La Tela di Carlotta
it en es

Una nota personale sulla deprivazione di sonno

ott 30, 2017

Molto prima di avere figli, io e Alex ci eravamo abituati a svegliarci tra le 5.30 e le 6 del mattino, a volte per andare a correre, a volte solo per iniziare in quinta la giornata. Non sono mai stata un’allodola, ma avevo preso una decisione consapevole di dormire meno per fare di più. E mi piaceva!

Allora, non avrei mai immaginato che solo pochi anni dopo non solo non avrei più potuto decidere autonomamente se dormire più o meno, ma che dormire meno avrebbe influenzato negativamente ogni aspetto della mia vita da sveglia.

Se mi segui su Instagram o Facebook, probabilmente sai già che da quando la nostra piccola dolce Emily è arrivata nove mesi fa, sono stato gettata nel tunnel della privazione del sonno. Quello che probabilmente non sai—poche persone lo sanno—è quanto sia stato difficile. Come mi ha cambiata. Come mi ha fatto dare enormi passi indietro sulla strada per essere una madre più paziente e più consapevole. Quando le persone mi chiedono come sto, tendo a scherzare su quanto sia esausta e su quanto siano stati stancanti gli ultimi mesi, perché chi non ci è passato non può capire cosa sia la privazione del sonno per una madre. Allora oggi te lo racconto.

Nelle giornate buone (risultato di notti “buone” in cui Emily si sveglia ogni due ore), sono stanca e tutto mi sembra difficile. Mi sento facilmente frustrata e sopraffatta dalle cose più piccole, come il traffico o non avere caffè in casa la mattina. Faccio fatica a concentrarmi, ho mal di testa, trovo difficile seguire una conversazione. Anche le cose che amo, come vedere altre mamme o andare alle mie lezioni di danza, mi sembrano troppo difficili a volte. Devo usare TUTTa la mia energia e forza mentale per essere una madre decente, e anche così spesso fallisco. Ogni pomeriggio conto i minuti finché Alex torna a casa. In questi giorni, quando le persone mi chiedono come mi sento, dico “bene” perché… beh, questo è il nuovo “bene”.

Nei giorni no (che di solito seguono notti in cui sono in piedi ogni ora o più), è tutto monotono e monocromatico. Le mie emozioni sono intorpidite, mi fa male il corpo come quando hai la febbre, le palpebre sono pesanti, mi sento in uno stato vegetativo. Devo fare molta attenzione al volante perché i miei riflessi sono bassi. Anche le cose più piccole come stendere o cambiare un pannolino mi esauriscono. Non ho voglia di fare esercizio o di mangiare sano. In questi giorni, se Alex arriva con anche solo qualche minuto di ritardo, mi viene da piangere—a dire il vero mi viene da piangere per tutto. Quando le persone mi chiedono come sto dico “stanca”, perché penso che sia l’unica parola che chiunque possa capire.

I giorni terribili sono di solito il risultato di troppi giorni no di fila, e non sono divertenti. Mi arrabbio, grido, piango, sono la versione peggiore di me stessa come donna, moglie e madre. Avete mai visto il film Inside Out? È come se tutte le persone nella mia testa stiano premendo contemporaneamente tutti i pulsanti, ripetutamente e ritmicamente. È come avere zero controllo sulle mie emozioni, e mi rende impotente. La gente non mi chiede come mi sento, perché di solito sfuggo qualsiasi interazione sociale.

E sarò onesta con te, sto facendo un pessimo lavoro come madre Montessori e più che disciplina positiva qui siamo in modalità sopravvivenza. Maria Montessori si starà rivoltando nella tomba, ma a me sembra che la deprivazione di sonno non sia compatibile con pazienza, tolleranza e calma. E non voglio che non dormire sembri la mia scusa per non provare ad essere una madre e persona migliore, non lo è. È la mia scusa per non riuscire ad essere una madre e persona migliore. E ora cambia “scusa” con “ragione” nella frase precedente—perché “scusa” suggerisce una scelta, ma la maggior parte dei giorni una scelta, non mi sembra di averla.


Il post originale finiva qui, era proprio solo un post di lamentele uscito dalla tastiera un martedì notte. Ma trovare una chiusura mi ha fatto riflettere sul più grande errore che sto facendo da madre che non dorme: cercare di forzare un cambiamento.

Quando le mie amiche mamme mi vedono a pezzi, suggeriscono soluzioni—come facevo io stessa in passato con altre madri nella mia situazione, quando ancora non avevo idea di come fosse la VERA privazione del sonno. Le adoro per questo, e ho provato tanti dei loro suggerimenti—ciucci vari, peluche, sacchi per dormire, infusioni, cereali per bebè prima di andare a letto, dormire nel mio letto, dormire nel suo letto, non darle la tetta di notte e mandare Alex (mette su un vero e proprio show!), l’omeopatia anche se non ci credo. Quando non dormi proveresti qualsiasi cosa dentro i tuoi limiti—che per me sono lasciarla piangere per addormentarsi o darle farmaci.

