Un motto per la maternità

3 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Sono attualmente alle prese con rendere i libri di nuovo parte della mia routine quotidiana, quindi ho deciso di iniziarne due allo stesso tempo e leggerli a seconda del mio umore—cosa che non avevo mai fatto prima.

Questa volta, ho scelto due memoriali (un genere che amo, così personale ma così facile da relazionarsi) e sono innamorata di entrambi: il commovente When Breath Becomes Air (versione italiana: Quando il respiro si fa aria) di Paul Kalanithi, una bellissima esplorazione della morte, del tempo e della felicità—stavo piangendo già alla fine del primo capitolo—e il divertente, ma saggio e acuto Yes, please! di Amy Poehler (la adoro da uno dei miei programmi TV preferiti in assoluto, Parks and Recreation).

In quest’ultimo, ho appena letto una citazione che mi è piaciuta tantissimo:

Ho molte amiche che hanno avuto un parto naturale. Le applaudo. Ho amiche che hanno usato ostetriche e palle da parto e partorito bambini in vasche e taxi. Ho un‘amica che ha avuto due bambini in casa! Nel suo letto! Si chiama Maya Rudolph! È una campionessa di bambini e ha partorito i suoi gioielli in stile La casa nella prateria!

Buono per lei! Non per me.

Questo è il motto che le donne dovrebbero costantemente ripetersi più e più volte. Buon per lei! Non per me.

Buon per lei, ma non fa per me. Non è forse questo il motto di cui tutte abbiamo bisogno? Per smettere di criticarci l’un l’altra. Per smettere di sentirci in colpa. Per smettere di puntare il dito l’una all’altra. Per iniziare ad essere più indulgenti verso noi stesse.

Non c’è una sola maniera di essere madre, lo so intellettualmente. Ma a volte è difficile non paragonarmi ad altre madri meravigliose che ammiro e rispetto. Quelle che usano pannolini di stoffa (l’unica ovvia soluzione ecologica), quelle che cucinano pasti fantastici e freschi per i loro figli quattro volte al giorno, quelle che inventano giochi meravigliosi, quelle che fanno le pazze per far divertire i loro bimbi, quelle che comprano tutto biologico, quelle che vanno ai bar per famiglie a giocare con i loro figli (io normalmente cerco una pausa dai miei quando li porto in questi posti).

Ci sono volte in cui accetto la sfida (personale), in cui ho voglia di lottare per cambiare la mia maniera d’essere madre per una causa in cui credo o per diventare una persona migliore secondo i miei credo in continuo cambiamento (alla fine impariamo tutte strada facendo, no?) .

Tutte le altre volte, “Buon per lei, non per me”.


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. ciao Carlotta,

    per accettare la sfida personale e dire “Buono per lei! Non per me.” ci vuole forza e fiducia in sé stessi.
    Spesso, invece, le mamme sprofondano in un circolo vizioso di grande insicurezza.

    Quando la tua vocina interiore non ti aiuta ad avere quella forza e fiducia ci possono riuscire i consultori (in Emilia Romagna funzionano molto bene), una rete di mamme (gruppi di auto mutuo aiuto) e i blog come il tuo 🙂

    un abbraccio e……forza mamme!!!
    Federica

    • Cara Federica, hai proprio ragione! Lo dico sempre, siamo tutte nella stessa barca! Nel blog ho volutamente parlato solo delle mamme modello che stimo, ma funziona anche (e soprattutto) al contrario. Mi rattrista leggere (tantissime) mamme sui forum giudicare e puntare il dito contro altre mamme, perché credo che sarebbe bello riuscire (parlo anche per me) ad essere più tolleranti verso genitori che non condividono i nostri punti i vista o di cui non condividiamo i metodi educativi.

      Lei crede che i castighi funzionino: “buon per lei, non per me”. Lei pensa che le minacce “bianche” non siano deleterie: “buon per lei, non per me”. Lei dà caramelle al suo bimbo di tre anni: “buon per lei, non per me”. Lei non allatta: “buon per lei, non per me”. E così via…

      Grazie per il tuo commento e forza mamme! Un abbraccio 🌸

  2. Me gusta el lema Carlota! Te lo tomo prestado. De la misma manera otras mamas te miran a ti y piensan lo mismo, es una cadena! Es cierto que en esta epoca nos cuestionamos todo y queremos mejorar y evolucionar, y mas cuando vemos ejemplos que nos gustan alrededor. Pienso que la clave es respetarnos unas a otras 🙂 Cada una hace lo que puede, y somos madres maravillosas!


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere gli ultimi post direttamente in mail. Solo una mail al mese. No spam (giurin giuretto!) 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.

Imprint  ·  Privacy Policy