La Tela di Carlotta
it en es

Vienna con bimbi piccoli in 48 ore

lug 24, 2019

Questo non è un articolo sponsorizzato. Tuttavia, sono una giornalista, quando visitiamo le città ne scrivo e quindi alcuni posti offrono di sponsorizzare alcune attività.

Grazie mille all‘Ufficio del turismo di Vienna per averci fornito le City Card e un press kit formidabile (e soprattutto a Bianca per la sua pazienza e i suoi suggerimenti); a Zoom per averci fornito i biglietti per Ocean (e a Nora per la sua risposta incredibilmente veloce); a Haus der Musik per avermi fornito un biglietto d’entrata (il personale è gentilissimo).


Mentre vivevamo a Budapest per un mese, abbiamo deciso di trascorrere un fine settimana a Vienna e ovviamente volevamo che fosse il più possibile adatto ai bambini, ma anche a noi genitori.

Non è stato difficile: Vienna offre così tanto per le famiglie che abbiamo visto tutto ciò che il nostro passo da tartaruga, ehm, bambino, ci ha permesso in 48 ore e abbiamo messo il resto in una lista dei desideri per la prossima volta.

Dove siamo stati

Siamo stati nel distretto 4, all’Hotel Kaiserhof, vicino ai luoghi che volevamo visitare, ma anche al centro: l’hotel è fantastico, il personale è molto gentile, la colazione eccellente e per una sola notte ci è sembrato un prezzo ragionevole per stare in un bell’hotel.

Esplorando la città, però, ci è piaciuto tanto il distretto 6 o dove si incontrano i distretti 6 e 7, quindi se hai poco tempo in città con bambini piccoli, ti consiglierei di stare lì, vicino al MuseumsQuartier.

Dove abbiamo mangiato

Avevamo fatto solo due pasti seduti (il resto è stato frutta e snack in giro) e stranamente sono stati entrambi nel MuseumsQuartier.

Il nostro pasto preferito è stato al Glacis Beils, dove ci siamo fatti una deliziosa (e rilassante) cena tradizionale nel bellissimo e segretissimo patio (per arrivarci, noi abbiamo salito e sceso le mille scale a destra nella piazza principiale di MuseumsQuartier e ci è sembrato di entrare in un mondo segreto). Se vuoi provare la famosa Schnitzel a Vienna con i bambini, questo è il posto adatto!

L’altro bar/ristorante che abbiamo provato è Dschungle Café ed è semplicemente la scelta perfetta se hai bisogno di un pranzo rilassante dove i bambini possono andarsene a giocare: c’è un grande materasso pieno d’acqua dove i bimbi possono correre e saltare, che potrebbe sembrare non molto divertente, ma è stato un ottimo intrattenimento: Oliver ed Emily hanno fatto capriole per ore!

Entrambi sono vicinissimi a Zoom quindi puoi farli coincidere con una visita lì.

Sachertorte ;-)

Non puoi lasciare Vienna senza mangiare una torta Sacher. Il primo giorno ne abbiamo condiviso un pezzo da Gerstner che, onestamente, è stata una delusione: il bar, tuttavia, è così bello che merita sicuramente una visita (e lo strudel sembrava buono, quindi provalo e fammi sapere ;-).

Il secondo giorno, abbiamo condiviso un altro pezzo di sacher fatta in casa da Dschungel ed era molto buono. Una signora ci ha consigliato di provare Oberlaa Café, ma tre sacher in due giorni ci è sembrato esagerato.

Cosa abbiamo fatto

Parco giochi a Resselpark

Questo è stato il mio posto preferito a Vienna: gli spazi aperti, la grande fontana dove puoi bagnarti i piedi, due (!) parchi giochi (uno per i più piccoli e uno per i più grandi, ma Oliver ed Emily si sono divertiti in entrambi), alberi alti che danno riparo dall’ombra e lo splendido edificio di Karlskirche contro il cielo azzurro…

Puoi anche comprare un caffè dal chiosco mentre guardi i tuoi bambini giocare, mangiare il tuo pranzo al sacco seduto ai tavoli da picnic o scorrazzare intorno al parco con uno scooter elettrico. È semplicemente perfetto!

