La Tela di Carlotta
it en es

Una nota personale sulle priorità

giu 6, 2017

Questo fa parte della mia collezione di note personali, i miei pensieri a ragnatela, quegli scritti spontanei che iniziano come una frase sulla mia lista di cose da fare e 10 minuti dopo sono un intero “pensiero” senza filtri e senza editing che non sempre ha senso per gli altri. Sicuramente il tipo di scrittura che preferisco.


Non ho condiviso questo con te, ma per qualche settimana (mese?) ho attraversato un periodo un po’ difficile. Non mi sentivo me stessa, mi sentivo stressata e fuori controllo, sempre sopraffatta dai più piccoli impegni o problemi. Sorridevo meno e mi arrabbiavo di più; ero meno paziente e più nervosa. Spesso non avevo voglia di vedere amici, né di andare alle mie lezioni di danza, né di lavorare al blog—e questi, nel mio mondo interiore, sono campanelli d’allarme molto chiari che qualcosa non va. E più provavo ad inghiottire questi sentimenti, ad affrontarli e reagire, a ragionare con me stessa (dopo tutto, ho una vita meravigliosa e ne sono consapevole!), più le mie emozioni si aggrovigliavano. Mi ritrovavo spesso a giocare con i bambini e pensare al blog, o lavorare al blog e pensare di giocare con i bambini. Mi sembrava di aver messo il pilota automatico alla mia vita. Non ero mai nel momento.

È allora che ho capito che dovevo fare un passo indietro e riordinare le mie priorità. E anche se sembra facile in teoria, la pratica si è rivelata abbastanza complicata: come sempre, ero combattuta tra il “posso fare” e il “dovrei fare”. Perché io posso fare tutto—me lo sono dimostrata così tante volte. Ma a quale costo? E in quale stato d’animo? La vera domanda è, dovrei fare tutto?

Avevo bisogno di dare un cambio netto alla mia vita. Così, da una settimana a questa parte non ho nemmeno provato a lavorare al blog di giorno (se non per pura casualità), non ho cercato di controllare i riposini di Emily, non ho aperto il computer di sera se ero troppo stanca, non ho scritto post significativi, ho lasciato che i post programmati si autopubblicassero senza nemmeno ricontrollarli, e non ho finito niente sulla mia lista infinita di cose da fare. Di sera, non mi sono costretta ad andare alle mie lezioni di ballo (e per la prima volta in 5 anni ho deciso di non partecipare allo spettacolo di fine anno). Non ho portato Oliver a giocare con amici a meno che non ne avessi davvero voglia. Non ho mai lavorato fino a notte inoltrata—anzi, alle 21:00 ero quasi sempre a letto per approfittare al massimo di ogni piccolo momento di sonno. Ma soprattutto non mi sono stressata per tutte le cose che non ho potuto fare e tutti gli amici che non ho potuto vedere e tutti gli eventi per bambini che ci siamo persi e tutte le scadenze de blog che non ho rispettato.

Invece, ogni pomeriggio ho giocato con Oliver ed Emily e ho dedicato a loro tutta la mia attenzione. Mi sono presa del tempo per fare i lavori domestici lentamente, godendomi il processo di prendermi cura del mio ambiente (invece di concentrarmi sulla necessità del risultato). Mi sono seduta di più sul balcone a guardare il mare. Ho camminato più con il mio cane. Ho anche sognato di più ad occhi aperti i nostri viaggi futuri, che è qualcosa che non facevo da un po’—sognare è uno strumento potente per la felicità.

Da una settimana mi sento più felice, non è solo la coincidenza di una giornata positiva. E credo che sia possibile perché ho accettato. Ho rispettato le mie vere, innegabili priorità. Ho vissuto più nel momento. Ho prestato maggiore attenzione a ciò che conta veramente: me stessa, miei figli, mio ​​marito, il mio ​​cane, la mia casa. Sono stata più in contatto con le mie emozioni. Ho sorriso e riso di più. Mi sono amata di più.

