La Tela di Carlotta
it en

Siamo ciò che mangiamo!

gen 14, 2015

Siamo ciò che mangiamo.

Io sono fortunata. Non ho malattie degenerative, disordini mentali o condizioni fisiche. Non sono obesa ne sovrappeso. Sono sana.

Ma molte persone non sono così fortunate e si ritrovano a combattere malattie e disordini ogni giorno della loro vita.

Ciò che molti di questi guerrieri — che sono sempre più numerosi — stanno scoprendo al giorno d’oggi è che a volte basta un cambiamento radicale nella dieta per migliorare la loro condizione drasticamente.

Questa madre, Dr. Katherine Reid, è una di quelle.

All’età di tre anni, sua figlia è stata diagnosticata autistica. Non riusciva a interagire con gli altri bambini, esprimere sentimenti, rispondere a semplici domande, senza parlare di tenere una conversazione. Viveva in una bolla fatta di piccole manie, ossessioni per l’ordine e la disposizione di oggetti, momenti di estrema indecisione e confusione sui più piccoli problemi quotidiani — come mettere o no la coperta sul letto. Una vita normale sembrava impossibile.

Dopo varie terapie e scuole “speciali”, Katherine — da scienziata qual è — decise di percorrere una nuova strada. Aveva letto molto su quanto eliminare glutine e latticini avesse enormi benefici sulla salute di molte persone affette da allergie e disordini mentali, e decise di provare.

Ciò che è successo a sua figlia nei due anni successivi è a dir poco incredibile. Purtroppo non ho trovato il video con sottotitoli italiani, ma sotto ho riassunto che cosa mi ha insegnato. Vale la pena, però, guardare almeno gli ultimi minuti, in cui la piccola (ormai in una scuola normale) risponde senza problemi a varie domande sulla sua giornata scolastica e i suoi amici. È una bambina completamente normale. Mi ha commossa.

Cosa ho imparato da questo video

Non sono certo una scienziata, ma a scuola adoravo la biologia e la chimica e ancora oggi la scienza mi affascina. L’unico mio problema è che per capire davvero la scienza devo scriverla con parole mie, nero su bianco.

Quindi, questo è ciò che la Dottoressa Rein mi ha insegnato in questo video — in parole spicciole.

“Tutti i cibi artificiali e impacchettati che compriamo nei supermercati sono pieni di MSG, una delle cause principali di molti disordini e malattie mentali.”

Tweet// <![CDATA[!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?'http':'https';if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+'://platform.twitter.com/widgets.js';fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document, 'script', 'twitter-wjs');// ]]>

Partiamo dal Glutammato — Che cos'è?

Il glutammato non è nocivo. È un amminoacido. Gli amminoacidi sono i blocchi costituenti delle proteine. In poche parole: se le proteine fossero case, gli amminoacidi sarebbero i mattoni con cui queste case sono costruite.

Noi abbiamo bisogno di glutammati, perché attivano il 50% del nostro sistema nervoso e giocano un ruolo importantissimo nelle nostre funzioni metaboliche (ovvero tutti quei processi che il nostro corpo fa indipendentemente, senza che ce ne rendiamo conto). Fortunatamente, il nostro corpo produce glutammato in maniera naturale, in modo da poterlo utilizzare quando ne ha bisogno nelle dosi di cui ne ha bisogno.

Ma otteniamo glutammato anche dai cibi che mangiamo, in due forme (e non ho la più pallida idea se questi siano i termini corretti ;-):

  • Glutammato "legato", così chiamato perché è, appunto, legato ad altri amminoacidi. Immaginate una catena in cui ogni anello è un amminoacido e ogni tanto uno di questi anelli è un glutammato. Quello è un glutammato legato, il tipo di glutammato che si trova nelle proteine in natura.
  • Glutammato "libero", quando non è legato ad un altro aminoacido, ma è, appunto, libero.

Il glutammato monosodico (MSG) è il tipo più comune di glutammato libero.

