Quello di cui i bambini hanno bisogno

7 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Noi dormiamo tutti insieme in una stanza. Lo facciamo da molto tempo, molto prima di iniziare a viaggiare. Le persone dicono, i bambini devono abituarsi a dormire nella loro stanza. I bambini devono imparare a dormire da soli. I bambini devono imparare ad addormentarsi da soli. Io ero una di quelle persone.

Oliver dormiva nella sua stanza quando aveva 4 mesi. Ci siamo esercitati a dormire da soli. Ci siamo esercitati ad addormentarci da soli. Ci siamo esercitati ad addormentarci senza il seno quando si svegliava di notte. Abbiamo fatto tutto ciò che pensavo che Oliver dovesse fare. E lui ha fatto tutto quando gliel’ho chiesto: ero così orgogliosa di noi, di lui e del nostro lavoro insieme.

E poi è arrivata Emily e ho fatto esattamente le stesse cose.

Ma lei non ha dormito per 20 mesi. Si addormentava solo col seno. Mi voleva vicino tutto il tempo. Dormiva meglio con noi: ancora oggi si addormenta nel suo letto e si sveglia nel nostro. Ancora oggi si addormenta con la mano sul seno ogni volta che si sveglia.

Questo mi ha insegnato molto su ciò di cui i bambini hanno bisogno. Non hanno bisogno di ciò che le vecchie generazioni ci dicono che hanno bisogno.

I bambini devono essere vicini ai loro genitori. I bambini hanno bisogno di sentire la nostra presenza in ogni momento, per tutto il tempo necessario. I bambini devono essere presi quando piangono. I bambini hanno bisogno di sapere che siamo lì per loro durante il giorno e anche di notte, per quanto faticoso possa essere. I bambini hanno bisogno di imparare nuove abilità — come addormentarsi in modo indipendente, dormire tutta la notte o lasciare il pannolino — quando sono pronti.

Oliver era pronto molto presto. Emily non lo è ancora. E va bene così.

Perché più di ogni altra cosa, i bambini devono avere l’opportunità di essere se stessi. Devono sentirsi accettati per quello che sono. Devono sapere che li incoraggeremo sempre; che se vogliono, noi siamo lì per loro e con loro ad ogni passo.

Ma la nostra felicità non è il loro successo. La nostra felicità è il loro percorso, un percorso che darà vita alla persona che è già dentro di loro.

“Possiamo insegnare loro nuove abilità, ma non è nostro compito cambiarli” ~Simone Davies

🌸 C’è questo e molto di più sull’educazione rispettosa nel mio nuovo corso Montessori online per genitori: https://corsi.lateladicarlotta.com/diventa-un-genitore-montessori


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Mi chiamo Carlotta, ho 33 anni, sono italiana, sposata con un finlandese e insieme cresciamo i nostri bimbi, Oliver (4) ed Emily (2), Montessori e multilingue. Stiamo vendendo tutto per viaggiare il mondo.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Ciao Carlotta, anche stavolta leggo il tuo post e penso che è proprio quello che “è giusto!!!” fare!!
    Ho 2 bimbi proprio come i tuoi e, proprio come i tuoi, hanno tempi diversi e a loro modo crescono insieme ma ognuno x la loro strada!
    Buon viaggio a voi e anche un po’ a noi che, anche se da fermi, siamo sempre in viaggio!!

    • Grazie Jessica! Hai letto il sequel di questo post? Credo sia anche molto importante, quindi se non l’avessi letto, ti invito a farlo. Lo trovi a questo link. Un abbraccio forte 🌸

  2. Ciao Carlotta, anche questa volta ,leggendo il tuo post, mi ritrovo nelle tue parole,in cioè mio penso che sia così. Anche io ho due bimbi,il maschietto di 6 e la femminuccia di 3,e ho vissuto quello di cui parli tu. Ti dirò di più, fino a tre mesi fa allattavo al seno la piccola,poi con una scusa ,sempre per ascoltare gli altri, le ho tolto il latte,ma lei pazientemente ha aspettato che “finisse la bua alle tette” (la mia scusa) per riattaccarsi…una mamma certe cose le sente e sa quando entrambi sono pronti per i cambiamenti e i passaggi da una fase all’altra…il grande invece si addormenta ancora con la mano sulle tette.

    • Grazie per il tuo commento, Valentina! E hai proprio ragione, una mamma certe cose le sente sempre! E per la mano sulle tette… credo che Emily lo farà fino a quando esce di casa 😂 Un abbraccio forte! 🌸

  3. Grazie di tutto Carlotta!

  4. Che bello leggerti! Ti avessi scoperto prima!! Ora i miei figli sono grandi ma ho un nipotino e passo subito il tuo contatto a mia figlia. Grazie grazie grazie

    • Ciao Chiara! Grazie grazie grazie infinite per le tue parole e per condividere il blog con tua figlia (sto cercando di crescere e qualsiasi aiuto è prezioso 💕)! Un abbraccio 🌸


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere gli ultimi post direttamente in mail. Solo una mail al mese. No spam (giurin giuretto!) 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.

Imprint  ·  Privacy Policy