La Tela di Carlotta
it en es

Una nota personale sui social media

apr 26, 2017

Negli ultimi anni La Tela è cresciuta tanto. È diventato il mio lavoro principale e lo adoro. Ma quello che è iniziato come mia piccola ragnatela di pensieri, è ora qualcosa di molto più grande, con lettori che hanno aspettative, aziende che sponsorizzano post, i miei corsi online… e a volte dimentico che cosa significhi semplicemente scrivere per me. Scrivere sapendo dove comincia un pensiero, ma non dove finirà. Scrivere senza scaletta e senza scadenze. Scrivere senza dover “avere senso”. Queste note personali saranno proprio quello.


Ultimamente ho fatto fatica, non sono stata me stessa, non sono stata la migliore versione di me stessa, questa nuova vita da mamma di due è difficile, chi dice il contrario mente. Quando ne ho parlato con un’amica un giorno, mi ha detto ”Non è l’impressione che dai su Facebook”.

Ovvio che non lo è. Lo so. Nonostante io cerchi di scrivere onestamente sulle mie difficoltà, i social media non mostrano tutto, per non parlare di tutto quando avviene. Ma non biasimo la mia amica, perché so anche che questo è facile da dimenticare. Lo dimentico a volte io stessa quando guardo Instagram o Facebook. Ma davvero sono tutti in grado di dare ai loro figli grandi avventure indimenticabili? Davvero sono tutti sempre in vacanza in Thailandia? Davvero gli altri genitori non fanno fatica?

No. Ognuno ha le proprie lotte. Dietro le quinte, ci sono madri in lacrime, rotture, fallimenti di carriera, lotte finanziarie, ansia, depressione, preoccupazione, malattia, morte. Ma la gente non lo mostra. Forse perché non si ha voglia di catturare e ricordare le fatiche della quotidianità, o forse perché a volte è confortante riguardare la tua vita perfetta su Instagram, anche se solo virtuale.

E se ne sei consapevole, non credo sia una cosa negativa.

La verità è che anche se le mie foto e i miei post sul blog mostrano solo una piccola parte della storia, è tutto vero. Sono reali. La felicità di quei momenti è reale. Semplicemente non è intera. Se vuoi l’interezza, fammi una telefonata, chiedimi come mi sento davanti ad una tazza di caffè, mandami un messaggio dicendomi che mi stavi pensando, scrivimi una mail e raccontami di te. Crea del tempo per me.

Le persone reali non accadono sui social media. Le persone reali accadono nei caffè, al parco giochi, all’asilo di tuo figlio, in coda al supermercato, scaricando la macchina dopo una lunga giornata. E sono colpevole come te perché anche io a volte lo dimentico, a volte non riesco a coltivare amicizie che mi interessano, a volte sono intrappolata in una spirale di vita familiare e di egoismo personale.

Quindi la prossima volta che ti sorprendi perché non conosci le difficoltà di vita dei tuoi amici—la loro interezza—non è certo colpa di Facebook. La colpa, se di colpa vogliamo parlare, è solo tua.

