La Tela di Carlotta
it en es

Trucchi per viaggiare soli con bimbi piccoli

dic 12, 2017

Dunque, dunque, mi sono fatta un’avventura da sola in Italia con Oliver ed Emily, e… be’, se pensi che scriverò di come sono stata una super mamma, ti sbagli! È stato bello trascorrere una settimana con la famiglia—un lusso di questi tempi—e sono perfino riuscita ad avere una conversazione adulta con una delle mie più care amiche di sempre—anche piuttosto romantica, nella mia vecchia cucina, proprio come quando eravamo adolescenti—ma se dovessi tornare indietro, lo ammetto: viaggiare con due bambini sotto i tre anni non è stata un’idea brillante e non penso di rifarlo molto presto.

Detto questo, se hai intenzione di viaggiare da solo con bimbi piccoli, segui il mio consiglio: non farlo! Mannò, sto solo scherzando (a metà) e ho un paio di consigli intelligenti e pensati per noi mamme di bimbi piccoli, perché la verità è che 0-4 anni è una categoria ben specifica di bambini.

Eccoli:

  • Pensa ai tuoi figli. Se sai che il tuo bambino non fa fatica a camminare (come Oliver), fidati di me, imbarca il passeggino! Nella mia esperienza, il controllo di sicurezza è la parte più complicata: sarai felice di aver imbarcato il passeggino e non doverlo smontare, piegare e sollevare mentre tieni in braccio tua figlia e cerchi di convincere tuo figlio a starti vicino. Imbarca anche il bagaglio a mano se puoi, EasyJet ora ti permette di farlo per 5€ al banco del check-in.
  • Assicurati che la famiglia sia disponibile ad aiutare. Se visiti dei familiari, assicurati che qualcuno possa aiutarti con i bambini. I nonni sono fantastici quando si tratta di darti da mangiare e di fare giochi rilassanti in salotto, ma onestamente non so cosa avrei fatto senza l'aiuto della zia Cri e della sua energia infinita.
  • Scegli una destinazione adatta ai bambini. Se non vai a visitare la famiglia, assicurati che la città offra molte attività per bambini, specialmente in inverno. Ancora una volta, sono rimasta allibita da quanto Alba sia poco preparata ad accogliere famiglie con bambini piccoli, e questa volta è stato ancora più difficile perché non solo faceva freddo, ma nevicava addirittura (che è stata una bella sorpresa!): non ci sono bar per famiglie, niente parchi giochi al coperto, la maggior parte dei ristoranti non hanno nemmeno il fasciatoio. Però abbiamo trovato un po' di sollievo al caldo della zona per bimbi della biblioteca, dove Oliver ed Emily hanno "letto" un libro dopo l'altro per due ore intere!
  • Parti leggera. Sono partita con un solo bagaglio a mano per tutti e tre ed è stato sufficiente. Avevo due paia di jeans, una gonna + un paio di collant, tre camicie e un maglione per me, e un po' di più per i bambini perché i loro vestiti sono minuscoli. Tanti leggings e top—e due abiti più carini—per Emily perché è quella che si sporca di più. Quattro paia di pantaloni, quattro magliette e due maglioncini per Oliver. Solo un paio di scarpe a testa, calze e biancheria intima per ogni giorno della settimana. Voilat!
  • No giocattoli, sì cibo. Se i bambini non sono di buon umore, se sono troppo stanchi o troppo energici, se le stelle non sono allineate… nessun giocattolo sulla terra ti salverà. Ma il cibo ti farà guadagnare un po' di tempo. Così ho deciso di lasciar perdere i giocattoli e riempire il mio zaino (amo il mio Golla, è così spazioso ed elegante) con un libro per Emily, un libro di adesivi (+ pennarello che si cancella) per Oliver, iPad con alcuni episodi di Curious George, un sacco di spuntini e pannolini, ovvero tutto quello che ti serve sull'aereo. Spuntini: frittata, anacardi, tortine di riso, mandarini. Un sacco d'acqua: ognuno di noi aveva la propria bottiglia (entrambe le bottiglie di Oliver e Emily stanno nello zaino AffenZahn di Oliver). In questo modo non ho avuto bisogno dell'iPad né all'andata—i bambini non erano stanchi quindi sono riuscita ad intrattenerli con libri e cibo per tutte le due ore e mezza di volo—né al ritorno grazie a un ragazzo che ha giocato con Oliver.
  • Sii creativa e non preoccuparti di ciò che pensa la gente. All'aeroporto di Malaga, dopo aver passato il controllo di sicurezza, ho messo Emily e Oliver in due cassette e ho detto a Oliver che erano barche, così lui ha cantato "Row, row your boat" muovendo la barca di Emily e distraendola mentre io mi sistemavo. Due signore mi hanno detto che potevano farsi male… gli ho fatto un sorriso e ho continuato a organizzare le mie cose.
  • Non vergognarti di chiedere o di accettare aiuto. Questa è una regola d'oro quando si viaggia da soli con bambini piccoli. Al ritorno, la guardia al controllo di sicurezza ha tenuto Emily in braccio mentre io mi sistemavo; Cesare "il buon samaritano" ha giocato con Oliver sull'aereo per tutto il viaggio e lo ha persino portato sulle spalle dall'aereo fino a prendere il bagaglio! Quando le persone ti offrono aiuto—e se hai due bambini piccoli, non hai idea di quanti Cesare troverai—accettalo!
  • Mai correre. È facile farsi prendere dalla fretta all'aeroporto, quando hai un aereo da prendere e tutti sembrano andare più veloci di te e della tua banda di persone bonsai. Non farlo. Far fretta ai bambini ha sempre, sempre, sempre l'effetto contrario.
  • Mai guardare altre famiglie. Credo di essere stata brava e sono stata in grado di mantenere sempre la calma durante il viaggio. C'è stato un momento al ritorno in cui mi sono sentita addirittura rilassata, Oliver ed Emily camminavano felici e sorridenti e io li seguivo godendomi le loro risate. La gente sorrideva e probabilmente pensava che fossi un'esperta a viaggiare da sola con i piccoli, ma la verità è che quello è stato un piccolo momento. Anche se sono stata abbastanza brava a interpretare il ruolo della mamma perfetta, ci sono stati molti altri momenti in cui mi sono sentita nervosa e sopraffatta. Altri genitori possono sembrare più rilassati di te e i loro figli più educati dei tuoi, ma molto probabilmente è solo un momento—oppure sono più bravi di te a fingere ;-)
  • Respira. Anche se sei una mamma rilassata e hai dormito bene la notte prima (ma queste mamme esistono davvero?) viaggiare sola con bambini piccoli—specialmente due sotto i tre anni—è stressante. Ogni tanto, ricordati che è normale che il tuo bebè non collabori (è solo un bebè), che il tuo bambino non ti ascolti (è solo un bambino) e che tu ti senta sopraffatta (sei solo umana). Fai respiri profondi—farà una gran differenza.

