La Tela di Carlotta
it en es

Perché abbiamo scelto l'autosvezzamento

nov 17, 2015

Domenica, per festeggiare gli otto mesi, Oliver ha mangiato un pranzo da re. Alette di pollo, pasta senza glutine all’arrabbiata (per noi, per lui più serena 😉), peperone crudo, pomodoro, cetriolo e mela, per finire su una nota dolce. Ci ha messo un’ora. Niente era sotto forma di purè, Oliver è stato seduto sul suo seggiolone, ha preso tutti i cibi con le mani e ha mangiato ciò che voleva nell’ordine che voleva.Iniziavo a chiedermi quando sarebbe successo, perché da quando abbiamo iniziato con i cibi solidi ai sei mesi, non aveva ancora mostrato molto interesse per il cibo, se non in eventi (molto) sporadici — e con il cetriolo, quello gli piace sempre!Non ero troppo preoccupata, però, perché avevo letto che l’autosvezzamento è un processo lento e graduale: bisogna avere pazienza, continuare a provare e a dare al bimbo quante più possibilità di mangiare possibile e prima o poi succederà. Sono felice di riportare che è successo :-)

Che cos’è l’autosvezzamento (o Baby Led Weaning)?È un metodo inglese (che deriva dal Baby Led Weaning o BLW) per introdurre cibi solidi nella dieta del bambino e significa che lo svezzamento è diretto (o deciso) dal bambino. Ci sono molti libri sul BLW — questo (in inglese) è quello che mi è piaciuto di più — e vi consiglio di leggerne almeno uno prima di iniziare.Esistono anche molti siti web su cui fare scorpacciata di informazione e trovare ricette. Io non leggo molto in italiano, ma questo sembra essere il più completo sull'autosvezzamento (se ne seguite altri, per favore scriveteli nei commenti).Ciò che troverai sul mio blog è la nostra esperienza e, oggi, le ragioni per cui abbiamo scelto l’autosvezzamento.

Perché abbiamo scelto l’autosvezzamento?

Per tre ragioni:

  • Principalmente, perché ci sembra logico e naturale. Scegliere ciò che per noi è naturale e logico sembra essere un principio ricorrente nel nostro stile di vita. Abbiamo scelto Paleo perché ci sembra logico che mangiare prodotti naturali sia meglio che mangiare prodotti artificiali. Abbiamo scelto Montessori perché ci sembra naturale dare ad Oliver indipendenza e libertà di scelta fin da subito — e poi che comodo è il letto per terra? L’autosvezzamento ci è sembrato il naturale complemento alla Paleo (Oliver mangerà sano perché noi mangiamo e cuciniamo sano) e a Montessori (cosa c’è di più indipendente che non essere imboccato? Al bando gli aeroplanini!).
  • Non ho fretta di smettere di allattare. Con l’autosvezzamento ci vuole un po’ di più per smettere di allattare completamente e — come ho già visto con amiche con bimbi più grandi — all’anno stanno appena riducendo le poppate giornaliere. Io non ho fretta, adoro allattare e il mio lavoro e stile di vita mi permettono di farlo.
  • Non sono la classica mamma italiana, odio cucinare con tutta me stessa! Quindi è bastato sapere che non avrei dovuto cucinare pasti diversi per Oliver per convincermi che questo metodo era fatto apposta per me! E la parte migliore è che è proprio così: eccetto alcune volte che mangiamo molto piccante e gli cuciniamo un po’ di pollo senza salsa, finora non ho mai cucinato per lui. Anche questo mi sembra logico e naturale ;-)Negli ultimi giorni, Oliver sta provando diversi cibi ad ogni pasto (stamattina ha mangiato salsiccia di maiale per colazione) e a volte mangia molto e addirittura chiede di più quando io penso che abbia finito.Sono contenta di vedere questo progresso enorme, ma non è stato (ne sarà) sempre facile. Ho avuto i miei dubbi prima di iniziare e anche durante, e ci sono state volte in cui ho messo in discussione il metodo intero — specialmente quando Oliver andava giorni interi senza voler provare alcun cibo. Ma di questo vi racconterò in un altro post molto presto :-)

Se anche tu stai facendo l'autosvezzamento, raccontami la tua esperienza in un commento :-)

