La Tela di Carlotta
it en es

Sono necessari tutti i NO che dici ai tuoi figli?

gen 28, 2019

Quante volte al giorno dici NO ai tuoi figli?

Mentre riflettevo su questo oggi, mi sono resa conto che oggigiorno dico sempre meno NO ai miei figli. Non perché io sia uno di quei genitori che “dice solo sì”, ma perché dopo aver sperimentato il NO molte volte e osservato altre mamme affrontare le crisi che i NO generano, mi sono resa conto che molti dei NO che i genitori dicono sono completamente innecessari.

Montessori mi ha insegnato che i genitori dovrebbero fidarsi dei propri figli e dare loro responsabilità e che quelle responsabilità devono essere nei limiti che noi adulti impostiamo. Ma quali sono i limiti? Secondo Montessori, i genitori hanno bisogno di impostare POCHI, CHIARI limiti e di dire solo i NO necessari affinché questi limiti vengano rispettati. Più facile a dirsi che a farsi, vero?!

Per rendermi più facile il lavoro di capire i limiti che io stessa volevo impostare e i NO che ero disposta a far rispettare, ho deciso che nella mia casa ci sono due tipi di NO: il NO SOFÀ e il NO FUOCO.

Il NO SOFÀ

Il NO SOFÀ è il NO che posso evitare e convertire in SÌ (i NO SOFÀ in realtà sono dei SÌ!). Perché li chiamo NO SOFÀ? Oliver adora prendere tutti i cuscini dal divano e ha persino imparato a staccare i cuscini dove ci si siede, che usa per “costruire una casa”. Mi mandava su tutte le furie. L’ho combattuto a lungo, abbiamo avuto molte lotte di potere che finivano in lacrime, e a volte, persa dalla stanchezza, gli ho permesso di farlo, rendendo così il limite poco chiaro.

Un giorno, ho deciso che non ne valeva più la pena: era un NO inutile. Ora, può fare tutto ciò che vuole con il sofà, a patto che lo rimetta a posto (a volte lo fa, a volte mette due cuscini e io aiuto con il resto). E come sempre, quando lasci che i bambini mettano in pratica le loro idee, ti sorprendono: Oliver ha inventato così tanti giochi creativi e divertenti, come usare i cuscini grandi come scivolo per le sue macchine o come barche per essere al sicuro dai coccodrilli.

A casa mia, i NO SOFÀ sono quelli che non danneggiano veramente nulla e nessuno, e che non sono disposta a far rispettare. Stare in piedi su una sedia è un NO SOFÀ. Andare in giro per la casa nudi in inverno o togliersi la giacca al parco quando fa freddo sono NO SOFÀ. Uscire di casa con le scarpe nel piede sbagliato è un NO SOFÀ. Alzarsi da tavola prima che tutti abbiano finito è un NO SOFÀ (gli chiedo di rimanere perché ci fa piacere cenare con loro, ma se non vogliono, sono liberi di andare a giocare — hanno 2 e 4 anni, dopotutto!).

IL NO FUOCO

I NO FUOCO sono per i pericoli, come toccare il fuoco! Aprire il forno quando è caldo è un NO FUOCO. Oliver che solleva Emily sul balcone per guardare giù è un NO FUOCO. I bambini che corrono incontrollabilmente sul marciapiede quando le macchine sfrecciano in strada è un NO FUOCO. Fare male agli altri è un NO FUOCO. Attraversare la strada senza fermarsi alle (o lontano dalle) strisce pedonali è un NO FUOCO. Questi sono i NO che farò rispettare, non importa come, non importa quanti pianti e urla ottengo in cambio.

Nel corso degli anni ho anche capito che il rispetto ha la propria categoria, il NO RISPETTO. Il rispetto per le persone e l’ambiente è molto importante per noi. Spieghiamo questi NO parlando di come le nostre azioni possano rendere tristi gli altri e danneggiare l’ambiente. Tirare un pezzo di spazzatura per terra è un NO RISPETTO. Uccidere un insetto è un NO RISPETTO. Strappare i fiori è un NO RISPETTO. Colorare pavimenti e pareti è un NO RISPETTO. Fare pipì in un vaso di fiori vicino ai tavoli di un ristorante è un NO RISPETTO. I bambini sono esseri puri, gentili ed empatici e accettano e rispettano questo tipo di NO più di qualsiasi altro.

La mia generazione e la tua sono state cresciute con così tanti NO, ma i NO non sono solo sopravvalutati, sono controproducenti, non lasciano che i bambini esprimano il loro pieno potenziale e ci mostrino che sono capaci. I NO non lasciano che i nostri figli ci dimostrino che meritano la nostra fiducia.

La prossima volta che dici NO ai tuoi figli, chiediti se è un NO SOFÀ o un NO FUOCO, fatti una nota mentale e ricalcola il percorso per la prossima volta (io lo faccio 15 volte al giorno). Prometto che ne trarrete tutti benefici.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Giulia • lug 22, 2020

Ciao Carlotta. Sono una psicologa-psicoterapeuta e oltre al mio lavoro con adulti e adolescenti, da due anni lavoro nelle scuole come psicologa scolastica (dalla scuola dell'infanzia fino al liceo). Spesso nel lavoro a scuola mi trovo a confrontarmi con genitori ed insegnanti che mi chiedono aiuto con bambini "difficili" o "oppositivi"( questo ultime termine va molto di moda) e cerco sempre di fare passare il concetto che hai espresso qui. Mi piace molto la distinzione tra "No fuoco" e "no sofà".. la userò nel mio lavoro.. spero che ti faccia piacere saperlo :)

🌸 Alex • giu 6, 2020

Testing

Penso che questi ti piaceranno

La missione de La Tela è accompagnare papà e mamme nel viaggio della genitorialità e dare opportunità a genitori di talento di condividerlo nello Shop.

Nella mia newsletter ti racconto (circa una volta al mese, ma soprattutto quando mi sento ispirata) aneddoti e progetti personali e pensieri a random – nelle precedenti ho parlato del dolore due bambini, del mascherare le nostre emozioni di adulti, di come continueremo a viaggiare questa estate…

Ciao! Ti va di conoscere i miei progetti futuri e la mia ragnatela di pensieri?
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!