Trucchi per tenere la casa in ordine (ed intrattenere il tuo bimbo allo stesso tempo)

8 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Mentre scrivo questo, mi sembra di mentirti: la mia casa non è sempre pulita e ordinata. Affatto. A volte mi guardo intorno e vedo solo disordine—armadi disordinati, stanze disordinate, soggiorno disordinato, cucina disordinata—e mi chiedo come sia successo; altre volte vado da una stanza all’altra cercando di organizzare, ma presto mi rendo conto che sto semplicemente spostando il disordine; a volte finisco di pulire e mi sembra di dover ricominciare da capo.

Nel corso degli anni, però, io e mio marito abbiamo notato dei piccoli trucchi che ci aiutano a mantenere la casa ordinata e ci fanno (uhm, MI fanno… Alex non si stressa mai per cose del genere) sentire meno stressata a lungo termine. Ultimamente, poi, ho scoperto che la maggior parte di queste semplici faccende domestiche possono essere svolte con il mio Oliver di 2 anni, e che sono addirittura attività che gli piacciono molto. Quindi eccole qui, alcune ti sembreranno ovvie, ma ho imparato che nella vita di genitori… nulla è ovvio!

  1. Tieni la lavastoviglie sempre vuota: quando è pulita, prendi l’abitudine di svuotarla subito. Così i piatti sporchi non si accumulano nel lavandino e non si arriva al classico momento e-ora-da-dove-inizio? Oliver si diverte a passarmi piatti, bicchieri, utensili e posate: mentre si arrampica sulla porta della lavastoviglie per passarmi un bicchiere, a volte temo per la sua vita (del bicchiere), ma è un piccolo rischio da correre per avere la cucina sempre pulita e Oliver intrattenuto. E no, la cucina non è comunque *sempre* pulita, si fa per dire!
  2. Compra una cesta grande per fare il bucato. Questa è una delle mie attività preferite ultimamente perché è davvero lunga in termini di tempo (per il bambino!): Oliver mette tutti gli abiti sporchi—uno ad uno—nella cesta, trascina la cesta piena e pesante dalla camera da letto al balcone, e mette tutti gli abiti sporchi—uno ad uno—in lavatrice. Qui le paroline magiche sono “uno ad uno” 😉
    Inoltre, tra l’anno e mezzo e i due anni, è il momento in cui il bambino ha bisogno (e cerca) il massimo sforzo per sviluppare la forza, e attività “intelligenti”—che hanno uno scopo—per continuare la strada verso la sua indipendenza. Fare il bucato in questo modo fornisce entrambe: la cesta pesante sviluppa la forza e lo scopo di avere i vestiti puliti la rende un’attività “intelligente”.
  3. Butta via cosa non usi, spesso. Amo buttare via, è appagante liberarmi delle cose che non uso da molto tempo. Non sono sempre stata così, ero una di quelle persone non-buttiamo-via-niente-un-giorno-potrebbe-servirmi, fino a quando ho conosciuto Leo Babauta e il suo zen habits. Grazie a lui, ho imparato il potere di buttare via (in inglese, lui dice “declutter”) e grazie a mio marito l’ho messo in pratica. È una terapia! Buttare via il superfluo o ciò che non uso mi fa stare bene!
    Quando lo facciamo, di solito coinvolgiamo Oliver che diventa il nostro direttore della spazzatura: gli do le cose—una ad una—da andare a buttare nella spazzatura, e lui è felice di correre avanti e indietro per un bel po’ se lo faccio sembrare un compito molto importante (e lo è!).
  4. Sbarazzati di scatole e cestini. Questa è una lezione che ho imparato di recente, studiando Montessori: scatole e cestini sono una calamita per il disordine (perché si accumula di tutto), e per me questo è particolarmente vero in bagno. Togliendo ceste e scatole vedi effettivamente quante cose hai che non usi: le poche scatole e ceste che abbiamo ancora in casa continuano a riempirsi facilmente di cose inutili, e per questo inizio sempre da lì quando mi viene un attacco di pulizie di primavera.
  5. Un posto per ogni cosa. Questa è un’abitudine che stiamo ancora cercando di creare, perché è molto più semplice a dirsi che a farsi. Ogni oggetto che non ha un posto dedicato nella nostra casa o lo buttiamo o gli troviamo un posto: finora, però, questa regola non ha funzionato molto—è così che è nato il mio cassetto degli hobby (ovvero, il cassetto del caos ordinato). Ma ha del potenziale!
    Finora ha avuto più successo nella camera di Oliver: tutti i suoi giocattoli sono sempre stati ben organizzati ed esposti sulle mensole (se vuoi saperne di più, magari ti può interessare il mio corso “starter kit Montessori”), e ognuno ha il proprio posto. Oggi, posso davvero vedere i benefici di questa abitudine quando Oliver riordina da solo (spesso, non sempre) e mette via un giocattolo prima di prenderne un altro.

Bonus: pulire! Oliver adora pulire, specialmente quando gli lascio usare l’acqua (dipende da quanto sono disposta a pulire io dopo)! Sta usando tantissimo il suo set di pulizie di Melissa & Doug che consiglio vivamente: bello, durevole e pulisce davvero (a volte lo uso anche io quando Oliver non mi vede!).


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Cami~ri - marzo 8, 2017

    Mi piace molto leggerti ogni mercoledì,un appuntamento fisso! Complimenti!

  2. Claudia - marzo 9, 2017

    Grazie x i tuoi consigli sono utilissimi! Adoro leggere i tuoi post. Sono attività geniali da fare con loro e i nostri piccoli si divertono un sacco..a me sconvolge l’asilo di Fabio che è sempre ben ordinato….ma perché??!?😢😕😞da settembre ad oggi non ho mai visto niente fuoriposto! Sos asilo Montessori

    • Carlotta - marzo 11, 2017

      Grazie per il tuo commento, Claudia! Mi sembra di capire che lì in Italia non sia facile trovare asili Montessori, vero? Un caro saluto da Marbella 🌸

      • Esatto Carlotta! In Sardegna meno che mai!! Ci sono solo due scuole in tutta l’isola ma non nella nostra città. Un saluto da Oristano 🌞
        P.s:buon compleanno Oliver

  3. Mariolina Cerri - marzo 13, 2017

    È sempre piacevole leggerti

  4. Questo si che è interessante! Fortunatamente soprattutto la più grande si diverte un sacco ed è contentissima quando le faccio passare l’aspirapolvere e lavare! Ma farle riordinare la stanza dei giochi è davvero un’impresa titanica, hai consigli?

  5. Sagge parole, Carlotta!! mi hai dato degli spunti interessanti: proverò a farmi aiutare dal mio bimbo a svuotare la lavastoviglie! per ora lui si diverte a tirare fuori le posate e giocare sul pavimento
    ti capisco, anche a me capita di guardare la casa è non sapere da dove iniziare a riordinare..e se comincio a mettere a posto qualcosa, dopo tre secondi il mio bimbo ne ha già ritirato fuori la metà!
    “un posto per ogni cosa” è il mantra di mia mamma, ma non l’ho appreso molto bene…
    un abbraccio!!


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere gli ultimi post direttamente in mail. Solo una mail al mese. No spam (giurin giuretto!) 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.

Imprint  ·  Privacy Policy