Ma la verità è—e ogni madre che lo ha vissuto ti dirà lo stesso—non funzioneranno. Se tu, come me, non sei per le misure dure o i rimedi medici; se tu, come me, vuoi che il tuo bambino impari a dormire da solo, con i suoi ritmi e a suo tempo, devi sapere questo: il tuo bebè non dormirà fino a quando non sarà pronto a dormire.

Quindi accetta la situazione, convivici e smettila di cercare di forzare gli eventi. Segui il bebè, falle sapere che ci sei sempre di notte e dalle il comfort della tetta se ne ha bisogno. Smetti di guardare la situazione nel suo insieme e comincia a concentrarti sui piccoli progressi—ha fatto dei versi ma poi si è riaddormentata da sola, ha dormito un periodo un po’ più lungo, si è girata sulla schiena senza svegliarsi… questi sono alcuni dei nostri progressi, tu riconoscerai i tuoi quando li vedrai. E, soprattutto, smetti di aspettare il giorno in cui inizierà a dormire, perché diciamoci la verità, può essere domani o può essere tra sei anni e non hai alcun controllo sulla situazione, quindi perché pensarci?

E infine, questo è quello che faccio io quando sono completamente, profondamente e definitivamente stufa dei bimbi. Prendo Emily (prenderei Oliver ma ultimamente non è da coccole, e poi non è con me 24 ore su 24) e mi siedo con lei un momento: la guardo, le tengo la manina, le bacio i piedi, le sistemo i capelli dietro le orecchie, faccio facce buffe, gioco a cucusettete, ci esercitiamo a mandare baci e salutare, ridiamo insieme. Lascio che mi sciolga il cuore come solo i miei bimbi sanno fare.

Perché non importa se è una buona giornata, una giornata no o una giornata terribile, se mi permetto di assaporare il sentimento (e riesco a resistere all’istinto omicida), le mie scimmiette riescono sempre a volte a tirarmi su di morale.

Commenti

Savina • nov 3, 2017

Amore, speriamo presto di leggere questo post insieme, sorridere e dire: “Finalmente adesso Emily di notte dorme”.
Ti stringo forte e hai tutto il mio appoggio, anche se soltanto emotivo. Mamma

Vittoria • nov 3, 2017

Ciao Carlotta, ennesimo suggerimento non richiesto: hai provato il metodo di Tracy Hogg ("il linguaggio segreto dei neonati" o "il mio bambino. Tutte le risposte")? Niente metodi duri, si basa su buon senso, gentilezza e perseveranza. Probabilmente l'hai già letta, ma se così non fosse fallo perché é illuminante.
Un abbraccio da un'altra mamma di due (Leo ha 2 anni e 2 mesi e Ale ha 2 mesi), Vicky

PS mi piace molto il tuo Blog e ti seguo anche su IG

Loredana • nov 5, 2017

Ciao Carlotta, la mia bimba è nata il 21 novembre, fino a maggio è andato tutto ok, non mi sembrava vero, brevi poppate notturne e poi subito a nanna per 3/4 ore o più.
Poi, improvvisamente, non ha più dormito, così senza un perchè...
Puoi immaginare le mie paranoie... il caldo? il vaccino? L'aria condizionata? la crisi nord coreana? la tinta sbiadita? Quale diavolo è il problema???
A questo calo di sonno è seguita un brusco freno alla crescita (dal 97esimo percentile al 3).
Ho provato di tutto, dalla musica al gioco stancante, bagno serale o totale assenza di bagnetto, indifferenza e iperattaccamento.
Improvvisamente, un mese fa, così, da un giorno all'altro ha iniziato a dormire, oppure se non dorme, si trastulla da sola senza disturbare. Speriamo continui così e riprenda a crescere (cosa che mi preoccupa veramente tanto!)
Per quanto ti impegni a trovare una soluzione, non ne esci, devi solo aspettare e sopravvivere...
...poi passa...

Giulia • nov 6, 2017

Cara, ti mando solo un enorme abbraccio.
Anche io ci sono dentro, anche se sono un po’ più fortunata (si, perché è solo culo, non mi attribuisco nessun merito) perché i periodi di risvegli si alternano a periodi con qualche ora filata di sonno. E sono d’accordo con te quando dici che è inutile ossessionarsi con il: Passerà? Ma quando...? Si impazzisce e basta.
Forza che ce la facciamo.
Un bacione.
Giulia

Annalisa • nov 9, 2017

Ciao Carlotta, ti abbraccio anche io e capisco come ci si sente…
Scrivi benissimo e il tuo articolo mi ha commossa, si riesce a sentire il grande amore che provi per i tuoi piccoli e tocca il cuore...
Sei una super mamma! Forza!

