La Tela di Carlotta
it en es

Un papà è una mamma con il pene

mar 19, 2019

Da quando sono diventata mamma, ogni volta che mi ritrovo da qualche parte senza i bambini (specialmente all’inizio, quando Oliver era un neonato e poi quando è arrivata Emily), la prima domanda che mi fanno è: “Con chi hai lasciato i bambini?”.

In che senso “Con chi ho lasciato i bambini?”. Con loro padre, ovviamente. Se mio marito non è con me, è con i bambini: per me è abbastanza ovvio.

A quanto pare non lo è. Non so se è solo qui in Spagna (non sono mai stata madre in nessun altro posto), ma c’è questa tacita convinzione che il padre non sappia prendersi cura dei bambini da solo. Che non sappia far smettere di piangere i suoi figli. Che non sappia cambiare un pannolino pieno di cacca. Che non sappia far dormire i suoi figli da solo.

Be’, tutto ciò che posso dire è: è al 150% NON vero.

Un papà è una mamma con il pene. Può e sa fare tutto ciò che fa una mamma. Può e sa sopportare tutto ciò che sopporta lei. Può e sa prendersi cura dei bambini da solo se messo nella posizione di doverlo fare.

Certo, ci sono famiglie e famiglie e ogni realtà è diversa. Ma nella mia esperienza, dietro un papà che non sa essere genitore da solo, c’è sempre una mamma che non glielo permette.

Una mamma che lo riprende se fa le cose a modo suo — i papà fanno sempre le cose a modo loro, ma le fanno comunque.

Una mamma che gli prende il bambino che piange dalle braccia, perché non crede che sia in grado di calmarlo — i papà sono sempre capaci e spesso più delle mamme.

Una mamma che fa tutto per la famiglia e poi si lamenta che papà non fa niente — se un papà, come un figlio, ha sempre la pappa pronta, si abitua volentieri a questa posizione privilegiata… chi non lo farebbe?

Nella mia famiglia, io e Alex facciamo tutto 50/50 e entrambi sappiamo fare tutto al 100%.

Non c’è niente che Alex non sappia/possa fare — ok, forse allattare per ovvi limiti del corpo, ma anche senza la tetta sa mettere i bambini a dormire ed evitare crisi quando io sono via. Questo è stato scientificamente provato.

Non c’è niente che io non sappia/possa fare — ok, forse cucinare, perché Alex è il cuoco designato della famiglia, ma anche senza cucinare posso tenere in vita i miei figli per parecchi giorni. Anche questo è stato scientificamente provato.

Ricorderò sempre le parole di Alex quando una volta gli chiesi: “Sei sicuro di riuscire a farlo da solo?”. Gli stavo lasciando per la prima volta Oliver di 2 mesi una sera per tornare alle mie lezioni di danza. Tutto ciò che disse fu: “Certo che riesco. Sono suo padre”.

SONO SUO PADRE. Adoro quest’uomo per il suo modo di essere — ok, forse lui è un talento naturale, perché è cresciuto senza una mamma, quindi è abituato a un papà che fa tutto. Ma questo non è il punto.

Il punto è: questa è l’attitudine giusta. QUALSIASI PAPÀ può fare quello che fa una mamma se ci mette un minimo di impegno o se è messo nella situazione di doverlo fare.

Sono suo padre. Questo è l’atteggiamento che vorrei che ogni papà avesse.

Posso fare ogni “cosa da mamma” che fa mia moglie. Questo è l’orgoglio che vorrei che ogni papà sentisse.

Posso mettere i miei figli a dormire. Questa è la sicurezza di sé che vorrei che ogni papà sviluppasse.

Posso cambiare il pannolino di cacca di mio figlio e perfino sporcarmi le mani. Questa è la dimensione delle palle che vorrei che ogni papà crescesse.

Quindi, questo ultimo messaggio è per te, papà.

Mai e poi mai potrai competere con una mamma (noi siamo semplicemente fantastiche, mi spiace!), ma puoi sicuramente chiudere con un secondo posto. Guadagnatelo e vanne fiero! E la prossima volta che tua moglie vuole prenderti tuo figlio che piange dalle braccia o mette in dubbio la tua capacità di fare il genitore da solo, lascia che il tuo ego entri in campo, sorridi e dille “Non preoccupati, posso farlo da solo. Sono suo padre!”.

