La Tela di Carlotta

Perché l'avverbio si chiama avverbio e non avaggettivo??

ago 13, 2009

L’altro giorno, durante una lezione di italiano, uno dei miei studenti inglesi mi ha fatto una domanda simpatica:

Perché l’avverbio si chiama avverbio e non avaggettivo?

Nonostante la sua apparenza forse banale e stupidina, la domanda racchiude in sé un fondo di verità: l’avverbio, infatti, come tutti sappiamo, può modificare il significato — o, per meglio dire, l’azione — di un verbo (da cui, apparentemente, potrebbe derivare la parola avverbio), o la qualità di un aggettivo, quando in unione con esso.

Due esempi pratici per rinfrescarci la memoria

Carlotta chiamò immediatamente la polizia — l’avverbio immediatamente modifica l’azione del verbo e ci dice che Carlotta non solo ha chiamato la polizia, ma che lo ha fatto immediatamente.

Carlotta è una persona piacevolmente testarda — l’avverbio piacevolmente modifica radicalmente la qualità dell’aggettivo e ci dice che il parlante non ritiene la testardaggine di Carlotta una sua caratteristica negativa.

Con questa premessa, sembra quasi lecito chiedersi perché, allora, l’avverbio si chiami avverbio e non avaggettivo.

La risposta affonda le sue radici nel latino e ci dimostra che nell’etimologia, così come nella vita, le apparenze ingannano.

La parola avverbio deriva dal latino ed è composta dalla particella AD, che significa vicino, presso e dal sostantivo VERBUM, che non significa verbo, bensí parola, vocabolo — e sia aggettivi, sia verbi sono, appunto, parole.

Ricapitoliamo.

Perché l’avverbio si chiama avverbio e non avaggettivo?

Perché deriva da latino AD+VERBUM e verbum, in latino, significa parola. Quindi, per farla semplice, l’avverbio è quella parte indeclinabile del discorso che sta vicino alla parola.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Paolo • dic 29, 2011

Complimenti, la risposta è oltre che chiara, esaurirnte. Grazie

La missione de La Tela è accompagnare papà e mamme nel viaggio della genitorialità e dare opportunità a genitori di talento di condividerlo nello Shop.

Nella mia newsletter ti racconto (circa una volta al mese, ma soprattutto quando mi sento ispirata) aneddoti e progetti personali e pensieri a random – nelle precedenti ho parlato del dolore due bambini, del mascherare le nostre emozioni di adulti, di come continueremo a viaggiare questa estate…

Ciao! Ti va di conoscere i miei progetti futuri e la mia ragnatela di pensieri?
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!