La Tela di Carlotta

Perché "perché" si scrive con l'accento acuto?

ago 18, 2009

Prima di tutto mi scuso per quante volte leggerete la parola perché in questo blog.

La domanda sembrerà banale a molti, ma questo post nasce dallo sdegno nel rendermi conto di quante persone ancora scrivono perchè, con l’accento grave. Non riesco a leggerlo. Perfino il correttore, indignato, cerca di convincermi a scriverlo giusto: perché.

Forse solo un abitante di Castagnole delle Lanze (AT), parente delle famose rane dalla bocca larga che pronunciano tutte le vocali aperte, non storcerebbe il naso al suono di un “perché” aperto.

Una volta per tutte. Perché si scrive con l’accento acuto. PerchÉ. La E che si trova nel colore vérde (quello emiliano, non quello piemontese! ;-)

Un po' di grammatica

Ma facciamo un passo indietro al perché perché richieda l’accento. In italiano, mentre l’uso dell’accento è facoltativo su parole piane (con l’accento sulla penultima sillaba: ma-tí-ta), sdrucciole (con l’accento sulla terzultima: te-lè-fo-no) e bisdrucciole (rare in italiano, con l’accento sulla quartultima: scrì-vi-me-lo), è invece obbligatorio sulle parole tronche (con l’accento sull’ultima sillaba: caf-fè, per-ché, cit-tà).

Ma mentre le vocali a, o, u rappresentano ciascuna un solo suono vocalico – e, al finale di una parola tronca, si accentano sempre con l’accento grave –, le lettere E e O sono ambigue: la loro pronuncia cambia a seconda che si portino in testa un accento acuto o uno grave.

L’accento grave rende la vocale aperta, quello acuto la rende chiusa. Ecco come si capisce, al di là del contesto, la differenza tra pèsca (il frutto, pronunciato con è aperta – che richiede un abbassamento del tono di voce) e pésca (lo sport, pronunciato con é chiusa – che richiede un innalzamento del tono di voce).

Questo si deve alla dizione, ovvero l’insieme di regole che determinano il modo in cui le parole devono essere pronunciate.

La regola

Perché richiede l’accento acuto perché, per regola, tutti i composti tronchi di che richiedono l’accento acuto. Perché, affinché, poiché, benché, cosicché, nonché, purché. Tutti acuti e tutti chiusi. Così accade anche al monosillabo ché, quando significa affinché o perché.

Guardando questi esempi, si potrebbe quasi pensare che tutte le congiunzioni coordinative richiedano l’accento acuto. Ma poi troviamo cioè – con accento grave – e la nostra nuova teoria cade miseramente. Anche questo ha una spiegazione immediata.

È, voce del verbo essere, richiede sempre l’accento grave, ed è per questo che cioè (suo derivato), benché sempre di congiunzione si tratti, si scrive con accento grave e richiede una pronuncia aperta.

Ricapitoliamo:

Perché “perché” si scrive con l’accento acuto?

Perché, secondo le regole della dizione, i composti tronchi di “che” richiedono l’accento acuto.

Commenti

Baby • ago 18, 2009

Da buona piemontese, nonostante scriva "perché" correttamente, tendo ad allargare tutte le "e." Quando mi ricordo cerco di chiuderle, ma tendo così a chiuderle tutte! Sono un disastro con la dizione! Il fatto è che chiudo qualsiasi vocale :D

Carlotta • set 3, 2009

:-D Eh, non dirlo a me che, da buona piemontese come te, ci ho messo tre anni di corsi di dizione per togliermi l'accento. E ancora scivolo su alcune bucce di banana. :-( In più, sto pure prendendo la cadenza spagnola, che mischiata a qualche "e" pronunciata incorrettamente, non è proprio piacevole da ascoltare. Ormai devo concentrarmi di più a parlare italiano che le altre lingue ;-)

Hjalmar Schacht • feb 6, 2010

Io sono extra-comunitario,sto facendo un corso della patente ECDL; tanti compagni Italiani sbagliano con gli accenti acuti e gravi. Sono molto attento a non rovinare anche io la vostra lingua.

quasiscrive • feb 19, 2010

bel post, chiaro e scorrevole.
Ma nelle auguste edizioni Adelphi ed Einaudi hai l'accento acuto in sì e in più, che qui sono costretto a scrivere come fosse grave, anche se per motivi di genesi del fonema e non per dizione. Né, però, è vero che la "o" non è ambigua, perché esiste sia aperta che chiusa ("o" come congiunzione, "oh" come interiezione).