Commenti

Antonio • apr 18, 2019

Ciao, non sono semplicemente d'ccordo. Di più, mooolto di più.
Sono Papà di due bambini e faccio tutto quello che fa mia moglie e anche più.
I bambini, per esigenze di mia moglie e con piacere mio, passano più tempo con me che con la madre. Mia moglie li ha allattati al seno, ma io ho preteso di pareggiare i conti diventando l'addetto quasi esclusivo al biberon. Fortunatamente mia moglie capisce e non ostacola questa mia "esigenza" di essere genitore, ma ammetto che spesso mi sento frustrato dal fatto che vengo solitamente preso per un "mammo". Sono un Papà!!(lo ripeto fin troppo spesso). Aggiungo, che questa cosa è spesso vista male. è uno sguardo diffidente che mi sono sentito addosso da quando è nata la mia prima bambina(colei che mi ha stampato un sorriso da ebere in faccia). E vi lascio solo immaginare quanto possa essere irritante vedere una sconosciuta darmi dei futili e spesso errati consigli non richiesti e dettati dalla presunzione di sapersi prendere cura dei miei figli meglio di me semplicemente perchè "ho il pene". Ora scusate, ma torno a cucinare ed a giocare con i miei bambini in attesa che torni anche la mamma per cenare tutti assieme.

🌸 Carlotta • apr 18, 2019

Evviva Antonio, bello bello bello questo commento! E ancora più bello sentire tutto questo da un papà! Bravi tu, brava tua moglie e bravi a tutti e due per far funzionare una decisione “contro corrente” con un lavoro di squadra. Grazie per aver condiviso la tua esperienza e la tua frustrazione e benvenuto alla comunità di papà e mamme de La Tela!

Ps. Se ti può rincuorare, i consigli non richiesti di sconosciute penso esistano in tutto il mondo è in tutte le comunità, purtroppo. Ma come dici tu, sono spesso errati perché nessuno conosce meglio di un padre o di una madre gli equilibri famigliari e I propri figli. Grazie ancora per aver condiviso e viva le famiglie 50/50!!!

Rossana • mag 17, 2020

Articolo super interessante! Ho anch'io un bimbo e una bimba come te Carlotta, e a me di solito non chiedono "“Con chi hai lasciato i bambini?”, ma direttamente "Li hai lasciati dalla nonna?", e ogni volta rispondo che sono con il papà, pensando che sia la cosa più naturale del mondo...! Io vivo in Italia, e penso che la mentalità qui sia proprio quella che hai trovato tu in Spagna.
Sono assolutamente d'accordo con tutto quello che hai scritto....W i papà!!

🌸 Carlotta • mag 17, 2020

Viva i papà che fanno i papà! Grazie per aver condiviso la tua esperienza, c’è ancora molto da cambiare nella mentalità, ma piano piano, condividendo esperienze, chissà che non ci riusciamo!
Un abbraccio,
Carlotta

Valentina • gen 17, 2021

Ciao Carlotta, anche a me fanno sempre la stessa domanda quando esco da sola. "Ma con chi hai lasciato i bambini?" e la risposta (ovvia) con il loro papà sembra ancora più incredibile per alcuni perché abbiamo due gemelli. A quel punto tutti fanno lo sguardo meravigliato e si profondono in mille complimenti, considerandolo forse un eroe! E perché mai? A maggior ragione con dei gemelli la presenza del papà è ancor più necessaria e il mio compagno sa fare esattamente tutto come me, anche perché 2 braccia con 2 neonati non bastano oggettivamente e quindi 4 braccia sono state fin da subito la normalità in casa nostra. In più, come Alex, anche il mio compagno è il cuoco di casa! Sono certa che i nostri figli cresceranno sapendo che essere padri e madri è esattamente la stessa cosa e io ne sono fiera!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 22, 2021 • 24m
La pazienza va coltivata senza scorciatoie
In questo episodio di Educare con Calma parliamo della pazienza dei bambini e di come coltivarla (la pazienza non è innata, nemmeno per Oliver ed Emily che vi sembrano tanto pazienti!). E visto che non ho trucchi o metodi specifici (o magari giusto un paio 😉), vi racconto tanti aneddoti e situazioni in cui noi abbiamo dato l’opportunità ai nostri figli di coltivare la pazienza. Spero che possano ispirarvi e motivarvi a ricercare opportunità anche con i vostri figli. Vi lascio anche un articol...
27
gen 20, 2021 • 06m
Montessori in 5': domanda invece di correggere
In questo episodio di Montessori in 5' ti invito a smettere di correggere i tuoi figli in continuazione e ti suggerisco una semplice domanda che ti aiuterà a farlo. È un minuscolo cambiamento che può aiutarti a ridurre l'attrito e le lotte di potere con i tuoi figli. A casa nostra funziona come per magia, sono sicura che aiuterà anche te! -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblici...
26
gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!