La Tela di Carlotta

Ricorda tutti i tuoi posti preferiti con Rego

dic 12, 2014

{:it}

Chi mi conosce sa che sono una fanatica delle belle applicazioni, non solo quelle funzionali, pratiche e che mi rendono più facile il quotidiano, ma quelle anche belle da vedersi.

Rego è una di quelle. E non lo dico solo perché mio marito ne è designer e mente, ma perché la uso da ormai più di un anno e ad ogni aggiornamento continua a sorprendermi. L'ultimo è arrivato proprio ieri e, oltre ad un nuovo design per foto e note, più bello e compatto, ha una caratteristica che aspettavo da tempo e con la quale parto.

Dove ho parcheggiato la macchina?

Quante volte avete parcheggiato la macchina in un centro commerciale e vi siete dimenticati dove? Io quasi ogni volta che parcheggio. Per questo, Mark the Spot (salva questo posto) è senza dubbio la mia funzione preferita di questo aggiornamento. Nel Centro Notificazioni dell'iPhone (che si può vedere trascinando verso il basso la linetta alla cima dello schermo, vicino all'operatore), ora si può aggiungere la funzione Mark the Spot di Rego.

Come? Al fondo della schermata delle notificazioni, premete il pulsante Modifica e aggiungete l'icona di Rego Mark the Spot. Io l'ho spostata in cima alla lista in modo da averla sempre a portata di mano. Quando parcheggio, apro il Centro Notificazioni e clicco il bottone Mark the Spot. Quando devo tornare alla macchina, riapro il Centro Notificazioni e clicco per ottenere le direzioni. Non potrebbe essere più semplice.

Ma voglio tornare un attimo indietro per chi ancora non conosce Rego.

Cosa fa Rego?

In poche parole, Rego ricorda tutti i tuoi posti preferiti e ti permette di condividerli con chi vuoi.

Prima di Rego, ogni volta che vedevo per strada un posto da ricordare (ristorante, bar per colazione, un punto suggestivo per le foto ecc), mi facevo un piccola nota mentale per non dimenticarlo in un'occasione speciale… e ovviamente lo dimenticavo. Con Rego, vedo un posto, lo salvo nella mia app, magari scatto una foto, lo marco come "da fare" e voilat!

Prima di Rego, ogni volta che un'amica mi chiedeva un consiglio per una cena romantica, iniziavo a disegnare mappe indecifrabili su tovaglioli di carta che andavano persi. Con Rego, condivido il posto con lei in modo che possa vedere dove si trova sulla mappa e con un tap ottenere le direzioni in Maps.

Non solo. Rego ha anche un sito web che rende facilissimo cercare posti a tavolino e aggiungere alle vostre collezioni sull'applicazione. Ideale per programmare un viaggio, come ho fatto io nell'ultima gita in Spagna: basta fare il Login, cercare una città, scegliere i posti e i ristoranti che ci incuriosiscono e inviarli direttamente all'applicazione per averli on the road.

Per chi è Rego?

Vorrei dire per chiunque, perché davvero chiunque può trovare un uso utile per Rego, ma sicuramente chi ne trae più vantaggio è chi ama stare all'aria aperta, scoprire posti nuovi e ricordarli: viaggiatori, giornalisti, fotografi, scrittori, scalatori, blogger, guide turistiche, proprietari di ristoranti che vogliono ricordarsi la concorrenza, buone forchette che cercano sempre i migliori ristoranti, corridori, amanti della montagna, delle escursioni, delle spiagge nascoste.

Insomma, c'è un posto per Rego in ognuno di noi.

Come funziona Rego?

Chi conosce Alex, sa quanta cura per i dettagli mette in ogni cosa che faccia — dal scegliere un regalo all'attaccare un quadro — e quanto sia fanatico del bel design pensato per il fruitore.

Rego riflette appieno queste sue ossessioni. Non solo è bello visualmente, ma funziona esattamente come ti aspetteresti che funzionasse.

Creare un posto è semplicissimo. Basta toccare il bottone + e seguire le istruzioni. Si può aggiungere un posto dalla propria posizione attuale, da un indirizzo, dall'ubicazione di una foto, dai contatti o trovandolo manualmente sulla mappa.  In questa schermata Rego dà anche suggerimenti di posti nelle vicinanze inclusi in FourSquare (spesso io trovo così il posto che voglio aggiungere).