Ugo • giu 6, 2010

Vorrei segnalarvi il mio sito ... sugli accenti!potrebbe forse sembrare spam ma non lo è, perché il sito riguarda proprio l'argomento di questa discussione, e penso che sarà utile a molti:


www.gliaccentigiusti.it

Carlotta • giu 14, 2010

Grazie Ugo,
ottima iniziativa! Lo terrò d'occhio!

Riccardo Vincenzo • nov 2, 2010

si' vabbe' ma addirittura sdegno...ripijate! =D

invisibile • lug 24, 2011

Grande Rick...perché la tizia qui non ci pubblica una bella pagina di lettura in audio? Sono proprio curioso di sentirla all'atto pratico... :P

Monty Renov • ago 11, 2011

Mi è piaciuta molto la tua spiegazione per quanto riguarda "perché si dice perché". Sono anche d'accordo, però, con chi ha suggerito l'idea di fornire "una bella pagina di lettura in audio" che ci consentirebbe la possibilità di "fare orecchie" e differenziare chiaramente tra come si suona un "vocale chiuso" rispetto ad un "vocale aperto". In inglese, si dice "a picture is worth a thousand words". Direi che lo stesso vale per una "foto audiofonica", fatta di suoni di una lingua parlata. Finché non si lo sente con le proprie orecchie, non si è mai del tutto sicuro rispetto a come si dovrebbe pronunciarlo. Grazie per l'opportunità di commentare.

dany • dic 4, 2011

penso la difussione nel uso della è viene della combinazione fra la pigrizia degli internauti e la posizione delle "e accentuate" sullo stesso tasto della tastiera italiana. In questa tastiera, per scegliere la é (acuta) bisogna premere simultaneamente il tasto delle maiuscole.

dada • feb 15, 2012

ciao sono una ragazza di 14 anni e ho una professoressa che è madre lingua di francese e non riesce a capire la lingua italiana e vuole sapere se perche e con l'accento acuto o grave.se mi risponderai in questo momento di diro mille grazie tante volte

rosy • feb 15, 2012

ho la prof di madrelingua che vuole sapere se perche e con l'accento acuto o grave

rosy • feb 15, 2012

voglio sapere realmente se perchè e cn l'accento grave o acuto

Frà • apr 6, 2012

Ottimo articolo, grazie,più che sufficiente a chiarirmi molti dubbi e non credo che nessuna ulteriore spiegazione o altro elemento audio avrebbe potuto rendere il tuo articolo migliore di così.
(Gli internauti sono proprio pigri e fanno fatica a mettere accenti, apostrofi, ecc. anche nei commenti in pagine come queste! O.o)

Fabio • apr 12, 2012

Fiqo, grazie bella!

Pippo8 • mag 31, 2012

ciao, sono d'accordo che bisognerebbe accentare le parole con l'accentino giusto, ma volevo far notare che spesso non si fa tanto caso al tipo di accento quanto al fatto che ci sia e questo mi sembra doveroso, inoltre se ti capita di scrivere a macchina o al pc viene più automatico pigiare la "è" bassa senza pigiare in contemporanea l'Alt (il tastino), tuttavia è bello sapere che esistono persone pionieri della corretta ortografia e grammatica italiana, grazie grazie, pippo8

Pippo8 • mag 31, 2012

ciao, sono d'accordo che bisognerebbe accentare le parole con l'accentino giusto, ma volevo far notare che spesso non si fa tanto caso al tipo di accento quanto al fatto che ci sia e questo mi sembra doveroso, inoltre se ti capita di scrivere a macchina o al pc viene più automatico pigiare la "è" bassa senza l'Alt tuttavia è bello sapere che esistono persone pionieri della corretta ortografia e grammatica italiana, grazie grazie, pippo8

capozzo angelo • giu 3, 2012

trovo molto chiaro ilo tuo modo di spiegare sono un'itaiano emigrato in canada (montreal) alla fine del cinquantuno avevo diociotto anni adesso sono un settanatanovenne saro franco con te ho la quinta elementare in'italiano e la undicesima in 'inglese sei bravissuimo rispondami grazie

Tastiera senza gli accenti? Holdkey è un’ottima soluzione. « Dove Traduco le Cose • feb 9, 2013