Esiste in cibi che si trovano in natura, ma in minuscole quantità. Il problema è quando ne introduciamo troppo nel nostro corpo.

Ma come è possibile ingerire troppo glutammato monosodico se è presente nei cibi naturali solo in minuscole quantità?

Mangiando cibi artificiali, ovviamente. Cibi che passano attraverso fabbriche e processi di fermentazione, pastorizzazione, alterazioni enzimatiche, rimozione di grassi… e poi arrivano nei nostri supermercati ben confezionati e… pieni di MSG — per capire le dosi, una proteina naturale ne contiene 6-7%, mentre la proteina di prodotti lattei e contenenti glutine — ovvero di cibi artificiali — ne contiene fino a un 30%.

Perché i cibi artificiali contengono MSG?

Perché tutti questi processi di elaborazione rompono la catena di amminoacidi che troviamo nei cibi naturali e libera i glutammati, riempiendo così i cibi che mangiamo di glutammato monosodico.

Non è facile riconoscere il glutammato monosodico sull’etichetta

Sfortunatamente, quando compriamo prodotti confezionati, anche se facciamo attenzione agli ingredienti, gli MSG non sono così facili da riconoscere: esistono almeno 50 forme diverse — oltre a glutammato e glutammato monosodico — di chiamare gli MSG (aromi naturali, estratto di lievito, proteina della soia, acido citrico, aromi artificiali, gelatina, lievito aggiunto…). Qui vi lascio una lista, se siete curiosi.

Ma perché i produttori arricchiscono i nostri cibi di MSG?

Semplice. Perché il glutammato monosodico crea una reazione neurologica che aumenta l’appetibilità dei cibi — ovvero dice al nostro cervello che ciò che stiamo mangiando ci piace un sacco e ne vuole di più (così che anche il confine con sovrappeso e obesità si fa sempre più sottile). Fa paura, ma è proprio così.

E perché il consumo eccessivo di MSG è nocivo alla salute?

Perché tantissime malattie e disordini (non a caso, molte relazionate con il cervello) sono associate ai glutammati liberi (come mostrano oltre un milione di pubblicazioni scientifiche): alzheimer, ansietà, bipolarismo, sclerosi multipla, autismo, depressione, obesità, parkinson, schizofrenia, diabete di tipo 1 e 2…

Cosa dovrebbero imparare tutti da questo video

Alcuni di noi sono fortunati. Non abbiamo malattie degenerative, disordini mentali, condizioni fisiche. Non siamo obesi, né sovrappeso. Siamo sani.

Sfortunatamente, tutto questo può cambiare dal giorno alla notte. Come è successo al nostro amico a cui qualche anno fa, a trent’anni, dal nulla, è stata diagnosticata la sclerosi multipla — che lui ha combattuto eliminando glutine, latticini e prodotti artificiali.

Ma grazie a storie pubbliche come quella di questa bimba— o private come quella del nostro amico che ha sconfitto completamente i sintomi della sclerosi multipla eliminando latticini, glutine e prodotti artificiali e oggi è tornato a vivere una vita normale — grazie a storie come queste, oggi sappiamo che possiamo fare la differenza scegliendo cibi naturali.

Siamo ciò che mangiamo ed è ora che iniziamo a prenderne atto e metterlo in pratica. Per noi stessi, per chi amiamo e per un futuro più sano.

“Grazie a storie come questa, oggi sappiamo che possiamo fare la differenza. Siamo ciò che mangiamo.”

Tweet// <![CDATA[!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?'http':'https';if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+'://platform.twitter.com/widgets.js';fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document, 'script', 'twitter-wjs');// ]]>


Se cerchi uno stile alimentare migliore e più sano, magari ti interessano anche questi post:

L’ABC della dieta Paleo — una guida per principiantiIl mio personale viaggio nella paleo — la mia esperienza, tra alti e bassi, degli ultimi 4 anniVoglio essere paleo — perché ho scelto paleo tra tutti gli stili alimentari che esistono?Svezia, pioniera della paleo — il primo Paese europea a cambiare le linee guida alimentari

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!