La Tela di Carlotta
Episodio 34

Etichette: smettiamo di mettere le persone in scatola!

Questa settimana su Educare con Calma parliamo di etichette (parole che usiamo per definirci), del perché penso che siano nocive per conversazioni e relazioni e come sostituirle nel nostro linguaggio. 

Vi lascio il link all'episodio sul mio blog, dove potete anche leggere la trascrizione, trovare i post relazionati al tema di cui parlo e anche lasciarmi un commento per avviare una conversazione.

Nell'episodio menziono anche questa IG TV "Basta con le etichette!" e questo vecchio post "Il papà è una mamma con il pene".

PS. Questa settimana ho anche pubblicato un episodio di Montessori in 5’ e vi ho raccontato come girare le frasi in positivo per aiutare i bambini a rispettare le regole.

--

Come appoggiare il podcast:

Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblicità di quelle che già vi sommergono nella vita quotidiana. Se vi piace il mio podcast e volete aiutarmi a mantenerlo vivo, potete acquistare uno dei miei corsi:

  • Educare a lungo termine: un corso online su come educare i nostri figli (e prima noi stessi) in maniera più consapevole. Tanti genitori mi dicono che gli ha cambiato la vita.
  • Co-schooling – educare a casa: un corso online su come affiancare il percorso scolastico per dare l’opportunità ai bambini di non perdere il loro naturale amore per il sapere.
La scorsa settimana ho parlato su IG di quanto le etichette siamo deleterie nella nostra società, non solo per i bambini ma anche per gli adulti. Oggi vorrei approfondire. 
Prima di tutto vorrei spiegarvi il mio punto di vista sul perché le etichette siano nocive e poi vorrei darvi alcuni spunti su come cambiare alcune delle etichette più comuni del nostro quotidiano.
Iniziamo dai bambini:
Immaginiamo un bambino che sente sempre i genitori descriverlo come timido ogni volta che si nasconde tra le gambe della mamma quando incontra persone nuove. Che cosa pensa quel bambino? Sono un bambino timido. Che cosa fa quel bambino? Crea quell’immagine di sé nella sua mente e inconsciamente soddisfa l’aspettativa che le persone hanno di lui continuando a nascondersi perché tanto pensa “sono un bambino timido”. 
Prendiamo una bambina che non vuole mai camminare (ne so qualcosa perché noi abbiamo passato un periodo lungo con Emily che ogni volta che andavamo a fare una passeggiata voleva mettersi nel marsupio). Se noi avessimo continuato a dirle “Emily sei proprio pigra” o a spiegare alla gente che la vedeva nel marsupio “Emily è un po’ pigra”. Che cosa avrebbe pensato Emily? Sono una bambina pigra. Che cosa avrebbe fatto Emily? Avrebbe creato nella sua mente quell’immagine di se stessa e avrebbe inconsciamente continuato ad andare nel marsupio pensando “tanto sono una bambina pigra, questo è il mio posto quando loro camminano”. 
Ok, lasciamo un momento i bambini e passiamo agli adulti, perché per gli adulti, anche se noi siamo più abituati a processare emozioni, le etichette hanno lo stesso effetto. 
Nel mio corso Educare a Lungo termine propongo un esercizio che consiste nel chiudere gli occhi mentre io dico alcune frasi con etichette positive e negative  come Sei gentile Sei irragionevole Sei generosa o anche un’espressione come Fai sempre la vittima e chiedo di riflettere su come queste etichette vi fanno sentire e immaginare come vi sentireste verso la persona che ve le dice. Posso dirvi quello che sento io. Le etichette negative smuovono un disagio dentro di me e mi fanno automaticamente mettere sulla difensiva. Le etichette positive mi fanno piacere, ma se rappresentano un tratto di noi che non sentiamo vero, creano comunque disagio, ci creano una cosa simile alla famosa sindrome dell’impostore. Quindi magari noi adulti non creiamo una immagine di noi stessi perché possiamo razionalizzare, ma quelle etichette non solo creano sensi di colpa che rimangono con noi più o meno a lungo, ma perpetuano anche aspettative e stereotipi nella società. Penso alle classiche “la brava mamma” o “la mamma cattiva”. Penso all’etichetta “ambiziosa” per una madre che nell’immaginario collettivo spesso è sinonimo di egoista, per esempio. Penso all’etichetta “presente” per un padre che spesso nell’immaginario collettivo è sinonimo di “buon padre”.
Ma un padre presente non è necessariamente un buon padre perché magari passa molto tempo a casa con i bambini ma è sempre al cellulare e magari grida ogni volta che i bambini sbagliano qualcosa ai suoi occhi.
Una donna ambiziosa non è necessariamente una madre egoista perché magari arriva a casa tutte le sere e passa del tempo di qualità con i propri figli, ed è soddisfatta di sé, che aiuta moltissimo l’armonia in famiglia.
Le etichette ci mettono in scatole. Sia nella mente degli altri che nella nostra mente. Quando dico “ci mettono in scatole” immagino proprio una stanza enorme piena di scatole giganti con scritto sopra varie etichette, per qualsiasi cosa: vegetariano, cattolico, mulatto ecc ecc 
