La Tela di Carlotta
it en es

Ti piace il tuo corpo di madre? (ovvero quando non ti riconosci allo specchio dopo la gravidanza)

mag 20, 2019

Questa è una foto che non avrei mai pensato di pubblicare. O anche solo di considerare di pubblicare. O anche solo di scattare. Una foto che mi spoglia non solo dei miei vestiti, ma anche della mia sicurezza.

Non è una foto di trasformazione prima/dopo. Questo è stesso giorno, stessa ora, stesso corpo. Diversa sicurezza.

Il corpo a sinistra è un corpo che riconosco. Posso accettare qualche chilo in più se avvolta in vestiti che mi stanno bene, che evidenziano il meglio e nascondono il peggio.

Il corpo a destra è un corpo che apprezzo. È un corpo che ha cresciuto due bambini dentro di sé e ha subito una trasformazione strabiliante. Due volte. In due anni.

MA.

Non è il mio corpo. Il mio corpo ha il punto vita stretta. Glutei rotondi e sodi. Braccia atletiche e pancia piatta. Il mio corpo era come in questo video proprio l’anno in cui sono rimasta incinta di Oliver, quattro anni fa (non perché facevo qualcosa di speciale, vita normale, mangiavo sano, correvo, ballavo, lavoravo non stop e facevo cose come quelle nel video ;-).

Ho mostrato questa foto a due amiche e loro vedono un bel corpo (vi voglio bene anche io!). Mio marito vede bellezza. Tu forse vedi un corpo decente.

Io? Io vedo il sedere a forma di pera. Quel rotolino sulla schiena. Una cintura inesistente. Vedo la cellulite, che è più di quanto si apprezzi nella foto. E poi mi giro e vedo uvette dove prima c’erano le tette. Una pancia gonfia che ha sostituito i miei addominali sempre marcati e un ventre super piatto.

Vedo tutte le imperfezioni. Le smagliature sui fianchi dalle gravidanze. Le cicatrici della chirurgia inaspettata. Il doppio mento quando mi guardo la pancia. Le alette sotto le braccia. Perfino i capelli grigi che sono aumentati a dismisura nell’anno e mezzo di privazione del sonno.

Per quattro anni ho continuato a pensare di rimettermi in forma, di riappropriarmi di quel mio corpo a clessidra pre-bambini, ma non ho mai trovato la motivazione di fare ciò che serve per ottenerlo.

Motivazione. Ho sempre pensato che la motivazione fosse il problema, problema assolutamente valido, tra l’altro — ciao nuova vita da mamma, due bambini piccoli, i terribili due anni, la prima adolescenza ai tre, un lavoro e poche ore di sonno!

Poi ho trovato Sarah @thebirdspapaya e anche se scriveva di corpi a cui non potevo oggettivamente relazionarmi, ha toccato alcune corde profonde dentro di me.

Mi ha fatto capire che il problema non aveva nulla a che fare con la motivazione e tutto a che fare con l’accettazione. Anche se non ero infelice del mio corpo di mamma, non l’avevo mai accettato. Anche se non ho mai dato per scontato il miracolo della vita, non mi sono mai fermata ad apprezzare il mio corpo per ciò che ha fatto per essere com’è oggi — si è espanso ed esteso in tutte le direzioni per dare vita a due PERSONE.

Poco a poco, un post di Instagram alla volta, Sarah mi ha aiutata a iniziare un nuovo dialogo interiore con il mio corpo. Ha introdotto nel mio dizionario parole come positività corporea, amor proprio e valore personale. Mi ha insegnato l’importanza di normalizzare i corpi che non rientrano negli standard impossibili della società in cui viviamo.

Poco a poco, un post di Instagram alla volta, ho iniziato a collegare i puntini: non potevo cambiare il mio corpo partendo da un dialogo di odio — odio i miei fianchi, odio la mia cellulite, odio le mie natiche, odio la mia pancia. Nessun cambiamento positivo può venire dall’odio per se stessi.