[...] interessare: Perché “perché” si scrive con l’accento acuto? | Carlotta Cerri https://www.lateladicarlotta.com/perche-si-srive-con-accento-acuto/ Un bell’articolo, che sono sicuro tornerà utile. febbraio 9th, 2013 | Category: COMPUTER, [...]

zaz • feb 20, 2013

quindi fammi capire: ...io quindi , per 53 anni, ho sempre sbagliato accento? Come mai a scuola,e fino all'esame di maturità , nessuno mi ha mai fatto notare sto "abominevole errore"?.....Qua tutti usiamo l'accento grave in quanto , a scuola , ci hanno insegnato così, e fine della storia: non capisco perchè farsi ste s**** mentali.

Carlotta • feb 21, 2013

Ebbene sì, zaz.
Per ben 53 anni hai sbagliato accento. E ti assicuro che non tutti usano l'accento grave su "perché". Apri qualsiasi giornale, rivista o quotidiano e te ne renderai conto.


E credimi, nella maggior parte delle scuole insegnano la differenza. Anche in quelle della tua generazione, da cui è uscita mia madre.


Se poi tu non vuoi farti problemi (o s*** mentali, come meno carinamente hai scritto tu) e preferisci usare il tuo accento grave, nessuno ti giudica. A me, personalmente, che lavoro con la scrittura e le lingue, piace usare gli accenti giusti.


Buona giornata. :-)


Carlotta

gianfranco mortoni • mar 15, 2013

Spiegazione ottima. Approfitto:1.Piétro (come si usa), o Piètro (come NON si usa)?
2. Piètro non dovrebbe relazionarsi a piètra/it., o a πέτρα/gr.?


grazie infinite
gfm

Anthony Di Sebastiano • mar 26, 2013

Ottima esposizione, solo la troverei ancora più precisa con l'aggiunta della nomenclatura alternativa (insomma di quella classica):parola Bisdrucciola (PROPROPAROSSITONA)
" " Sdrucciola (PROPAROSSITONA)
" " Piana (PAROSSITONA)
" " Tronca (OSSITONA)


Ciò che mi fa più rabbia è che la quasi totalità dice sempre perchè (esattamente come bisogna fare con cioè) e non perché.

simone • mag 23, 2013

Ti ho trovato quando controllavo l'accento. Il riferimento alle rane mi ha riportato all'infanzia. Io vivo a Cambridge e scrivo in inglese ma faccio ancora traduzioni... Sinceramente dopo 19 anni qui gli accenti mi sono scappati. Il dizionario Ragazzini concorda con te.

Luigi Bardelli • lug 6, 2013

Ho fatto una ricerca con Google libri e mi sembra di aver trovato una cosa interessante. Sembrerebbe che fino agli inizi del Novecento nessuno scrivesse "perché" con l'accento acuto: si trova sempre e solo "perchè" con l'accento grave. Basta consultare le edizioni originali, a caso: Manzoni, I promessi sposi (1842); Verga, Cavalleria rusticana (1900), I Malavoglia (1907); Pirandello, Maschere nude (1921); e altri autori meno noti.
Tutti, dico tutti, prima del '900 (e anche dopo) usano solo l'accento grave su tutte le vocali, anche dove noi useremmo l'acuto. Quindi: nè, sè, affinchè ecc.


Credo che per primo Gabriele d'Annunzio abbia distinto gli accenti acuto e grave sulla "e". Tramite Europeana ho potuto leggere "La Leda senza cigno" (1916) dove compaiono nell'ordine: "sé", "né", "ché", "pésca" (quella dei pesci)... e poi "cosicché" e "perché", distinte da "chiù", "più", "tòcco", "è"...


Tramite Google libri non sono in grado di dire quando "perché" si sia generalizzato. Pirandello è ancora legato all'uso antico, e anche edizioni di classici fino agli anni Venti.

Franz • lug 21, 2013

Ottima annotazione. Mi sono spesso trovato anch'io a condividere il tuo sdegno, e dire che il correttore ortografico di Word lo mette automaticamente.

Christian Jiang • ott 29, 2017

Sto leggendo «I Malavoglia», e l’accento su “perché”, come tutte le altre parole, è sempre grave. Quindi mi ritrovo sempre “perchè”!
Comunque in alcune grafie più ricercate, la “i” e la “u” hanno accenti acuti, perché sono vocali chiuse. Quindi: “Gesú” e “cosí”!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!