La Tela di Carlotta
it en es

Una nota personale sulla felicità

dic 19, 2017

Al momento in cui scrivo questo post Emily ha 11 mesi e Oliver quasi tre anni (a marzo).


La felicità è stata un tema ricorrente nella mia mente negli ultimi mesi di privazione del sonno, è molto facile perdere la concentrazione su ciò che conta davvero quando non si dorme. Che è un passo dal non sentirsi felici, dal mettere in discussione tutto, la tua vita, il tuo lavoro, le tue relazioni sociali, il tuo matrimonio, il tuo significato.

Qualche tempo fa ho scritto sull’insegnare la felicità ai bambini, che ha iniziato una vera e propria ragnatela di pensieri nella mia mente.

Spesso, quando Alex mi chiede come sto, mi lamento. È la mia naturale tendenza: sono una persona negativa e pessimista per natura. Se mi conosci, magari non ti sembro così, perché negli ultimi dieci anni ho fatto uno sforzo enorme per cambiare questo tratto della mia personalità, ma chiedi a mio marito e te lo confermerà!

Ultimamente, mi lamento molto. Nella mia esperienza, lamentarsi di cose a voce alta non solo aiuta a liberarsi della negatività e vedere le cose in modo più razionale, ma rende anche le persone più empatiche e inclini ad aiutarti (tranne mio marito, che odia quando mi lamento ;-). E poi siamo onesti, l’empatia (e alcuni giorni di sonno INinterrotto) è l’unica cosa di cui una mamma che non può dormire ha disperatamente bisogno in ogni momento.

Gli ultimi mesi di privazione del sonno sono stati i più duri nella mia vita fino ad ora e mi hanno fatto rivalutare la felicità. Ero così esausta che mi sentivo spesso infelice, come se la mia vita perfetta, con un marito premuroso e amorevole, due bambini adorabili e sani, un lavoro che semplicemente adoro, una famiglia (allargata e non) rispettosa e amici meravigliosamente presenti… come se tutto questo non bastasse.

Quindi quando è diventato chiaro che la nostra situazione notturna non sarebbe cambiata a breve termine, sapevo che dovevo fare uno sforzo consapevole per riprendere il controllo delle mie emozioni e sentirmi di nuovo felice.

Quindi sto provando qualcosa di nuovo (non mi riesce ancora, ma la perfezione richiede tempo).

La felicità è fatta di sottili fette di gioia

Tutto è iniziato quando ho letto un articolo su Chade-Meng Tan, ex guru della felicità di Google (giuro!), in cui afferma che la felicità non deve essere un sentimento costante e dominante. Può arrivare come dolci, brevi momenti durante la giornata.

Lui chiama questi momenti “sottili fette di gioia”, che è un concetto a cui posso davvero relazionarmi ultimamente. Nelle sue stesse parole:

“In questo momento, ho sete, quindi bevo un bicchiere d’acqua. E quando lo faccio, provo una sottile fetta di gioia nello spazio e nel tempo. Non è come “WOW”, è più come, “Oh, questo mi fa sentire bene”. Di solito questi eventi sono insignificanti: un pezzo di cibo, la sensazione di passare da una stanza calda a una stanza con aria condizionata, il momento di connessione nel ricevere un messaggio da un vecchio amico. Anche se durano due o tre secondi, i momenti si sommano e più la si nota, la felicità, più la si prova. Troviamo queste fette sottili di gioia ovunque nella vita… e quando inizi a notarle, succede qualcosa, scopri che sono sempre lì. La felicità diventa qualcosa su cui puoi contare e questo perché stai familiarizzando la tua mente con la felicità”.

Leggere questo per me è stato uno di quei momenti lampadina.

Anche se probabilmente mio marito sperava in una strategia del tipo “basta lamentarsi”, io ho deciso di apportare un cambiamento molto più piccolo e meno percepibile: poche volte al giorno, mi fermo a pensare coscientemente a ciò che di bello c’è nella mia vita, faccio uno sforzo per ricordarlo e riconoscerlo. A volte è più facile e i bei ricordi si materializzano davanti ai miei occhi in un istante, ma più spesso devo scavare più a fondo dentro di me per trovare il bello in una giornata no.

È un’abitudine, e come ogni abitudine deve essere costruita, ci vuole tempo, ma mi piace perché è qualcosa su cui posso lavorare in privato, proprio come meditare o praticare il mindfulness.

Qualche tempo fa, ho passato una pessima mattinata. Eravamo in ritardo per andare a scuola; i bambini avevano pianto per prepararsi, per fare colazione, per lavarsi i denti (odio quando piangono); guidando verso la scuola potevo vedere il traffico sulla via del ritorno a casa ed era terribile, quindi ho dovuto cambiare tutti i miei piani e restare fuori mentre Oliver era a scuola (odio cambiare piani); ero troppo vestita e il caldo mi faceva sentire scomoda; come se non bastasse, Oliver aveva pianto in macchina per delle “banalità senza senso” (senza senso nella mia mente, chiaramente, ma non nella sua) ed Emily aveva deciso di rimanere sveglia tutta la mattina, quindi non avevo potuto lavorare.

MA.

Quella stessa mattina Emily non aveva pianto in macchina per la prima volta da tanto tempo, ero stata in grado, nonostante la stanchezza della notte insonne, di essere paziente e avere empatia per aiutare Oliver nella sua crisi (ed ero perfino riuscita a cambiare il suo umore!), avevo trovato un bagno velocemente quando mi scappava tremendamente la pipì, il caffè che avevo ordinato al bar era molto buono, e quando ho ripreso Oliver da scuola non c’era più traffico per tornare a casa. Tutte sottili fette di gioia.

In realtà, questo è probabilmente solo un altro esercizio di mindfulness: notare quelle sottili fette di gioia e pensare attivamente alla felicità che mi hanno portato è stato sufficiente a farmi sentire meglio in una mattinata altrimenti pessima e improduttiva.

Alla fine, la felicità è come un muscolo. Possiamo allenarlo.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!