Il mio lavoro è una priorità, ovviamente: sono una persona ambiziosa e le realizzazioni personali (al di là del business della famiglia ;-) mi danno vita. Ma in questo momento molto speciale della mia vita, viene dopo altre importanti e più importanti priorità, come essere felice, passare del tempo di qualità con i miei figli, vivere lentamente, amare me stessa, essere più consapevole. E visto che ho la fortuna di potermelo permettere, devo accettarlo, perché riorganizzare le priorità fa tutta la differenza nell’essere genitore.

Rewind. Reset. Play.

Commenti

Elisa • giu 7, 2017

Ciao carlotta!!! Che bello leggere i tuoi post. A volte per le emozioni che provo e pensieri che faccio ho paura di essere sbagliata e unica. Invece poi leggendoti spesso mi rendo conto che tutte noi mamme attraversiamo periodi difficili nei quali siamo costrette a rinunciare a qualcosa, o non capire più bene il confine tra dover fare e voler fare.
Sono felice tu abbia capito le tue priorità, spero tanto di riuscirci presto anche io!!! Un abbraccio

🌸 Carlotta • giu 20, 2017

Grazie per il tuo commento, Elisa. Lo dico sempre, se una mamma si sente sbagliata, basta che ne parli con un'altra mamma per capire che siamo davvero tutte nella stessa barca emotiva! In bocca al lupo! ☘

Sandra • giu 7, 2017

Brava cucciola,
la chiave è "non mi sono costretta"!
Impariamo troppo presto il "cosa devo" ma non ci insegnano a chiederci quotidianamente "cosa voglio?" ma è in questa domanda che si trova la nostra vera essenza.
It's never too late to be who you might have been!
Bacio la zia ❤

🌸 Carlotta • giu 20, 2017

Che bella frase, la farò mia! Grazie zietta 💜

Mariolina Cerri • giu 13, 2017

Pienamente d'accordo

Loredana • giu 28, 2017

Più ti leggo e più mi convinco che tu sei me, venuta meglio!!
Sei grande.
Un bacio.

Arianna • gen 24, 2019

Ciao Carlotta, ti seguo da un po' e leggere il tuo blog mi piace molto.
Mi piace perché sei te stessa, con le tue forze e le tue debolezze (e non le nascondi!). Tante volte leggendo blog di altre mamme, mi sono sentita inadeguata perché non viene rappresentata la realtà: tutte mamme perfettine, che hanno la risposta giusta al momento giusto...
Invece ciò che mi colpisce più di te è la tua genuinità, sincerità, anche nell'ammettere che le cose non vanno sempre bene.
Ecco volevo solo ringraziarti e mandarti un messaggio positivo per quei momenti "no".
Grazie per il fatto che ci "apri il tuo cuore".
Ti abbraccio <3 Ari.

🌸 Carlotta • gen 24, 2019

Oh Arianna, mi hai commossa! Ti ringrazio per queste parole, non sai quanto siano apprezzate. Un abbraccio fortissimo! ❤

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25
gen 13, 2021 • 05m
Montessori in 5': Un metodo per smettere di criticare
Ho deciso di creare una piccola rubrica sul podcast in cui vi parlo di Montessori, educazione consapevole, disciplina dolce, disciplina positiva (chiamatela come volete, io la chiamo "educazione a lungo termine" 😉) e in ogni episodio tratto un tema in soli 5 minuti. In questo primo episodio vi suggerisco un metodo (infallibile) per smettere di criticare continuamente i nostri figli (a voi piacerebbe sentirvi sempre criticati e corretti?). L'episodio è nato da questa riflessione che ho fatto s...
24
gen 8, 2021 • 31m
Viaggiare a tempo pieno: domande e risposte
In questo episodio di Educare con Calma rispondo alle vostre domande (più ripetute) sul nostro stile di vita di viaggiatori a tempo pieno: perché lo abbiamo scelto, come ci manteniamo, come permettiamo lo sviluppo sociale dei bambini e molto di più. Vi lascio anche alcuni articoli relazionati a ciò di cui parlo nell'episodio: I bambini devono uscire dalla propria zona di comfort  Vuoi un cambiamento nella tua vita? Trova la grotta! Se ti va, lasciami un commento sotto gli articoli per farmi s...
23

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!