Quando una persona è in una scatola, e noi leggiamo l’etichetta sulla scatola è molto più difficile che ci creiamo un’idea di quella persona in base a quello che la persona è, alla sua individualità, alla sua unicità. È molto più probabile invece, che anche solo inconsciamente, anche se abbiamo le più buone intenzioni, ci creiamo un’immagine di quella persona in base a quello che l’etichetta dice, perché l’etichetta di traduce nella nostra mente in aspettative e generalizzazione di valori e attitudini. Mi è capitato tantissime volte di assistere a conversazioni tra conoscenti in cui uno dice all’altro di essere vegano, per esempio, e l’altro d’istinto traduce quell’etichetta nella sua mente come una generalizzazione (perché magari nella sua esperienza ha conosciuto qualche vegano estremista e poco tollerante delle scelte altrui di consumare carne e ha generalizzato). Oppure magari si fa un’idea della persona in base alla sua caratteristica di essere vegano e istintivamente pensa che sia anche un – sparo a caso – attività per il clima. Oppure ancora quell‘etichetta lo mette sulla difensiva perché la sente come un attacco al suo stile di vita e alle sue scelte.
Allo stesso modo un bambino che viene definito “molto attivo” automaticamente è monello; un bambino che viene definito “molto calmo” automaticamente è timido. Cioè, io credo che le etichette facciano davvero tantissimi danni sia nelle conversazioni, sia nelle relazioni. Non solo tra genitori e figlio, ma tra adulti, tra amici, tra conoscenti, tra sconosciuti.
Sentiamo spesso dire che non si può giudicare una persona dall’apparenza, be’ allo stesso modo bisognerebbe creare l’espressione non si possa giudicare una persona dall’etichetta. Le apparenze ingannano. Le etichette ingannano.
Come ho eliminato o cerco di eliminare le etichette? Una soluzione semplice è rimuoverle. 
  1. Possiamo cambiare la parola singola con una frase. Per esempio io da qualche anno potrei definirmi quasi vegana perché mangio carne e pesce solo quando so da dove arrivano. Invece scelgo di non definirmi e dico “preferisco non mangiare carne se non so da dove arriva”. Invece di dire Emily è pigra, dicevamo Oggi Emily sembra stanca, magari cercando anche di evitare “è stanca” perché in realtà non sappiamo se il suo non voler camminare sia dettato dalla stanchezza o da altri fattori. E aggiungevo “oggi” anche se lo faceva  spesso perché non volevo creare quell’immagine di sé nella sua mente di bambina ma nemmeno nella mia mente di genitore (perché quando un genitore ha un’immagine del figlio, è molto più difficile essere oggettivi e valutare ogni situazione a se stante). 
  2. Quindi cambiare una parola singola con una frase è un’opzione. Un’altra opzione è semplicemente omettere. Vi racconto un aneddoto. Eravamo a Parigi e avevo portato Oliver ed Emily a giocare in piazza dove c’erano anche tanti altri bambini. Mentre loro giocavano io mi ero seduta vicino a un signore, che avevo intuito essere il nonno di uno dei bambini con i quali giocavano Oliver ed Emily, e avevo iniziato una bellissima conversazione con questo signore ed ero super orgogliosa di me perché la conversazione era francese. E allora ricordo di aver scritto un messaggio ad Alex dicendo: ho parlato per un’ora con un signore in piazza interamente in francese e ci sono riuscita!”. Quello che avevo omesso in quel messaggio e anche nell’aneddoto che vi ho appena raccontato è che quel signore era nero. E nel messaggio originale che stavo per inviare ad Alex l’avevo scritto, ma rileggendolo mi era resa conto che non c’entrava nulla e così l’avevo cancellato. Ne parlai ad Alex solo mesi dopo per fare una riflessione su quanto le parole che scegliamo siano importanti e rivelino preconcetti e pregiudizi. Se il signore fosse stato bianco, non avrei mai scritto ad Alex “ho parlato per un’ora in Francese con un signore bianco”, perché allora avevo scritto che era nero? Perché avevo sentito il BISOGNO di scrivere che era nero? Ecco, quello è stato uno di quei momenti in cui ho capito che dovevo lavorare su di me, sui miei pregiudizi e sul mio anti-razzismo. Perché il modo in cui parlo io sarà il modo in cui parleranno i miei figli.
  3. Un’altra idea che avevo menzionato su IG in relazione a una famiglia e agli stereotipi di ruolo che si perpetuano anche dall’uso di etichette come quelle di cui parlavamo prima è quella di non parlare di un individuo ma di parlare di membri della famiglia: per esempio invece di dire “mio marito è presente” potremmo descrivere includendo i ruoli di tutta la famiglia per esempio “nella nostra famiglia io e mio marito ci diamo i turni per cucinare” “nella nostra famiglia mio marito cucina e io faccio le lavatrici”. E Su questo punto vorrei fare un appunto che richiederebbe forse un episodio a parte, ma io personalmente cambierei anche “mio marito mi aiuta in casa” perché questo implica che io devo fare tutte le faccende domestiche e mio marito deve solo aiutarmi, e secondo me anche questo perpetua uno stereotipo che non dovrebbe più esistere perché al giorno d’oggi, a meno che non ci siano equilibri individuali specifici, perché ogni famiglia è un mondo e non si può generalizzare, ma in una famiglia in cui entrambi i genitori lavorano, secondo me i papà dovrebbero avere tante responsabilità quanto le mamme. E se non è così, vi consiglierei una riunione di famiglia per cambiare la situazione, per trovare una soluzione che può essere dividersi i ruoli o trovare una signora delle pulizie che aiuti, perché sono sicura che a lungo andare questo tipo di squilibri danneggiano qualsiasi relazione.         
