Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Pizza paleo che servirei a un italiano

10 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Vivo all’estero e parlo quasi solo inglese, ma rimango pur sempre italiana. E adoro la pizza.

Sfortunatamente, la pizza non rientra proprio nel nostro still di vita paleo e sebbene ce la concediamo ancora ogni tanto, cerchiamo il più possibile di evitare carboidrati artificiali e specialmente quei cibi che contengono glutine. Vivo da anni senza pane, pasta e croissant, ma non toccatemi la pizza.

In questi ultimi anni di conversione a paleo, abbiamo provato varie ricette usando sostituti della farina, ma non è pizza.

Ci è piaciuta la pizza con base di spinaci, ma non è facile prepararla croccante perché gli spinaci la rendono sempre un po’ acquosa.

Poi abbiamo provato la pizza di cavolfiori.

Non sembra proprio pizza, con tanto di crosta? Non solo, ma sa anche di pizza! Ed è facilissima da cucinare!

Gli ingredienti

1/2 testa di cavolfiore
1 uovo
250g formaggio grattugiato
mozzarella grattugiata a piacere
pomodoro concentrato
salamino piccante

Sale, pepe, origano

Come si fa

È molto più lungo a dirsi che a farsi:

  • Con l’auto di un robot da cucina, ridurre il cavolfiore alla consistenza di neve.
  • Strizzare il cavolfiore avvolgendolo in uno straccio pulito, come in foto.
Strizza la neve di cavolfiore con uno straccio pulito

Strizza la neve di cavolfiore con uno straccio pulito

  • Versare la neve di cavolfiore in una ciotola (noi usiamo sempre le nostre comode ciotole Rig Tig) e aggiungere un uovo, il formaggio grattugiato, sale e pepe. Mescolare con una forchetta.
  • Posizionare il tutto su un vassoio da forno (con carta da forno) e allargarlo con le mani fino a coprire il vassoio, in modo che sia sottile e liscio.
  • Cuocere in forno (200°C) fino a che la parte superiore è dorata.
  • Nel frattempo, preparare il pomodoro con sale, pepe e origano.
  • Tirare fuori la base dal forno e senza aspettare che raffreddi, coprirla con pomodoro, mozzarella e salmon piccante. Non dimenticare di lasciare scoperta la “crosta”!
  • Altri 10 minuti in forno
  • Pronta!

pizza+paleo+servita

I segreti del cuoco

1. Si può anche usare la mozzarella fresca, ma tende a rendere la pizza più acquosa.

2. Allo stesso modo, evitare ingredienti che rilascino acqua, come funghi, pomodorini e ananas.

3. Se la base è molto sottile, la pizza è addirittura croccante e quasi non sa di cavolfiore.

Pronta in mezz’ora e così buona che la servirei a qualsiasi italiano.


Per una classica serata pizza e film, invece dei pop-corn prova queste deliziose patatine paleo fatte al microonde. Ti sorprenderanno!

Se ti piace questa ricetta e la provi, lasciami un commento e dimmi come è andata. Più teste sono meglio di una!


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Stasera la provo!

    • Claudio, ma sei tu il cuoco in famiglia? Ti piacerà un sacco! Ricorda di fare la base sottile e lasciarla dorare bene prima di metterci gli ingredienti. Fammi sapere come va!

      • Buongiorno!
        Abbiamo fatto una prima pizza venerdì ed una sabato col la meta’ cavolfiore rimasta. Il risultato e’ stato ottimo, abbiamo usato scamorza fresca al posto della mozzarella ma x la prossima volta dobbiamo utilizzare i pomodori secchi!
        Per me che sono intollerante e’ un’alternativa sfiziosa!
        La prossima ricetta da provare e’ la tenerina ferrarese, magari la preparo stasera x domattina per fare una dolce colazione per Antonella che festeggia il compleanno!
        Cheers!

      • L’unica modifica alla ricetta e’ stata la quantita’ di formaggio Grana da utilizzare: con quantita’ superiore a 150 grammi il composto era troppo asciutto ed abbiamo dovuto aggiungere un secondo uovo.

      • Ciao Claudio, c’è solo una parola per la foto che mi hai inviato per mail: yummy!
        Ottima idea la scamorza, se solo la trovassi qui in Spagna! 🙁 Io anche provai con i pomodorini, ma era un po’ troppo acquosa.

        E forse nella ricetta non è chiaro, ma io non uso il parmigiano (perché appunto la rende troppo secca), bensì semplice formaggio grattugiato (emmental o quei pacchetti di quattro formaggi per pizza). Prova la prossima volta e mi dici! 🙂 Oh, mi hai fatto venire voglia di farmela stasera!

  2. Magari fosse cosi’! In realta’ io ed Antonella lavorando entrambi cerchiamo di dividerci un po’ tutti i compiti (anche se ci sono cose che sa fare solo lei!).
    Riguardo il cucinare, spesso, mentre lei prepara e fa mangiare la nostra piccola io cucino per noi. That’s it!

  3. Ma quindi non cuoci il cavolfiore prima? Lo lasci crudo?

    • Ciao Simona, grazie per il tuo commento. No, altrimenti diventa una specie di purè, lo trituro crudo e cuoce poi in forno. Hai provato?

  4. Ciao,anch’io -da poco- seguo la dieta Paleo..La tua ricetta èmolto invitante..la faró nel Week-end. Ma una domanda, i formaggi non sono paleo :((((((((( Un consiglio per sostituire la mozzarella 🙁 ? Ciao

    • No, i formaggi non lo sono, hai ragione, ma noi dopo anni di dieta rigida, abbiamo deciso di evitare gli estremi e permetterci cose come latticini (che consumiamo da sempre comunque in piccole quantità, come un cappuccino al mattino e una volta ogni due settimane in questo tipo di ricette, e gelati d’estate eheh!). Insomma, come dico sempre siamo 85% Paleo e 100% felici 🙂 Quindi non saprei davvero come aiutarti per sostituire la mozzarella, sorry! 🙈


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.