetriche sono i primi a consigliare di non cambiare il proprio stile di vita (anzi, al corso preparto, consigliano proprio di camminare almeno un'ora al giorno senza fermarsi anche se non si è abituati, perché il parto può essere lungo e la mamma deve assolutamente fortificare i polmoni e la resistenza).
Ed è per questo che, nonostante Emily sia sempre stata più piccolina del previsto, la ginecologa mi ha comunque sempre incoraggiata a mantenere il mio stile di vita normale e salutare (è venuta perfino a vedere il mio spettacolo di ballo a sette mesi!), e ascoltare (come sto facendo) i messaggi del corpo, che è una macchina meravigliosa :-)

Gabriele • dic 6, 2016

Carlotta, leggo solo ora il tuo post e ti auguro che tutto vada per il meglio, rinunciare ad essere wonder woman, a volte, e necessario ed ha i suoi vantaggi.

Nel frattempo qui e' arrivato Stefano che, a differenza di Emily, non aveva molta fretta di uscire tanto che abbiamo dovuto indurre il parto alla settimana 41+3.
Parto naturale iniziato in acqua e terminato in modo un po' concitato con un epidurale e il piccolino che uscito blu come un puffo. Per fortuna si e' ripreso subito e ora ci stiamo "godendo" i primi giorni a casa con questa meraviglia che gia' pesa quasi 4Kg e non pensa altro che a mangiare.

Un grosso in bocca al lupo e un abbraccio.

🌸 Carlotta • feb 26, 2017

Gabriele, scusami, non ti ho mai risposto a questa bellissima notizia, l'ho ritrovato ora per caso! Ormai, dopo oltre due mesi, sarete genitori provetti con il piccolo Stefano! Spero stia andando tutto alla grande, mando un grande abbraccio a tutti e tre!

Gabriele • feb 27, 2017

Ciao Carlotta!
Ahah! Genitori provetti... si, come no :)
Diciamo che ci sono giorni un cui ci illudiamo di aver capito tutto su come farlo dormire, giocare, su come non farlo piangere mentre cerchiamo di fare almeno una cena seduti assieme, per poi renderci conto che non abbiamo capito niente....
Insomma, tutto normale... un'esperienza impegnativa e straordinaria al tempo stesso!
Un grande abbraccio a tutti voi, leggo sempre i tuoi post e spesso mi chiedo come sarebbe con 2 bimbi...

Silvia • dic 6, 2016

Anche io ho passato un mese a casa a riposo forzato per rischio di parto pretermine, per poi dare alla luce Alex a luglio a 40+4 quindi oltre il termine! Se ti può consolare, almeno tu non hai il caldo opprimente dell'estate :-)
Approvo al 100% questo voler dare alla piccola la sua migliore chance, brava mamma!

🌸 Carlotta • feb 26, 2017

Silvia, scusa per il ritardo, mi sono resa conto di non aver mai risposto ai commenti di questo post! :-( Alla fine avrai letto che Emily è nata il 31 dicembre :-) Mannaggia questi bimbi che ci fanno prendere spaventi e poi escono a termine hihi! Un abbraccio 🌸

Eleonora • dic 12, 2016

Ciao Wonder Mamma! Noi anche abbiamo passato gran parte della gravidanza immobili. Tra distacco di placenta, contrazioni precoci e testa incanalata a 32 settimane... Ma è andata. É nata a 37 weeks di 3kg tondi tondi e neanche un minuto di incubatrice.
Tieni duro..passa. Passa e sarà solo un ricordo di quando potevi riposarti ...😂 Un abbraccio a voi!

🌸 Carlotta • feb 26, 2017

Cara Eleonora, non ti ho masi risposto qui, scusami, ma avevi pienamente ragione… È passato in fretta (così come la possibilità di rilassarci ;-). Un forte abbraccio

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!