Ok, non c’entrava nulla con le etichette, ho seguito come sempre un filo della mia ragnatela di pensieri, ma tutto questo per invitarvi a riflettere sull’uso che facciamo delle etichette, su quante etichette usiamo, su quali etichette usiamo che magari non ci rendiamo nemmeno conto essere etichette e a fare uno sforzo per eliminare le etichette dalle vostre conversazioni, relazioni, e mentalità. E anzi vi lascio con un esercizio: scrivete una lista delle etichette che affibbiate in casa ai vostri figli o alla vostra compagna o il vostro compagno e un’altra lista con le etichette che affibbiate a voi stessi. 
Perché, e poi giuro che chiudo, anche le etichette che affibbiamo a noi stessi sono deleterie, se non più deleterie ancora. Per esempio, vi racconto un aneddoto personale. Io sono stata cresciuta con le bugie bianche, la mia mamma diceva le bugie bianche e io sono cresciuta con l’idea che le bugie bianche fossero innocue e quindi le ho sempre dette. Se sul bus il controllore mi beccava senza biglietto quando ero all’università, magari gli dicevo che ero appena salita e stavo andando a timbrarlo mentre invece ero sul bus da mezz’ora perché stavo andando da un lato all’altro della città. La mia scusa nella mia mente era che ero una studentessa e dovevo risparmiare, quindi andava bene dire una piccola bugia bianca, per avere la possibilità di non dover timbrare affatto il biglietto. Perché vi racconto questo? Perché queste bugie bianche mi hanno abituata a mentire e siccome mi riusciva bene, io mi sono creata nella mia mente l’idea di una persona che è brava a mentire. 15 anni dopo, dopo aver fatto un lungo percorso di autoanalisi e lavoro su me stessa, ho deciso che le bugie bianche per me non sono accettabili, nessuna bugia bianca, da babbo natale al “non capisco l’inglese” quando voglio che i miei figli mi parlino in italiano. Oggi giorno io non mento mai, anche quando la verità è scomoda, anche quando mi sento a disagio ad ammettere la verità, io non mento. Per principio. Perché è una di quelle cose che ho voluto fortemente cambiare, e per cambiarla ho deciso di fare l’opposto: non mentire mai. Il risultato è che oggi sono davvero pessima a mentire, arrossisco, si capisce immediatamente che sto mentendo. Eppure un giorno parlavamo con degli amici di bugie e di bambini che raccontano bugie e io ho detto: “io sono bravissima a mentire”. E appena l’ho detto mi sono detta, ma non è vero, perché l’hai detto. E mi sono resa conto che l’avevo detto solo perché l’immagine che avevo di me adolescente brava a dire le bugie bianche era ancora nella mia mente, non mi aveva ancora lasciata. Non avevo ancora aggiornato nella mia mente l’immagine della nuova Carlotta, non l’avevo ancora interiorizzata. Potrei raccontarvi un sacco di altri aneddoti simili, ma è solo per farvi riflettere sul potere delle immagini che creiamo nelle nostre menti e quindi sul potere delle immagini che le etichette che affibbiamo ai nostri figli creano nelle loro menti. E anche quanto a lungo queste immagini rimangano con noi e siano difficili da cambiare anche quando siamo in realtà siamo cambiati.
Se vi va, mi piacerebbe che mi raccontaste quali sono alcune immagini di voi stessi che avete dovuto cambiare o che avete fatto fatica ad aggiornare nelle vostre menti e magari anche quali etichette usate nel quotidiano che vorreste cambiare. Da oggi potete farlo finalmente sul mio blog www.lateladicarlotta.com/podcast, perché nella pagina di ogni episodio del podcast il mio maritino mi ha aggiunto la trascrizione, gli articoli relazionati che trovate sul mio blog e anche, rullo di tamburi, i commenti! Sono troppo felice perché spesso mi dite che vorreste poter farmi domande o dirmi la vostra opinione su un determinato episodio del podcast e ora potete farlo direttamente sulla pagina di ogni episodio). Insomma, piano piano stiamo aggiungendo dettagli che secondo me sono importanti per sentirci più vicini gli uni agli altri anche fuori dai social media, che sapete è una cosa che mi piace molto.
E violet, spero che questo episodio vi sia piaciuto e che vi abbia fatto riflettere sul potere delle parole e sull’uso che facciamo di alcune parole, perché come dico sempre credo fortemente che l’educazione si cambi soprattutto cambiando il linguaggio. 
Vi ricordo che ovviamente mi trovate anche su instagram e Facebook come lateladicarlottablog e non mi rimane che darvi appuntamento alla prossima settimana con un altro episodio di educare con calma. 
Buona serata, buona notte o buona giornata a seconda di dove siete nel mondo. Ciao! 