Commenti

Francesca • ago 8, 2016

Anche noi alla fine abbiamo optato per l'auto svezzamento. Non è stata una scelta a priori, ma, come tutto il resto nella mia (ancor breve) storia di mamma, è venuto naturalmente. È successo che a sei mesi Giovanni non voleva saperne di mangiare le pappine amorevolmente preparate secondo le ricettine della nonna. E neanche a sette mesi o a otto ... nulla. Nonostante le insistenze e le preoccupazioni delle nonne, lui voleva nutrirsi solo con il latte della mamma. (E alla mamma andava benissimo!) Si divertiva a sgranocchiare carote, finocchi, sedano e gallette di mais o riso. Era per lui un gioco bellissimo, ma non di più.... e così fino ad un anno suonato. Ci concedeva qualche piccolo assaggio ma era più per farci piacere che per appetito. Inutile dire che, per placare gli animi dei nonni (preoccupati che il loro nipotino potesse soffrire di gravi carenze alimentari), abbiamo dovuto interpellare un noto nutrizionista che, per mia fortuna, ci ha ampiamente rassicurati. Il latte materno ha tutto ciò che può servire ad un bimbo fino all'anno. Poi Giovanni improvvisamente ha cominciato ad interessarsi al cibo che stavamo mangiando noi e così gradatamente ha cominciato un autosvezzamento. Ora, dopo tre mesi, mangia da solo, con forchetta e cucchiaino, delle mini porzioni di cibo solido. Ed è un piacere vedere il suo ditino che indica la portata prescelta e l'entusiasmo che manifesta davanti al piattino pieno di pasta o riso o zucchine..... (anche se poi ne lascia la metà)

🌸 Carlotta • ago 15, 2016

Francesca, grazie mille per il tuo commento e per condividere la tua esperienza di autosvezzamento "naturale", mi piace un sacco quando le cose accadono senza forzarle! Noi ora a 17 mesi, stiamo attraversando un periodo un po' strano, dove Oliver sta sviluppando il suo gusto e rifiuta parecchi cibi che prima mangiava con gusto (tra cui le olive 😱). Quindi anche noi ci siamo messi nella condizione (a volte, quando non ho voglia di incaponirmi) di presentare e offrire più di una scelta di cibo, ma ultimamente sto quasi optando per il "Non lo vuoi ora? Te lo ripresento dopo!". Mi sa che presto ne uscirà un altro post 🤔

Ma che teneri sono quando usano, così piccoli, forchetta e cucchiaio? Anche se crescono talmente in fretta…

Deborah • set 11, 2016

Ciao! Il tuo blog è splendido, sto cercando di essere una brava mamma e cerco spunti ovunque! Secondo te cominciare a 9 mesi è tardi per l'auto svezzamento? Grazie e buona domenica!

🌸 Carlotta • set 12, 2016

Ciao Deborah, grazie per il tuo commento! Guarda, personalmente credo che sia talmente soggettivo e diverso per ogni bimbo che l'unica cosa che mi sento di dirti è provare. Inizia con dargli frutta e verdura cruda (carote, mele, kiwi, banana) e lascialo esplorare. La sua reazione sarà il tuo indicatore. Ma se già da tempo gli dai le pappe, sappi che sarà un po' più difficile passare esclusivamente all'auto svezzamento, e soprattutto potrebbe metterci più tempo ad iniziare a mangiare cibi diversi e solidi. O magari no… magari gli piace l'esperienza e inizia a divorare tutto!

La cosa più importante è che tu ti informi bene prima di iniziare e conosca le difficoltà per saperle gestire. A 9 mesi, infatti, visto che è probabilmente già abituato alle pappe, può darsi che ci metta di più a capire che il cibo solido va di traverso e che deve succhiarlo e/o masticarlo, ma sicuramente imparerà quindi non allarmarti se confrontata con conati di vomito e facce arrossate.

Se non lo hai ancora fatto, leggi questo post sul nostro primo giorno di auto-svezzamento, credo possa aiutarti un pochino a prepararti mentalmente :-)

Un saluto e fammi sapere come procede :-)

Marina • ago 24, 2019

Ciao, anche io vorrei iniziare a fare autosvezzamento. Io e mio marito per salute e per scelta seguiamo la paleo e quindi anche lei si ritroverebbe a mangiare paleo. Hai esperienza in tal senso?

🌸 Carlotta • set 6, 2019

Ciao Marina, grazie per il tuo commento (e per la tua pazienza, arrivo tardi, ma arrivo). Dunque, noi avevamo svezzato Oliver Paleo perché allora lo seguivamo, poi piano piano siamo tornati a uno stile alimentare meno rigido e abbiamo iniziato a mangiare anche pasta e farine varie, con moderazione. Ma con l'alimentazione complementaria non c'è alcun problema a mantenere la paleo perché i bimbi mangiano esattamente quello che cucini per voi. Solo tagliato in strisce in modo che sia più facile per loro prenderlo in mano e metterselo in bocca. Se hai altre domande, fammi sapere. Un abbraccio 🌸

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 27, 2020 • 33m
La bugia del Natale: perché abbiamo scelto di non raccontarla
In questo episodio racconto come viviamo noi il Natale da famiglia non credente e che applica i principi Montessori e rispondo alle domande più frequenti che mi sono state fatte in queste settimane che ci avvicinano alle vacanze natalizie: "Parli di Babbo Natale con i bambini? Come vivete il Natale in casa? Fate regali? Non ti manca la magia del Natale?" …  Nell'episodio menziono questi articoli che vi invito a leggere:  Natale e Montessori: incompatibili? Natale e Montessori: incompatibili? ...
17
nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!