Dovevo prima cambiare il mio dialogo interiore. Dovevo iniziare da un dialogo d’amore. Dovevo accettare il mio corpo così com’è, eliminando il desiderio di cambiarlo.

Quindi ho agito. Ho buttato via la bilancia — penso di pesare tra i 64 e 70 kg, ma chi lo sa! Ho iniziato a guardare il mio corpo allo specchio, invece di ignorarlo perché non mi piace quello che vedo. Ho iniziato a concentrarmi su ciò che mi piace invece di ciò che odio. Mi piacciono le mie spalle, la mia schiena è sexy, adoro il mio collo lungo, la mia pancia non è poi così male, i miei occhi sono grandi e profondi, la mia bocca è sensuale. Persino le mie uvette sono carine.

Ho iniziato a dire a me stessa, “sei bella”, lasciando fuori il “per aver fatto due figli”. Sono bella, punto.

E poi è successo qualcosa di inaspettato.

Ho smesso di mangiare zucchero. Ho iniziato a correre di nuovo.

E per la prima volta nella mia vita, la ragione era NON perdere peso. NON era essere più soda. NON era essere in forma per lo spettacolo di danza. NON era essere pronta per la prova bikini. Ma era per mostrare AMORE al mio corpo. Per nutrirlo in maniera GIUSTA. Per vedere il suo VALORE anche quando non è al suo meglio — qualunque cosa “meglio” significhi nella mia testa.

La mia reazione spontanea a questo ritrovato amore per me stessa è stato nutrirmi in maniera più sana e fare esercizio, perché credo che sia così che mostriamo amore al nostro corpo, prendendocene cura. Nello stesso modo in cui mostriamo a qualcuno che lo amiamo abbracciandolo o dedicando loro il nostro tempo. Solo un dialogo d’amore può generare comportamenti sani: quando parli al tuo io interiore con amore, la scelta salutare non solo è molto più facile, ma è l’unica via possibile.

Ecco da dove iniziamo noi madri dopo una gravidanza: dal nostro dialogo interiore. Modifichiamo le parole che ci diciamo nella nostra mente. Ci accettiamo, ci apprezziamo, ci amiamo, ci valoriamo, ci perdoniamo. Alleniamo la mente prima e poi il corpo. Prendiamo decisioni nell’amore, non nell’odio.

Non ci nascondiamo dietro grandi maglioni e pantaloni larghi. Non ci vergogniamo di toglierci i vestiti in spiaggia — anche se ci sentiamo insicure dentro, tiriamo fuori il petto, spalle indietro e testa alta. Non critichiamo ogni centimetro del nostro corpo di fronte allo specchio, ci sforziamo di trovare qualcosa che ci piaccia e sempre di più. Spingiamo via tutti i pensieri di ciò che vogliamo cambiare nel nostro corpo. Ci pieghiamo in avanti senza preoccuparci dei rotolini/oni che non saremo in grado di nascondere. Ci schiaffeggiamo mentalmente quando cambiamo la posizione in cui siamo sedute in modo che le nostre cosce non sembrino così grandi.

E ci prendiamo cura di noi stesse. Ci tagliamo i capelli ogni tanto e ci dedichiamo una manicure. Spalmiamo un po’ di olio naturale sulla pelle prima di andare a letto non per evitare le rughe, ma per mostrare un po’ d’amore alla nostra pelle. Indossiamo un bel vestito, soprattutto quando ci sentiamo giù. Lasciamo i bambini con il papà e pranziamo con un’amica, partecipiamo a una lezione di yoga, leggiamo un libro sulla spiaggia, ci prendiamo un weekend da sole.

Mostriamo amore a noi stesse così come lo mostriamo ai nostri figli, perché solo con l’amore si insegna l’amore.

