🌸 La Tela di Carlotta
Accedi
it en es

Una nota personale sulle priorità

giu 6, 2017 • Mamme, papà & bimbi

Questo fa parte della mia collezione di note personali, i miei pensieri a ragnatela, quegli scritti spontanei che iniziano come una frase sulla mia lista di cose da fare e 10 minuti dopo sono un intero “pensiero” senza filtri e senza editing che non sempre ha senso per gli altri. Sicuramente il tipo di scrittura che preferisco.


Non ho condiviso questo con te, ma per qualche settimana (mese?) ho attraversato un periodo un po’ difficile. Non mi sentivo me stessa, mi sentivo stressata e fuori controllo, sempre sopraffatta dai più piccoli impegni o problemi. Sorridevo meno e mi arrabbiavo di più; ero meno paziente e più nervosa. Spesso non avevo voglia di vedere amici, né di andare alle mie lezioni di danza, né di lavorare al blog—e questi, nel mio mondo interiore, sono campanelli d’allarme molto chiari che qualcosa non va. E più provavo ad inghiottire questi sentimenti, ad affrontarli e reagire, a ragionare con me stessa (dopo tutto, ho una vita meravigliosa e ne sono consapevole!), più le mie emozioni si aggrovigliavano. Mi ritrovavo spesso a giocare con i bambini e pensare al blog, o lavorare al blog e pensare di giocare con i bambini. Mi sembrava di aver messo il pilota automatico alla mia vita. Non ero mai nel momento.

È allora che ho capito che dovevo fare un passo indietro e riordinare le mie priorità. E anche se sembra facile in teoria, la pratica si è rivelata abbastanza complicata: come sempre, ero combattuta tra il “posso fare” e il “dovrei fare”. Perché io posso fare tutto—me lo sono dimostrata così tante volte. Ma a quale costo? E in quale stato d’animo? La vera domanda è, dovrei fare tutto?

Avevo bisogno di dare un cambio netto alla mia vita. Così, da una settimana a questa parte non ho nemmeno provato a lavorare al blog di giorno (se non per pura casualità), non ho cercato di controllare i riposini di Emily, non ho aperto il computer di sera se ero troppo stanca, non ho scritto post significativi, ho lasciato che i post programmati si autopubblicassero senza nemmeno ricontrollarli, e non ho finito niente sulla mia lista infinita di cose da fare. Di sera, non mi sono costretta ad andare alle mie lezioni di ballo (e per la prima volta in 5 anni ho deciso di non partecipare allo spettacolo di fine anno). Non ho portato Oliver a giocare con amici a meno che non ne avessi davvero voglia. Non ho mai lavorato fino a notte inoltrata—anzi, alle 21:00 ero quasi sempre a letto per approfittare al massimo di ogni piccolo momento di sonno. Ma soprattutto non mi sono stressata per tutte le cose che non ho potuto fare e tutti gli amici che non ho potuto vedere e tutti gli eventi per bambini che ci siamo persi e tutte le scadenze de blog che non ho rispettato.

Invece, ogni pomeriggio ho giocato con Oliver ed Emily e ho dedicato a loro tutta la mia attenzione. Mi sono presa del tempo per fare i lavori domestici lentamente, godendomi il processo di prendermi cura del mio ambiente (invece di concentrarmi sulla necessità del risultato). Mi sono seduta di più sul balcone a guardare il mare. Ho camminato più con il mio cane. Ho anche sognato di più ad occhi aperti i nostri viaggi futuri, che è qualcosa che non facevo da un po’—sognare è uno strumento potente per la felicità.

Da una settimana mi sento più felice, non è solo la coincidenza di una giornata positiva. E credo che sia possibile perché ho accettato. Ho rispettato le mie vere, innegabili priorità. Ho vissuto più nel momento. Ho prestato maggiore attenzione a ciò che conta veramente: me stessa, miei figli, mio ​​marito, il mio ​​cane, la mia casa. Sono stata più in contatto con le mie emozioni. Ho sorriso e riso di più. Mi sono amata di più.

Il mio lavoro è una priorità, ovviamente: sono una persona ambiziosa e le realizzazioni personali (al di là del business della famiglia ;-) mi danno vita. Ma in questo momento molto speciale della mia vita, viene dopo altre importanti e più importanti priorità, come essere felice, passare del tempo di qualità con i miei figli, vivere lentamente, amare me stessa, essere più consapevole. E visto che ho la fortuna di potermelo permettere, devo accettarlo, perché riorganizzare le priorità fa tutta la differenza nell’essere genitore.

Rewind. Reset. Play.