Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Un’improbabile laurea

2 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

11/11. Il giorno perfetto.

Mi alzo. Mi vesto. Mi guardo allo specchio. Sono perfetta. Pronta. Arrivo in facoltà. La sala lauree è regale, soffitto finemente affrescato, velluto rosso sulle poltrone che salgono le scale a formare un anfiteatro intorno a me. La Commissione in toga e tocco. Sicura la mia voce, chiare e puntuali le diapositive, impeccabile la presentazione. Una stretta di mano. Ringrazio e… mi sveglio.

In realtà, le cose sono andate così.

Giovedì 06/11 – 5 giorni prima della laurea

Ore 10:45

Le diapositive per la presentazione sono pronte. Chiamo la presidenza della facoltà per prenotare il proiettore per il giorno della laurea.

«Sì, abbiamo un proiettore, ma il ragazzo che sapeva usarlo non lavora più qui e noi non abbiamo idea… lei conosce qualcuno che sa usarlo?». D’accordo, niente diapositive. Sorpresa? Naaaaaa… è della facoltà di Lingue di Torino che parliamo!

Martedì 11/11 – giorno della laurea

Ore 06:00

La sveglia mi sorprende con gli occhi già spalancati da qualche minuto. Mi alzo e inizio mentalmente a ripassare il mio impeccabile discorso rigorosamente in inglese con in mano la mia impeccabile handout – in sostituzione delle slides.

Bene, il discorso è perfetto e il mio inglese sembra avere uno dei suoi giorni “on”. Ma io sono una corda di violino.

Ore 09:30

Arrivo in facoltà con famiglia al seguito circa 1 ora prima del mio turno e ricevo il primo aggiornamento dagli altri laureandi. «Stanno modificando il calendario, perché alcuni professori hanno lauree anche in un altro edificio e quindi a volte sono un po’ in ritardo».

Sorpresa? Naaaaaa… è della facoltà di Lingue di Torino che parliamo!

Ore 09:45

Vedo l’aula nella quale mi laureerò. Come potete vedere, niente scale, niente anfiteatro, niente soffitto affrescato, niente velluto rosso e soprattutto niente toghe né tocchi.

Sorpresa? Naaaaaa… è della facoltà di Lingue di Torino che parliamo!

Ore 11:15

No, non hanno ancora chiamato il mio nome, ma il mio relatore – nonché mio mentore, unico professore stimolante e appassionato che abbia incontrato in 3 anni – si avvicina e mi dice: «Credo che discuterai la tesi in italiano, perché in Commissione non tutti capiscono l’inglese». What??? Mi laureo in Lingue in… italiano?

Sorpresa? Beh, a ‘sto punto sì. Eccome!

Ore 11:30

Con il cervello re-impostato in modalità italiano, entro finalmente nella fossa dei leoni ormai completamente rassegnata, per uscirne circa 15 minuti dopo con il titolo di Dottoressa in Scienze della Mediazione Linguistica.

Dottoressa??? Con tutta la pazienza che ho avuto in questi 3 anni, come minimo mi aspettavo mi facessero santa!

Sorpresa??? Naaaaaa….


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Ebbene sì. Cruda, la realtà! Sembra che solo Carosso in tutta l’Università di Lingue sia in grado di utilizzare un proiettore. Ma come sempre, lui è la luce in fondo al tunnel! 😉

  2. Mi hai sconvolto quando mi hai detto che discusso la tesi in italiano, ma che nessuno ssppia usare un proiettore è assurdo! Santo cielo!
    Ma in fondo… è della Facoltà di Lingue di Torino che parliamo! 😉


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.