Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Un nome *non* è solo un nome

1 commento
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Lo chiamano Adolf Hitler e si indignano se il pasticciere non “tollera” la loro decisione e si rifiuta si scrivere il nome sulla torta di compleanno – gesto, se vogliamo dirla tutta, altrettanto discutibile.

La definiscono “intolleranza”, che per me è amica di “rispetto”. Io mi chiedo: come fanno a chiedere rispetto a degli sconosciuti, quando loro per primi lo negano ai propri stessi figli?

Non si tratta nemmeno più di essere nazisti, negazionisti o non esserlo. La verità è che è solo una questione di amore per delle creature che metti al mondo e per le quali sei responsabile.

E se i nomi dati alle prime due figlie – JoyceLynn Aryan Nation in onore dell’organizzazione neonazista Aryan Nation, e Honszlynn Hinler Jeannie, molto simili in pronuncia all’Himmler capo delle SS e organizzatore dell’Olocausto – sono passati pressoché inosservati, salvati dall’ignoranza della gente, con l’ultimo questi due nostalgici – patetici? – genitori hanno superato il limite del buon senso, restituendo al mondo un Adolf Hitler.

E sì, è vero, un nome è solo un nome come un colore è solo un colore. E mi piace pensare che questo bambino sarà il futuro Premio Nobel per la Pace, ma suvvia… viviamo nel mondo reale. Adolf Hitler non è solo un nome, è storia. Storia di morte e distruzione, di malvagità e terrore, di lacrime e sofferenza infinita. È un nome che porta con sé un bagaglio di violenze impossibile da riscattare.

E penso.

Penso a cosa succederà quando a scuola il piccolo Adolf Hitler studierà la storia, quando si ritroverà davanti le scene di un film sull’olocausto e ne conoscerà le atrocità, quando le fosse di cadaveri nudi e ammucchiati gli entreranno in mente e non lo faranno dormire la notte.

Cosa succederà quando anche i suoi compagni studieranno la storia, vedranno quelle immagini e assoceranno i nomi, faranno domande, vorranno risposte e magari Adolf Hitler si ritroverà solo, emarginato, perché questo nome non è solo un nome.

Cosa succederà quando invece che il nome su una torta di compleanno, gli verrà negata la firma in un progetto lavorativo. O, nel caso più estremo e spero inverosimile, quando si ritroverà sanguinante, picchiato da chi quelle associazioni le avrà trasformate in violenza.

A me piace credere nella bontà delle persone, ma non sfidare la loro cattiveria. Perché la cattiveria è ovunque e basta un gesto per scatenarla.

Sì, è forse sbagliato giudicare, ma io questi genitori non solo li giudico, li condanno. Per non amare abbastanza i propri figli. Per non avere rispetto per loro. Per metterli in balia di pericoli in un mondo in cui i pericoli non bisogna cercarli a lungo per trovarli.

E tutto per un’ideologia e una patetica nostalgia.


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Mi viene la pelle d’oca al solo pensiero che due genitori possano aver dato un nome del genere al proprio figlio. E penso che queste due persone lo educheranno all’intolleranza e alla violenza perché se dai nomi del genere, un motivo c’è! E quando questo bambino studierò la storia a scuola, magari i genitori lo avranno già “istruito” a modo loro, insegnandogli che ciò che il nazismo ha provocato è giusto… ma sono solamente ipotesi. Devo essere sincera, queste cose mi spaventano non poco, soprattutto vedendo ogni giorno di più come queste nuove gnerazioni siano vicine a ideologie che nemmeno conoscono.


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.