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Elisa • apr 3, 2021

Io non ho parole per ringraziarti.
Ti dico "GRAZIE".
ma non basta! ❤

🌸 Carlotta • apr 12, 2021

Grazie a te che hai dedicato il tuo tempo ad ascoltarmi! 🌸

Giovanna • mar 5, 2021

Wow Carlotta! Solo WOW!!!🤩
E anche GRAZIE!
È un argomento che mi interessa tantissimo e con cui mi sono sempre “scontrata”.
Soprattutto non so come argomentare davvero bene agli altri il perché non vorrei essere etichettata io, e soprattutto non vorrei che lo facessero con mia figlia (11 mesi).
Non passa giorno che qualcuno le dica che è bellissima, dolcissima, solare, intelligente. E lo fanno di continuo! La mia famiglia fa molto (ma molto) uso di etichette, e più ci faccio caso più mi rendo conto che è un’abitudine diffusissima anche al di fuori della famiglia.
Se provo a chiedere di non usarle (parlo di etichette “positive”) mi dicono che però così la bimba non riesce a formarsi una propria autostima. Al che io non più cosa rispondere.
Oppure dicono “eh ma se è davvero bellissima perché non dirglielo? Non si crea un’immagine di sè sbagliata.”
Mi serve un corso intensivo e un approfondimento!📚

