Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Una nota personale sui social media

5 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Negli ultimi anni La Tela è cresciuta tanto. È diventato il mio lavoro principale e lo adoro. Ma quello che è iniziato come mia piccola ragnatela di pensieri, è ora qualcosa di molto più grande, con lettori che hanno aspettative, aziende che sponsorizzano post, i miei corsi online… e a volte dimentico che cosa significhi semplicemente scrivere per me. Scrivere sapendo dove comincia un pensiero, ma non dove finirà. Scrivere senza scaletta e senza scadenze. Scrivere senza dover “avere senso”. Queste note personali saranno proprio quello.


Ultimamente ho fatto fatica, non sono stata me stessa, non sono stata la migliore versione di me stessa, questa nuova vita da mamma di due è difficile, chi dice il contrario mente. Quando ne ho parlato con un’amica un giorno, mi ha detto “Non è l’impressione che dai su Facebook”.

Ovvio che non lo è. Lo so. Nonostante io cerchi di scrivere onestamente sulle mie difficoltà, i social media non mostrano tutto, per non parlare di tutto quando avviene. Ma non biasimo la mia amica, perché so anche che questo è facile da dimenticare. Lo dimentico a volte io stessa quando guardo Instagram o Facebook. Ma davvero sono tutti in grado di dare ai loro figli grandi avventure indimenticabili? Davvero sono tutti sempre in vacanza in Thailandia? Davvero gli altri genitori non fanno fatica?

No. Ognuno ha le proprie lotte. Dietro le quinte, ci sono madri in lacrime, rotture, fallimenti di carriera, lotte finanziarie, ansia, depressione, preoccupazione, malattia, morte. Ma la gente non lo mostra. Forse perché non si ha voglia di catturare e ricordare le fatiche della quotidianità, o forse perché a volte è confortante riguardare la tua vita perfetta su Instagram, anche se solo virtuale.

E se ne sei consapevole, non credo sia una cosa negativa.

La verità è che anche se le mie foto e i miei post sul blog mostrano solo una piccola parte della storia, è tutto vero. Sono reali. La felicità di quei momenti è reale. Semplicemente non è intera. Se vuoi l’interezza, fammi una telefonata, chiedimi come mi sento davanti ad una tazza di caffè, mandami un messaggio dicendomi che mi stavi pensando, scrivimi una mail e raccontami di te. Crea del tempo per me.

Le persone reali non accadono sui social media. Le persone reali accadono nei caffè, al parco giochi, all’asilo di tuo figlio, in coda al supermercato, scaricando la macchina dopo una lunga giornata. E sono colpevole come te perché anche io a volte lo dimentico, a volte non riesco a coltivare amicizie che mi interessano, a volte sono intrappolata in una spirale di vita familiare e di egoismo personale.

Quindi la prossima volta che ti sorprendi perché non conosci le difficoltà di vita dei tuoi amici—la loro interezza—non è certo colpa di Facebook. La colpa, se di colpa vogliamo parlare, è solo tua.


