La Tela di Carlotta
it en

Pizza paleo che servirei a un italiano

gen 22, 2014

Vivo all’estero e parlo quasi solo inglese, ma rimango pur sempre italiana. E adoro la pizza.

Sfortunatamente, la pizza non rientra proprio nel nostro still di vita paleo e sebbene ce la concediamo ancora ogni tanto, cerchiamo il più possibile di evitare carboidrati artificiali e specialmente quei cibi che contengono glutine. Vivo da anni senza pane, pasta e croissant, ma non toccatemi la pizza.

In questi ultimi anni di conversione a paleo, abbiamo provato varie ricette usando sostituti della farina, ma non è pizza.

Ci è piaciuta la pizza con base di spinaci, ma non è facile prepararla croccante perché gli spinaci la rendono sempre un po’ acquosa.

Poi abbiamo provato la pizza di cavolfiori.

Non sembra proprio pizza, con tanto di crosta? Non solo, ma sa anche di pizza! Ed è facilissima da cucinare!

Gli ingredienti

1/2 testa di cavolfiore1 uovo250g formaggio grattugiatomozzarella grattugiata a piacerepomodoro concentratosalamino piccante

Sale, pepe, origano

Come si fa

È molto più lungo a dirsi che a farsi:

  • Con l'auto di un robot da cucina, ridurre il cavolfiore alla consistenza di neve.
  • Strizzare il cavolfiore avvolgendolo in uno straccio pulito, come in foto.
  • Versare la neve di cavolfiore in una ciotola (noi usiamo sempre le nostre comode ciotole Rig Tig) e aggiungere un uovo, il formaggio grattugiato, sale e pepe. Mescolare con una forchetta.
  • Posizionare il tutto su un vassoio da forno (con carta da forno) e allargarlo con le mani fino a coprire il vassoio, in modo che sia sottile e liscio.
  • Cuocere in forno (200°C) fino a che la parte superiore è dorata.
  • Nel frattempo, preparare il pomodoro con sale, pepe e origano.
  • Tirare fuori la base dal forno e senza aspettare che raffreddi, coprirla con pomodoro, mozzarella e salmon piccante. Non dimenticare di lasciare scoperta la "crosta"!
  • Altri 10 minuti in forno
  • Pronta!

I segreti del cuoco

Si può anche usare la mozzarella fresca, ma tende a rendere la pizza più acquosa.

Allo stesso modo, evitare ingredienti che rilascino acqua, come funghi, pomodorini e ananas.

Se la base è molto sottile, la pizza è addirittura croccante e quasi non sa di cavolfiore.

Pronta in mezz’ora e così buona che la servirei a qualsiasi italiano.


Per una classica serata pizza e film, invece dei pop-corn prova queste deliziose patatine paleo fatte al microonde. Ti sorprenderanno!

Se ti piace questa ricetta e la provi, lasciami un commento e dimmi come è andata. Più teste sono meglio di una!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Rosy • dic 28, 2016

Ciao,anch'io -da poco- seguo la dieta Paleo..La tua ricetta èmolto invitante..la faró nel Week-end. Ma una domanda, i formaggi non sono paleo :((((((((( Un consiglio per sostituire la mozzarella :( ? Ciao

🌸 Carlotta • dic 30, 2016

No, i formaggi non lo sono, hai ragione, ma noi dopo anni di dieta rigida, abbiamo deciso di evitare gli estremi e permetterci cose come latticini (che consumiamo da sempre comunque in piccole quantità, come un cappuccino al mattino e una volta ogni due settimane in questo tipo di ricette, e gelati d'estate eheh!). Insomma, come dico sempre siamo 85% Paleo e 100% felici :-) Quindi non saprei davvero come aiutarti per sostituire la mozzarella, sorry! 🙈

Simona • nov 28, 2016

Ma quindi non cuoci il cavolfiore prima? Lo lasci crudo?

🌸 Carlotta • nov 28, 2016

Ciao Simona, grazie per il tuo commento. No, altrimenti diventa una specie di purè, lo trituro crudo e cuoce poi in forno. Hai provato?

Claudio • nov 14, 2014

Magari fosse cosi'! In realta' io ed Antonella lavorando entrambi cerchiamo di dividerci un po' tutti i compiti (anche se ci sono cose che sa fare solo lei!).
Riguardo il cucinare, spesso, mentre lei prepara e fa mangiare la nostra piccola io cucino per noi. That's it!

Claudio • nov 14, 2014

Stasera la provo!

Carlotta • nov 14, 2014

Claudio, ma sei tu il cuoco in famiglia? Ti piacerà un sacco! Ricorda di fare la base sottile e lasciarla dorare bene prima di metterci gli ingredienti. Fammi sapere come va!

Claudio • nov 17, 2014

Buongiorno!
Abbiamo fatto una prima pizza venerdì ed una sabato col la meta' cavolfiore rimasta. Il risultato e' stato ottimo, abbiamo usato scamorza fresca al posto della mozzarella ma x la prossima volta dobbiamo utilizzare i pomodori secchi!
Per me che sono intollerante e' un'alternativa sfiziosa!
La prossima ricetta da provare e' la tenerina ferrarese, magari la preparo stasera x domattina per fare una dolce colazione per Antonella che festeggia il compleanno!
Cheers!

Claudio • nov 17, 2014

L'unica modifica alla ricetta e' stata la quantita' di formaggio Grana da utilizzare: con quantita' superiore a 150 grammi il composto era troppo asciutto ed abbiamo dovuto aggiungere un secondo uovo.

Carlotta • nov 20, 2014

Ciao Claudio, c'è solo una parola per la foto che mi hai inviato per mail: yummy!
Ottima idea la scamorza, se solo la trovassi qui in Spagna! :-( Io anche provai con i pomodorini, ma era un po' troppo acquosa.

E forse nella ricetta non è chiaro, ma io non uso il parmigiano (perché appunto la rende troppo secca), bensì semplice formaggio grattugiato (emmental o quei pacchetti di quattro formaggi per pizza). Prova la prossima volta e mi dici! :-) Oh, mi hai fatto venire voglia di farmela stasera!

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

mar 5, 2021 • 31m
Allattamento: la mia visione, i miei errori, la mia esperienza
In questo episodio di Educare con Calma vi racconto la mia esperienza con l’allattamento, con lo smettere di allattare e anche come la mia visione sull’allattamento sia cambiata (anche grazie a un errore di cui mi sono vergognata a lungo). — Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblicità di quelle che già vi sommergono nella vita quotidiana. Se vi piace il mio podcast e volete aiutarmi...
35
feb 26, 2021 • 20m
Etichette: smettiamo di mettere le persone in scatola!
Questa settimana su Educare con Calma parliamo di etichette (parole che usiamo per definirci), del perché penso che siano nocive per conversazioni e relazioni e come sostituirle nel nostro linguaggio.  Vi lascio il link all'episodio sul mio blog, dove potete anche leggere la trascrizione, trovare i post relazionati al tema di cui parlo e anche lasciarmi un commento per avviare una conversazione. Nell'episodio menziono anche questa IG TV "Basta con le etichette!" e questo vecchio post "Il papà...
34

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Come lasciare il parco giochi senza lotte di potere
Così è la vita
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Montessori express: cambia le frasi in positivo
Montessori express: NON va tutto bene!
Mio figlio piange disperato in macchina (15 mesi)
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!