🌸 Carlotta • mar 7, 2021

Sai, in realtà credo sia proprio il contrario: più smettiamo di elogiare e dire "bravo" a ogni azione del bambino, più il bambino sviluppa sia l'auto motivazione (perché ora fa le cose non più perché "così la mamma è felice", ma perché lui stesso è felice), sia una mente critica che conoscerà il proprio valore al di là dell'opinione della gente. Io vorrei che mia figlia si vedesse bellissima, perché lei si sente bellissima, non perché glielo dicono in continuazione. E per questo, ogni volta che le fanno un complimento, io non nego, ma rivolgo l'attenzione, per esempio, al vestito "questo vestito è molto comodo e pratico" o addirittura su un qualcosa che ha in mano, se capita, "Quella bambolina è proprio carina vero?". Mi prendono per pazza, ma io spero che a lungo andare il messaggio arrivi.

PS. Hai visto il mio corso online? Parlo molto di queste tematiche 🙂

Elca • mar 3, 2021

Ottimo spunto di riflessione, grazie!
Per scardinare l'etichetta mamma ambiziosa = cattiva mamma o viceversa mamma che lascia il lavoro per seguire i figli = mamma che si annulla... propongo come alternatova: mamma che ha fatto scelte lavorative nel rispetto degli equilibri di tutti (incluso il proprio). Suona bene?!

🌸 Carlotta • mar 7, 2021

Se si sente il bisogno di definite, a me la tua frase sembra perfetta! (Magari un po' lunga, ma a volte per cambiare mentalità bisogna fare uno sforzo in più 🙌🏻) 🌸

Marco • feb 27, 2021

Avevo 12/15 anni e le prof. Consigliarono ai miei genitori di iscrivermi alle superiori ad una scuola tecnica/scientifica perché ero "molto brava in matematica e in logica". Ok... Mi ritrovai a frequentare ragioneria.
Alle superiori " questa ragazza ha un'opinione su tutto ed è molto brava nelle materie matematiche e politiche... Signori sarebbe un peccato non cavalcare l'onda del suo talento, questa ragazza come minimo diventerà commercialista, avvocato, politico! Mi raccontando... ragionate sull'iscrizione all'Università!"
Mi ritrovai a frequentare la facoltà di economia all'Università!
Ero scomoda, arrabbiata... Non riuscivo, non mi piaceva ma non potevo non "cavalcare l'onda del mio talento". Dopo poco lasciai l'università!
Tempo dopo incontro la mia professoressa delle superiori :"Valeria ciao, che piacere! Racconta... Cosa sei diventata? Commercialista, avvocato?" Ed io: "no prof, una normalissima impiegata!" E lei:"mmmh che peccato!"
Ecco... Oggi mi rendo conto che non mi sono ascoltata ma mi sono lasciata convincere dalle "etichette" che mi venivano attribuite! Sarei voluta diventare tutt'altro... Ma ora forse è troppo tardi! Utilizzando una frase in positivo per me stessa potrei dire che "ora che ne sono cosciente ho la possibilità di reinventarmi e cercare di fare qualcosa che davvero mi piace ma senza aspettative.. quel che viene, viene! E per mio figlio, ora so cosa non fare per permettergli di essere libero di esprimersi!"
Grazie Carlotta per aver toccato un argomento che avevo nascosto in un cassetto che, una volta riaperto, mi ha dato la possibilità di ragionare e capire.
Un abbraccio,
Valeria.