Ultimo ma non meno importante, fatti una lunga doccia a fondo prima di partire—con l’acqua calda fumante, un massaggio con l’olio di cocco, la crema per i capelli o qualsiasi altro rituale che ti piaccia. Potrebbe essere l’unica doccia decente dell’intero viaggio. A buon intenditore…

Quali sono i tuoi segreti per viaggiare con bimbi piccoli?

Commenti

Luana • dic 12, 2017

Hai avuto un gran coraggio! Brava!

Alessandra • dic 14, 2017

Il prossimo luglio ci cimenteremo nella traversata oceanica da San Paolo a Milano; prima volta in aereo (forse; sicuramente, prima volta in intercontinentale). Leo avrà 15 mesi e non so proprio come andranno quelle 12 interminabili ore di volo, estenuanti anche per noi adulti. L'andata sarà in notturna, quindi credo che ce la caveremo. Il ritorno, invece, sarà di giorno... e probabilmente qui cascherà l'asino. La cosa che "spaventa" di più, comunque, è la possibilità di arrecare, in qualche modo, disturbo agli altri passeggeri. Vedremo!

Priscilla • dic 18, 2017

Ciao, sono appena arrivata sul tuo blog! Innanzi tutto complimenti, per quello che scrivi e per come lo scrivi, addirittura in spagnolo e inglese, wow!
Per quanto riguarda questo post, ora che i miei pupi sono più grandicelli (3 e 5 anni) rimpiango quando erano così piccini da poterli mettere in un passeggino e stop o quasi.
A quest'età vogliono essere indipendenti, scorrazzano ovunque, non stanno mai zitti, sono insaziabilmente curiosi, vogliono fare qualcosa di nuovo ma allo stesso tempo mantenere le vecchie abitudini. Insomma, un delirio!
Sola con loro vado a trovare i parenti e per ora non ho il coraggio di fare veri e propri viaggi se non coadiuvata dal papà.
Vedremo in futuro...

Anonimo • lug 13, 2020

io ammetto di essere terrorizzata! ammiro chi lo fa e pensavo l avrei fatto anch io senza problemi ma mio figlio ha 2 anni e finora ho preferito quasi sempre rinunciare piuttosto che stressarmi perché quando ci ho provato onestamente non me la sono goduta quasi per niente!

🌸 Carlotta • lug 16, 2020

Sicuramente richiede pratica, anche per noi i primi viaggi sono stati più difficili, quindi ti inviterei a riprovare. Viaggiare apre la mente dei nostri piccoli e insegna moltissima flessibilità. E poi a colte anche solo un mese di differenza e i piccoli ci stupiscono! Dai, dai, riprova! 💕

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!