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Gabriele - maggio 2, 2017

    Cara Carlotta,
    mi prendo un po’ di tempo per commentare questo tuo bel post, forse il piu’ off-topic del tuo blog, sicuramente uno dei migliori, a mio avviso.
    Da quando Stefano e’ arrivato, invero gia’ da molto prima, abbiamo visto e letto centinaia di post/video/immagini riguardanti molti aspetti della nostra vita da genitori.
    La maggioranza di queste risorse rimandano un’immagine patinata di genitori perfetti che propongono le loro soluzioni perfette (e sempre funzionanti), oppure, quando si tratta di recensioni di prodotti si ha sempre l’impressione che anche quando stanno parlando del cestino di pannolini sporchi, quella dei loro bimbi sia profumata (non so se rendo l’idea).
    I bambini di queste famiglie non dormivano ma, dopo aver applicato il metodo xyz, dormono 12 ore di fila. Non volevano mangiare, ma grazie alla ricetta segreta per la pappa, ora mangiano come degli adulti. I genitori poi hanno il tempo di scrivere post, produrre video degni di hollywood, aggiornare i loro profili social ogni minuto e, soprattutto, scattare un sacco di foto dove i loro bimbi sono sempre puliti e sorridenti (si vede che solo il mio ha questo vizio di fare il ruttino color latte che va direttamente sulla maglietta appena cambiata)
    Insomma, il rischio di sentirsi inadeguati e’ reale. Il percorso mentale non e’ molto differente da quello che si segue guardandosi allo specchio dopo aver letto l’ultimo numero di men’s health (o di Cosmopolitan).
    Senza voler sembrar retorico, mi vien da dire che purtroppo viviamo nell’eta’ dell’apparenza dove, se non “appari” (appunto) perfetto, semplicemente non esisti. Questo modo di pensare condiziona fortemente chi vuol mettere in piedi un blog o una “piattaforma” come tu hai fatto con la tela. Da un lato ci vogliono le visite, i subscribers, i like e, per attirare persone in mezzo a tutto il “rumore” generato da internet, si finisce per adattarsi allo standard che sembra funzionare.
    Non voglio dire che questo sia necessariamente sbagliato o da cambiare ma e’ un dato di fatto che sia molto piu’ facile condividere gli aspetti positivi della nostra vita piuttosto che le nostre paure e i nostri limiti.
    Per questo mi piace il tuo blog dove fra tanti post utili e interessanti trovi lo spazio per pubblicare qualcosa di realmente personale, come hai fatto oggi.

    Un abbraccio,
    Gabriele

  2. Ciao Carlotta, è proprio vero quello che scrivi, troppo spesso mi sento inadatta e cambierei molti aspetti della mia vita anche se ovviamente questo non trapela su FB e penso che come me molti altri lo farebbero. La tua è una riflessione profonda e immagino che tu stia attraversando un periodo difficile proprio come me, da mamma presa da mille e mille impegni…senza tempo per fare niente o poco di ciò che ci piace se non i propri doveri…di moglie, madre e donna di casa. A volte vorrei prendere la vita diversamente me lo sono riproposto più e più volte ma non so da dove cominciare. A volte però mi soffermo anche a pensare alla mia famiglia: marito, figli, cani e allora mi chiedo che cosa vorrei volere di più di quello che già ho??? Il problema penso che sia la nostra continua corsa contro il tempo e l’incapacità di non dire adesso mi fermo perché cmq vadano le cose non succede nulla anche se mi fermo un attimo quello che serve per ripartire più energiche di prima.

  3. “Davvero sono tutti sempre in vacanza in Thailandia?” Tutti mettono sul FB post di felicitá “eterna”, nessuno soffre mai, ma veramente non lo sapiamo. Io penso come te.
    Bel post

  4. Brava cucciola, mi piace sempre leggerti, per le riflessioni che condividi e per come le esprimi e hai ragione, stona leggermente “se di colpa vogliamo parlare”, per quanto mi riguarda preferisco “consapevolezza”.
    Ho trovato una definizione che mi piace: mindfulness è una parola inglese che vuol dire consapevolezza ma in un senso particolare. Non è facile descriverlo a parole perché si riferisce prima di tutto a un’esperienza diretta.
    Tra le possibili descrizioni è diventata “classica” quella di Jon Kabat-Zinn, uno dei pionieri di questo approccio. “Mindfulness significa prestare attenzione, ma in un modo particolare: a) con intenzione, b) al momento presente, c) in modo non giudicante”. Si può descriverla anche come di un modo per coltivare una più piena presenza all’esperienza del momento, al qui e ora.

    Un abbraccio stretto stretto
    Baci Baci Baci
    zia ❤️❤️❤️

  5. Ciao Carlotta,mi sono ritrovata ad essere sempre più interessata agli articoli che scrivi (così tanto che sono andata a leggerli quasi tutti a ritroso!) e questo mi accade perché scrivi cose vere e reali,non solo piccole incertezze dell’essere genitori,ma veri e propri momenti di sconforto..e niente,ad una mamma come me conforta sapere che le emozioni negative che provo in alcuni momenti sono “normali”… Lo so è una banalità ma per me non lo è stato sentirmi “meglio”..


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.