🌸 Carlotta • mar 1, 2021

Valeria, ma che commento meraviglioso e che testimonianza incredibile, grazie per averla condivisa con noi. Hai ragione, quante volte io ho sentito dire dalle mie insegnanti: "Scrive molto bene, secondo me dovrebbe fare lettere". Era vero. Ma sai che cosa ha causato? Che mi credessi pessima in matematica e avessi un'avversione per questa materia, mentre invece avevo tantissimo potenziale, perché a me la matematica piaceva molto e avevo anche ottimi voti. Poi io ho seguito un'altra passione, quella della traduzione, ma non mai davvero lavorato nell'ambito in cui mi sono laureata… :-D

Elena • feb 26, 2021

Grazie per aver affrontato questo argomento nel podcast. È difficile evitare di etichettare i nostri figli e quelli degli altri. Un lavoro immane fare altrettanto con noi stessi e gli altri adulti. Ma si cambia un giorno alla volta e già inizio a vedere i primi risultati. Utile infatti è anche dare ai nostri bambini i mezzi per "difendersi" quando qualcosa va storto.
Così a volte mi trovo a sentirmi rispondere da mia figlia di 3 anni:
"No, io non sono (discola / buffa / dura) sono (nome e cognome) e non si etichetta"
Se da una parte sono contenta lei abbia recepito questo meccanismo di difesa, dall' altro mi rendo conto di quanto sia grande questa, chiamiamola battaglia di sensibilizzazione di sé e degli altri sull'argomento. Ma il cambiamento nella nostra famiglia è iniziato e sono certa che porterà certamente gran bei frutti anche in chi abbiamo attorno!
PS. E ho notato che ho parlato sempre al positivo! 😉 A volte basta poco per cambiare.

🌸 Carlotta • feb 26, 2021

È una battaglia grandissima, ma si vince solo un “soldato” alla volta 😂🙌💃🏼 Ps. Emily, l’altro giorno ha risposto a una persona che le ha detto “You’re a princess”: “I’m not a princess, I’m Emily!”. Io così 🤩

Paola • feb 26, 2021

Mi è piaciuto moltissimo mi sono molto immedesimata perché ho la tendenza a giustificare il fatto che mio figlio Non saluti le persone che incontriamo dicendo che è timido!
Cercherò di lavorare insieme al mio compagno su questo aspetto, grazie per darci sempre nuovi spunti di riflessione e crescita.
Mangio vegetale da più di 10 anni e ho la tendenza a etichettare i vegani come persone empatiche con cui sicuramente andrò d'accordo, mentre molto spesso nella realtà mi accorgo che non è così e che è solo un aspetto che ci accomuna ma le persone sono molto altro 😊

🌸 Carlotta • feb 26, 2021

Esatto! È proprio così, e so che è difficile da cambiare ma io vedo già i risultati: avendo smesso di usare etichette, quando la gente si auto definisce riesco a non metterli insieme scatole e invece mi viene naturale fare più domande (senza assumere), cosa che fa loro piacere perché denota interesse nella loro vita. Insomma, vinciamo tutti!

Gloria • feb 26, 2021

brava Carlotta!

🌸 Carlotta • feb 26, 2021

Grazie mille, sono felice che ti sia piaciuto!

Elena • feb 26, 2021

Carlotta hai proprio ragione, è difficile cambiare il proprio linguaggio ma non sbagli un episodio. Anche questa è una cosa importantissima e cercherò di fare il tuo esercizio perché ne ho bisogno, venendo da una famiglia iper giudicante direi io.. ma forse meglio non dare etichette ;) Grazie come sempre, Elena

🌸 Carlotta • feb 26, 2021

Ti ringrazio moltissimo, Elena! Sono davvero felice che ti sia piaciuta la puntata, perché per me ha un significato importante! 🌸