Annalisa

ciara • nov 9, 2017

Grazie Carlotta per questo post! davvero molto molto vero. anche io mi sveglio ancora di notte, o meglio "vengo svegliata di notte", sempre meno spesso ogni due ore per fortuna (siamo passati a 3 ore, 3 ore e mezza) perchè sennò per la stanchezza e il nervosismo avrei già ammazzato mio figlio e dato a fuoco alla casa, temo!!! ma soprattutto i sensi di colpa, le elucubrazioni mentali sul "perchè sei sveglio, perchè non dormi tutta la notte nemmeno se sei a letto con me" ci sono. e poi le paure "e quando andrò a lavoro, come farò???" (sono infermiera in una terapia intensiva, quindi.... mi fa paura pensare di dover andare a lavorare in deprivazione di sonno). da più di un anno non dormo la notte intera (perchè, vogliamo dire che nemmeno in gravidanza si dorme bene? quando andava bene mi alzavo tre-quattro volte, quando andava male rimanevo sveglia per tre quattro ore a notte!)
grazie per aver condiviso le realtà di tutti i giorni ( e le notti!) di una mamma

Stefania • nov 13, 2017

Carlotta, ti seguo su IG e sono a conoscenza della difficoltà che state vivendo da privazione del sonno. dopo aver letto il tuo post sono sempre più convinta che sei veramente saggia e fonte di ispirazione per migliorarsi, in ogni condizione ci si trovi. è ammirevole come, nonostante la drammatica privazione del sonno, riesci a concludere il pensiero con "Lascio che mi sciolga il cuore come solo i miei bimbi sanno fare", che mi ha fatto letteralmente sciogliere il cuore.
Solo per questo, sei una mamma magica, che va oltre l'approccio Montessori e la disciplina positiva.
perchè è questo che siamo noi mamme, al di là dei libri, dei consigli, dell'idea di genitore che vogliamo essere: siamo noi stesse, nel nostro quotidiano con tutte le difficoltà che possiamo incontrare, e dobbiamo fare i conti con noi e trovare le risorse in noi. TU offri la tua riflessione, sempre positiva, e aiuti noi (o almeno, ME) a cercare e trovare le nostre personali risorse.
TI ABBRACCIO

Chiara • mar 15, 2018

Cara Carlotta, anche noi ci siamo dentro in questo periodo variopinto... con tutti e quattro i piedi... che fatica! Così mi dico...tutto passa...loro no! E sono la parte più bella di noi... quando il mio piccolo si sveglia e sotride nonostante la nottataccia non posso non sorridere! Un abbraccio e un sorriso!

Chiara

Laura • feb 21, 2019

Cara Carlotta,
Mi ritrovo appieno nelle tue parole. Come ne sei uscita? Avete trovato qualche soluzione per dormire tutti meglio? Spero di si. Un abbraccio. Ps. Complimenti per il blog

Giovanna • lug 7, 2019

Ciao Carlotta come ti capisco su tutto quello che stai passando nel mio caso aggiungi anche la scoperta quando il mio bimbo aveva solo due mesi di un tumore terminale a mia mamma con conseguente decesso otto mesi dopo, come ti capisco credevo d 'essere la persona più zen che conoscessi e mi sono dovuta ricredere , il mio bambino la mia migliore creazione se così si può dire lo amo all'infinito ma è l'esperienza più tosta che io abbia vissuto e non ho avuto una vita moto facile, grazie x cio che hai scritto molte mamme sono omertose ed io non le capisco proprio ti auguro ogni soddisfazione e felice serenità sei una grande donna non mollare.....anche le altre mamme sono come noi ma ipocrite nel non voler condividere queste debolezze se così si possono chiamare

🌸 Carlotta • lug 8, 2019

Oh Giovanna, mi vengono i brividi solo a pensarci, deve essere stato un periodo difficilissimo per te. Ti ringrazio per aver condiviso qui con me la tua esperienza e per le belle parole che hai scritto. Credo che parlare apertamente dei problemi, delle difficoltà e delle sconfitte sia importantissimo nel viaggio della maternità (ne ho scritto un intero corso online, se ti interessa puoi darci un’occhiata qui: https://corsi.lateladicarlotta.com/diventa-un-genitore-montessori). Ti mando un grande abbraccio e spero che ora tu, come me, stia meglio. 🌸

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!