🌸 La Tela di Carlotta
Accedi
it en es

Perché abbiamo scelto una scuola Montessori (e così presto)

È da un po’ che ti voglio raccontare che Oliver inizierà una scuola Montessori a ottobre. Lo abbiamo cresciuto Montessori da quando è nato, io ne ho studiato i metodi, la splendida filosofia, i materiali. Ho deciso quali di questi metodi voglio/posso applicare in casa e quali no. Ho deciso dove marcare il limite tra l’essere Montessori a tutti i costi e l’essere pratici (non fraintendermi, uno non esclude sempre l’altro).

Mandare Oliver a una scuola Montessori è stata una decisione facile, penserai. Non è così.

Più che altro per un motivo: è costosa rispetto a qualsiasi altro asilo. Eravamo pronti a pagare quelle cifre per l’educazione di Oliver e iscriverlo ad una scuola internazionale ai tre anni: l’inglese è una competenza che voglio che Oliver domini e visto che noi lo stiamo crescendo trilingue, non siamo in grado di dargli il livello di inglese nativo che io vorrei per lui (né l’accento). Non eravamo certo pronti a iniziare la sua istruzione privata così presto.

Ma questo era prima che la prima e unica scuola Montessori autentica e tradizionale aprisse qui a Marbella.

Casa del Mar Montessori è la prima scuola Montessori tradizionale a Marbella (finalmente!)

Sai, molti asili privati qui si etichettano Montessori perché purtroppo (o per fortuna, non riesco a decidere) Montessori è diventata una moda, è quello che i genitori cercano, è un ottimo punto di vendita. Ma non sono Montessori. Quando entri ti rendi conto che non hanno nulla di Montessori: come puoi vedere in molti video su YouTube, in una scuola Montessori l’arredamento, l’ambiente e i materiali—che sono accuratamente pensati e realizzati apposta per i bambini—sono tanto importanti quanto la filosofia e le insegnanti.

L’ambiente dà vita e completa la filosofia; nutre il modo di imparare che Maria Montessori aveva pensato e ideato. Le insegnanti ne sono l’anima: sono altamente qualificate e devono attraversare una lunga formazione per diventare guide—e si chiamano proprio “guide”, non insegnanti, perché il loro compito è quello di guidare i bambini attraverso il processo di apprendimento, rispondere a quesiti e risolvere dubbi, invece di essere la star della lezione e insegnare in piedi di fronte alla classe (concetto che di per sé non esiste in Montessori).

Ecco perché quando Casa del Mar Montessori ha aperto a Marbella, sapevo che sarebbe stata la scuola di Oliver. Ma pensavo a partire dai tre anni.

Allora perché abbiamo scelto di iscriverlo già quest'anno, a 18 mesi?

Non poteva andare ad un asilo tradizionale (meno costoso) per un anno e poi passare alla scuola Montessori ai tre anni?

Certo che poteva. E io ho considerato tutti gli asili che mi sono stati consigliati. Sono personalmente andata a visitarli, ho parlato con i direttori e le insegnanti e per ognuno ho stilato  una lista di pro e contro. Alcuni mi sono piaciuti, e quello che non mi è piaciuto non sarebbe stato un motivo valido per non iscrivere Oliver. Ma poi ho iniziato a pensare.

Voglio davvero che Oliver vada ad un asilo dove non condividono e non insegnano i valori e i principi che cerchiamo con tanta fatica di insegnargli a casa? Voglio davvero che passi parte delle sue giornate in un posto dove non danno sufficiente importanza alla sua indipendenza? Dove non pensano che bambini così piccoli siano in grado di essere indipendenti? Dove deve fare quello che fanno tutti quando lo fanno tutti—cantare una canzone, disegnare, ballare—invece di essere libero di coltivare i propri interessi con i suoi tempi?

La fase tra i 18 mesi e i 3 anni è molto importante e delicata

Per me, la risposta a tutte queste domande è no. La fase di sviluppo che va dai 18 mesi ai 3 anni è critica: Maria Montessori l’ha definita come la crisi dell’auto-affermazione, quando un bebè smette di essere un bebè e si trasforma in un bambino, quando inizia a utilizzare parole come “no” ed eventualmente “io” per affermare la propria opinione, per assicurarsi che gli adulti capiscano che non è più un bambino e che è in grado di prendere alcune decisioni da solo. Per la prima volta nella sua vita sta sviluppando la fiducia in se stesso (a differenza delle fasi precedenti, in cui ha sviluppato la fiducia nel suo intorno). Se vuoi saperne di più su questa fase di sviluppo, puoi leggere questo post.

In questa fase critica, voglio che Oliver sia in un luogo in cui lo capiscano e lo accompagnino come farei io—o addirittura meglio. Voglio sentirmi tranquilla quando lo lascio lì, che per me significa sapere che l’ambiente dove passa mezza giornata è in linea con i miei valori e con ciò in cui credo.

Che le persone che lo guidano attraverso questo periodo critico sono esperti in questa specifica fase di sviluppo e gli offriranno sempre l’attività giusta al momento giusto—un’attività che stimoli il suo interesse e sia difficile al punto giusto, in modo che Oliver non si senta frustrato, ma stimolato (cosa con la quale, per esempio, io faccio fatica a casa quando cerco attività da fare con lui o giocattoli da comprargli).

Mischiare l'età nutre la compassione, l'umiltà e la cooperazione

Ultimo, ma non meno importante, un altro grande motivo per me erano i gruppi di età. Tutti gli asili che ho visitato qui a Marbella sono molto severi sul mantenere i bambini in gruppi della stessa età: hanno gruppi 0-1, 1-2 e 2-3 anni e i bambini più piccoli raramente interagiscono con quelli più grandi, e viceversa.

Se posso scegliere, non vorrei questo per Oliver. Mi piace il concetto Montessori dove i bambini sono in gruppi d’età più ampi: Oliver starà con i bambini della sua età, ma anche con bimbi di 2 e quasi 3 anni. Condivideranno la stessa stanza, gli stessi giochi e faranno le stesse attività. Ammirerà i più grandi, imparerà da loro e prima o poi aiuterà i più piccoli. Mi piace tantissimo! Credo che sia salutare, che lo stimoli e gli insegni la compassione, l’umiltà e la cooperazione.

Montessori è semplicemente la scelta migliore per noi

Se Casa del Mar non avesse aperto qui a Marbella, avrei sicuramente trovato un asilo che mi piacesse, forse uno di quelli che si etichetta Montessori, e sono sicura che sarebbe piaciuto ad entrambi.

Ma avrei sempre continuato a sognare di poter dare ad Oliver la possibilità di studiare in una scuola Montessori tradizionale e di iniziare il suo percorso formativo con questi forti valori e principi—quelli che io stessa ho imparato ad apprezzare ed amare nel corso degli ultimi due anni, quando è iniziato il mio viaggio di mamma.


Ti lascio con una carrellata di foto che ha fatto la mia amica e fotografa di talento Megan Brown Martinez (grazie Megan!) alla scuola Montessori Casa del Mar durante una giornata di porte aperte. Presto potrò aggiungere alcune foto con i bimbi in azione… non vedo l’ora!

Se vuoi sapere di più su Casa del Mar, puoi dare un’occhiata qui.

AGGIORNAMENTO: Casa del Mar Montessori ha cambiato ubicazione e si è ampliata: sono orgogliosissima della proprietaria e direttrice Ruth Coca per aver dato a Marbella una scuola Montessori tradizionale con tanto di programma delle elementari, in modo che i bambini possano continuare l’educazione Montessori fino ai 12 anni.