Commenti

Gabriele • mag 2, 2017

Cara Carlotta,
mi prendo un po' di tempo per commentare questo tuo bel post, forse il piu' off-topic del tuo blog, sicuramente uno dei migliori, a mio avviso.
Da quando Stefano e' arrivato, invero gia' da molto prima, abbiamo visto e letto centinaia di post/video/immagini riguardanti molti aspetti della nostra vita da genitori.
La maggioranza di queste risorse rimandano un'immagine patinata di genitori perfetti che propongono le loro soluzioni perfette (e sempre funzionanti), oppure, quando si tratta di recensioni di prodotti si ha sempre l'impressione che anche quando stanno parlando del cestino di pannolini sporchi, quella dei loro bimbi sia profumata (non so se rendo l'idea).
I bambini di queste famiglie non dormivano ma, dopo aver applicato il metodo xyz, dormono 12 ore di fila. Non volevano mangiare, ma grazie alla ricetta segreta per la pappa, ora mangiano come degli adulti. I genitori poi hanno il tempo di scrivere post, produrre video degni di hollywood, aggiornare i loro profili social ogni minuto e, soprattutto, scattare un sacco di foto dove i loro bimbi sono sempre puliti e sorridenti (si vede che solo il mio ha questo vizio di fare il ruttino color latte che va direttamente sulla maglietta appena cambiata)
Insomma, il rischio di sentirsi inadeguati e' reale. Il percorso mentale non e' molto differente da quello che si segue guardandosi allo specchio dopo aver letto l'ultimo numero di men's health (o di Cosmopolitan).
Senza voler sembrar retorico, mi vien da dire che purtroppo viviamo nell'eta' dell'apparenza dove, se non "appari" (appunto) perfetto, semplicemente non esisti. Questo modo di pensare condiziona fortemente chi vuol mettere in piedi un blog o una "piattaforma" come tu hai fatto con la tela. Da un lato ci vogliono le visite, i subscribers, i like e, per attirare persone in mezzo a tutto il "rumore" generato da internet, si finisce per adattarsi allo standard che sembra funzionare.
Non voglio dire che questo sia necessariamente sbagliato o da cambiare ma e' un dato di fatto che sia molto piu' facile condividere gli aspetti positivi della nostra vita piuttosto che le nostre paure e i nostri limiti.
Per questo mi piace il tuo blog dove fra tanti post utili e interessanti trovi lo spazio per pubblicare qualcosa di realmente personale, come hai fatto oggi.

Un abbraccio,
Gabriele

Luna • mag 3, 2017

Ciao Carlotta, è proprio vero quello che scrivi, troppo spesso mi sento inadatta e cambierei molti aspetti della mia vita anche se ovviamente questo non trapela su FB e penso che come me molti altri lo farebbero. La tua è una riflessione profonda e immagino che tu stia attraversando un periodo difficile proprio come me, da mamma presa da mille e mille impegni...senza tempo per fare niente o poco di ciò che ci piace se non i propri doveri...di moglie, madre e donna di casa. A volte vorrei prendere la vita diversamente me lo sono riproposto più e più volte ma non so da dove cominciare. A volte però mi soffermo anche a pensare alla mia famiglia: marito, figli, cani e allora mi chiedo che cosa vorrei volere di più di quello che già ho??? Il problema penso che sia la nostra continua corsa contro il tempo e l'incapacità di non dire adesso mi fermo perché cmq vadano le cose non succede nulla anche se mi fermo un attimo quello che serve per ripartire più energiche di prima.

Gino • mag 3, 2017

"Davvero sono tutti sempre in vacanza in Thailandia?" Tutti mettono sul FB post di felicitá "eterna", nessuno soffre mai, ma veramente non lo sapiamo. Io penso come te.
Bel post

Sandra • mag 5, 2017

Brava cucciola, mi piace sempre leggerti, per le riflessioni che condividi e per come le esprimi e hai ragione, stona leggermente "se di colpa vogliamo parlare", per quanto mi riguarda preferisco "consapevolezza".
Ho trovato una definizione che mi piace: mindfulness è una parola inglese che vuol dire consapevolezza ma in un senso particolare. Non è facile descriverlo a parole perché si riferisce prima di tutto a un’esperienza diretta.
Tra le possibili descrizioni è diventata “classica” quella di Jon Kabat-Zinn, uno dei pionieri di questo approccio. “Mindfulness significa prestare attenzione, ma in un modo particolare: a) con intenzione, b) al momento presente, c) in modo non giudicante”. Si può descriverla anche come di un modo per coltivare una più piena presenza all’esperienza del momento, al qui e ora.

Un abbraccio stretto stretto
Baci Baci Baci
zia ❤❤❤

Cami~ri • mag 5, 2017

Ciao Carlotta,mi sono ritrovata ad essere sempre più interessata agli articoli che scrivi (così tanto che sono andata a leggerli quasi tutti a ritroso!) e questo mi accade perché scrivi cose vere e reali,non solo piccole incertezze dell'essere genitori,ma veri e propri momenti di sconforto..e niente,ad una mamma come me conforta sapere che le emozioni negative che provo in alcuni momenti sono "normali"... Lo so è una banalità ma per me non lo è stato sentirmi "meglio"..

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!