Rego chiede poi di aggiungere o modificare il nome del posto (Cabaña Nagüeles), scegliere una thumbnail e opzionalmente metterlo in una collezione (Dove Mangiare), una cartella (Marbella) e assegnarli un colore (verde, per me il colore di quei posti dove si può "mangiare paleo").

E una volta creato il posto in Rego?

A questo punto, Rego diventa un vero e proprio diario di viaggio. Ogni volta che vado a Cabaña Nagüeles (il mio ristorante preferito qui a Marbella), posso aggiungere un "momento". Magari una foto in ricordo del mio compleanno, magari una nota scrivendo che oggi l'Entraña era particolarmente buona o anche solo una foto di gruppo per ricordare quella serata tra amici.

E se mi dimentico di aggiungere la foto quando sono sul posto? Non c'è problema. Quando mi ricordo, a casa o in qualsiasi altro posto, apro Cabaña Nagüeles su Rego e aggiungo le foto che voglio: Rego rileva automaticamente la data e l'ora di quando è stata scattata la foto e così il mio ricordo rimane intatto.

Collezioni e cartelle, ovvero come io uso Rego.

Su Rego, non solo si possono creare collezioni (Dove Mangiare, Luoghi Utili, Case di Amici, I Migliori Angoli per Foto, Marbella Top 10, Ferrara…), ma le collezioni possono anche essere raggruppate in cartelle.

Per esempio, nella mia cartella "Around the World" (viaggi) ho salvato la collezione "2010 Honeymoon" con tutti i posti preferiti della nostra luna di miele in California o "2014 Road Trip" con foto e note della nostra ultima vacanza on the road in Spagna.

Nella cartella "Cities", ho salvato le città che ho visitato. Ogni città è una collezione di posti che mi sono piaciuti quando l'ho visitata. Quindi Ferrara avrà l'Hotel Alchimia, la pizzeria Il Cappellaio Matto, il negozietto di abiti di seconda mano Vintage, la pasticceria da Dario per i peccati di gola…

E poi, io personalmente ho creato una cartella a parte per la mia città, Marbella, che è piena zeppa di collezioni da condividere con chiunque venga a trovarmi. I miei 10 posti preferiti, i miei ristoranti preferiti, i miei bar preferiti, le mie tapas preferite…

Condividi i tuoi posti e le tue collezioni con gli amici

Proprio così, posso condividere una collezione o un'intera cartella con chi mi viene a trovare. Se stanno cercando un buon ristorante, condivido la collezione "Food" con i miei ristoranti preferiti. Se stanno cercando posti dove ballare o uscire la sera, condivido la mia collezione "Fun".

Per condividere una collezione, non dovrò fare altro che aprire la collezione in Rego, toccare l'icona "condividi" in alto a destra vicino al +, scegliere Export Collection e inviarla a quegli amici che usano Rego.

In alternativa, posso anche rendere la mia collezione pubblica e condividerla anche con chi non usa Rego: basta attivare Publish Collection e premere Share Link. È velocissimo e molto intuitivo.


Quanto costa Rego?

Rego si acquista sull'App Store e costa 4,49€.  E li vale tutti, anche perché — si sa — i ricordi non hanno prezzo.

{:}

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 22, 2021 • 24m
La pazienza va coltivata senza scorciatoie
In questo episodio di Educare con Calma parliamo della pazienza dei bambini e di come coltivarla (la pazienza non è innata, nemmeno per Oliver ed Emily che vi sembrano tanto pazienti!). E visto che non ho trucchi o metodi specifici (o magari giusto un paio 😉), vi racconto tanti aneddoti e situazioni in cui noi abbiamo dato l’opportunità ai nostri figli di coltivare la pazienza. Spero che possano ispirarvi e motivarvi a ricercare opportunità anche con i vostri figli. Vi lascio anche un articol...
27
gen 20, 2021 • 06m
Montessori in 5': domanda invece di correggere
In questo episodio di Montessori in 5' ti invito a smettere di correggere i tuoi figli in continuazione e ti suggerisco una semplice domanda che ti aiuterà a farlo. È un minuscolo cambiamento che può aiutarti a ridurre l'attrito e le lotte di potere con i tuoi figli. A casa nostra funziona come per magia, sono sicura che aiuterà anche te! -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblici...
26
gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!