Elena • feb 26, 2021

Ciao Carlotta, mi è piaciuto moltissimo anche questo episodio e come sempre ho trovato le tue parole profondamente vere e una grande occasione per riflettere. Per quanto riguarda me, ti dico che addirittura in certi momenti della mia vita ho sentito il bisogno di darmi io stessa delle etichette, per sentirmi parte di qualcosa, per identificarmi con un gruppo, per riuscire ad autodefinirmi. Ne è passato di tempo, ne sono successe di cose, ora ho un bimbo di 1 anno e 3 mesi, e devo dire grazie a lui per il lavoro che sto facendo su me stessa, perché da subito ho sentito che per educare a lungo termine lui, dovevo partire da me. Anche ora familiari ed amici continuano a definirmi con etichette che non sento assolutamente mie e provo con il mio comportamento di tutti i giorni a dimostrare loro che basta, è ora di lasciarle perdere, ma non è facile. Verso il mio bimbo questo discorso delle etichette l'ho da sempre sentito così innaturale che tutte le volte che qualche persona mi chiede "E' bravo?" rimango basita e li guardo non sapendo cosa rispondere. Ma che cosa vuol dire "è bravo??". Sappiamo che chi ti fa questa domanda di solito con quel "bravo" purtroppo intende "Non piange? Dorme tutta la notte? E' sempre calmo?". Di solito rispondo "Fa le cose che fa un bambino!". E cos'altro dovrebbe fare dato che appunto E' un bambino?? Ora che è un pochino più grande, mi è capitato di cadere nella trappola di dire "E' timido" se si nasconde tra le mie gambe, o "E' molto attivo" quando se ne va in giro correndo. Ma mi accorgo che immediatamente quello che ho detto mi stona e cerco di riformularlo. Grazie per le tue parole che mi hanno aiutata a tornare a pensarci!

🌸 Carlotta • feb 26, 2021

Sono contenta che ti sia piaciuto! Credo che un po’ ci passiamo tutti, ad etichettarci per appartenere, l’appartenenza al gruppo è una caratteristica innata dell’uomo. A me “piace” appartenere a gruppi che sento affini, ma l’etichetta provo ad evitarla comunque per togliermi l’abitudine. Grazie mille per averci raccontato la tua esperienza! 😊 Ps. Del tema “bimbo bravo” abbiamo parlato anche con Gaia @siankiki nell’episodio precedente, se lo hai ascoltato. Ti abbraccio 🌸

Zaira • feb 26, 2021

Ehilà! Premessa: sto leggendo il tuo corso e condivido moltissimo della filosofia Montessori, molte cose già le applicavo in maniera intuitiva ed altre mi hanno aiutato a mettere in discussione usi e costumi radicati in me. Da quando eravamo incinti di nove mesi abbiamo assunto un aiuto in casa per le pulizie, un aiuto domestico. Lo esprimo così perché non mi piaceva dire “donna delle pulizie”, ché ci sono anche uomini che fanno questo lavoro e/o così ci convinciamo che aiutare a fare le pulizie sia un lavoro da donna. Lo dico da ingegnere meccanico donna che fa fatica a definirsi ingegnerA. E quando qualcuno mi chiede perché ci siano così poche donne che fanno il mio mestiere l’unica ragione che riesco ad immaginare è proprio la cultura, la maniera in cui siamo stati cresciuti: passeggino e bambole per le bimbe e macchinine e trenini per i bimbi. O “no calcio non lo fai che poi diventi lesbica” (real story...) Discorso lungo ma chiudo qui. Complimenti a te per i contenuti e ad Alex per il sito! Saluti dall Svizzera, Zaira

🌸 Carlotta • feb 26, 2021

E Zaira, ma sai quanto ci sarebbe da parlare degli stereotipi di genere? Ho appena grattato la superficie di tutto questo, te lo prometto. Grazie per aver condiviso con noi la tua esperienza 🌸
Ps. “No, danza non gliela faccio fare perché diventa gay”. Quante volte ho sentito questa frase. Il corrispettivo del calcio mi mancava 🙄

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Come supero il "burnout"
Buon 6º compleanno, Oliver!
Non vuole chiedere scusa!
Come lasciare il parco giochi senza lotte di potere
Così è la vita
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Montessori VS "il mondo reale"
Consenso: attività per bambini
Montessori express: cambia le frasi in positivo
Montessori express: NON va tutto bene!
Mio figlio piange disperato in macchina (15 mesi)
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.
Grazie per avermi ascoltata!