Commenti

Savina • mag 20, 2019

Mio ❤
Sì. Soltanto con “l’Amore si insegna l’Amore” è la frase! E ho teso a praticata il più possibile.
Benvenuta tra chi si ama. Senza se e senza ma. A dispetto di tutti gli inciampi.
Mamma

Luana • mag 20, 2019

Lasciamo perdere… tasto dolentissimo al momento. A meno di tre mesi dalla nascita della mia secondogenita (per di più tramite parto cesareo), sono ancora nella fase che mi guardo allo specchio e non mi riconosco.
Tutte le ragazze che hanno partorito più o meno nel mio periodo hanno smesso di allattare (e qualcuna si è messa a dieta) e sono molto più in forma rispetto a me, che quando allatto non perdo un grammo…
Pazienza.

S. • mag 20, 2019

Dimostrare amore alla propria pelle.. bellissima verità. Difficile, almeno per me, farla del tutto mia, renderla reale. Ma iniziare a ragionarci su è comunque un punto di partenza, no? Grazie

🌸 Carlotta • mag 27, 2019

Assolutamente! Non possiamo far germogliare la pianta senza piantare un semino (nella nostra testa :-). Sono piccoli cambiamenti quotidiani…

Elena • mag 20, 2019

Ciao Carlotta! Bell'articolo verità!
Innanzitutto sei bellissima..
Io mi rendo conto che ho passato la mia giovinezza a odiare il mio corpo, ma se guardo ora le foto del passato vedo una ragazza carina e mi chiedo..quanto tempo ho perso a sentirmi inadeguata..
Con la gravidanza pensavo che sarebbe finita ogni velleità di avere un bel corpo, invece inaspettatamente e "grazie al diabete gestazionale" ho dovuto eliminare gli zuccheri e dopo le gravidanze ho perso i chili presi. Il mio corpo è più snello e le forme più dolci..mi sento più donna, seppur lontana dagli standard. Anche io mi devo impegnare per continuare ad amarmi e non perdere più tempo ed energie nel sentirmi inadeguata.

🌸 Carlotta • mag 27, 2019

Grazie Elena! Mi piace tantissimo che tu abbia scritto “grazie al diabete gestazionale”… spesso mi capita di pensare “se il mio corpo non tollerasse lo zucchero sarebbe molto più facile”, perché sceglierlo (e mantenerlo) è duro, lo zucchero è una droga. Ma accertarsi per come siamo e vederci belle, sentirci donne anche con “le forme più dolci’ è un esercizio quotidiano e credo un passo necessario per arrivare ad amarci! Grazie per il tuo commento ❤

SARA • mag 21, 2019

Brava!

🌸 Carlotta • mag 27, 2019

Grazie, cara! 🌸

Giorgia • mag 21, 2019

Credo uno dei più belli che tu abbia mai scritto.

🌸 Carlotta • mag 27, 2019

Oh, grazie! È raro che abbia tempo di seguire un’ispirazione e metterla nero su bianco (mi piacerebbe poterlo fare di più ma il tempo è quello che è e se ci mettessi due mesi a scrivere ogni post, si salvò i chi può…), ma questo post era davvero fondamentale per me scriverlo perché è stato un percorso duro, ma importantissimo! :-) Grazie per il tuo commento!

Patti • mag 23, 2019

Ciao Carlotta sei bellissima e credo che da sempre la serena accettazione delle cose sia la chiave della felicità. Che non significa arrendersi ma accettare ciò che non si può cambiare con uno schiocco di dita. E improvvisamente si trova la strada giusta verso il cambiamento. Grazie ❤

🌸 Carlotta • mag 27, 2019

Esatto! Non significa arrendersi, assolutamente NO! Ma accettare la natura e il naturale progresso delle cose. Grazie a te per il tuo commento!

Giulia • giu 12, 2019

Un post meraviglioso di cui condivido ogni parola. Grazie per averlo scritto.

🌸 Carlotta • lug 8, 2019

Grazie a te, Giulia, per avermi dedicato un minuto e aver scritto questo commento! 🥰

Elisa • ott 23, 2020

Ciao Carlotta,
Complimenti per l’articolo!
Ho partito 5 mesi fa e il tuo post mi offre uno spunto per guardare il mio “nuovo” fisico da un altro punto di vista.
Grazie davvero perché da oggi proverò ad amarmi di più e a non perdere più tempo a pensare a quanto sia inadeguata.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!