Haus der Musik

Mi è piaciuta molto la Haus der Musik! Con bambini piccoli, non sarai in grado di dare a ogni stanza l’attenzione che merita e ti avviso che ci sono vari corridori piuttosto bui in cui Oliver aveva paura e che abbiamo dovuto attraversare abbastanza velocemente :-D.

Ma c’è qualcosa per tutta la famiglia: a Oliver è piaciuto tanto suonare l’enorme tamburo e riconoscere gli strumenti, a Emily ascoltare e indovinare i suoni, e io e Alex abbiamo guardato e letto tutto ciò che potevamo nei momenti in cui i bambini erano intrattenuti ;-)

A dire il vero, vale la pena visitare il museo già solo per salire e scendere cento volte dalle Stairplay — scale fatte come i tasti di un pianoforte — che è sicuramente stata l’attrazione preferita dai bambini.

Il museo apre tutti i giorni dalle 10:00 alle 22:00: con i bambini più grandi, ci sono biglietti notturni a prezzo ridotto dalle 20:00 alle 22:00, che sarebbe perfetto per concludere la serata dopo una cena sul presto.

Zoom - Ocean

Ho visitato molti musei per bambini, ma Zoom ha un concetto assolutamente unico e mi è piaciuto moltissimo!

Non è un museo in cui ti presenti, entri e giochi: zoom consiste in diverse aree e workshop a orari prestabiliti e rivolti a bambini da 8 mesi a 14 anni (anche se personalmente penso che sia più divertente quando tuo figlio può già camminare ed esplorare).

Dato che c’è un numero limitato di partecipanti, ti consiglio di prenotare in anticipo (cosa che puoi fare facilmente chiamando il numero (01) 524 79 08), ma è anche possibile presentarsi e tentare la fortuna (noi abbiamo prenotato).

Abbiamo scelto l’area Ocean (8 mesi - 6 anni), perché era l’unica in cui Oliver ed Emily potevano entrare insieme e (wow!) i bambini hanno giocato senza sosta e perfino io mi sono divertita a esplorarne ogni angolo!

Ps. Lo Zoom Studio (laboratori artistici per bambini tra 3 e 12 anni) è meraviglioso, quindi Zoom è ancora nella mia lista dei desideri per la prossima volta che visiteremo Vienna!

Museo dei bambini + labirinto

Non potevamo andare a Vienna e non visitare il Palazzo di Schönbrunn — la Versailles di Vienna — e sono molto felice di averlo scelto.

A parte il fatto che è bellissimo e mi sarebbe piaciuto passeggiare per i giardini tutto il giorno (ma abbiamo dei bambini piccoli ;-)), c’è così tanto da fare per le famiglie che consiglierei di trascorrere qui una lunga mattinata (o se hai più tempo, anche una giornata intera).

Per i bambini piccoli, penso che il Museo dei bambini sia un must: puoi vestirti da re e regine (i vestiti sono separati per età) e ogni stanza ha qualche attività e giocattoli da esplorare e con cui giocare. Noi ci siamo stati 1,5 ore perché non avevamo molto tempo, ma i bambini non volevano andare via!

Dopo il Museo dei bambini puoi passare un po’ di tempo all’aria aperta e perderti nel labirinto (che ha anche un parco giochi molto bello) dove un’altra ora volerà: sfortunatamente non abbiamo potuto farlo, perché aveva iniziato a piovere.

Se vuoi trascorrere l’intera giornata nel parco, puoi anche visitare lo Zoo di Tiergarten (che la gente sembra apprezzare e pare che sia il più antico d’Europa) o se tu, come noi, sei anti zoo, puoi attraversare la strada e andare al Museo della tecnologia di Vienna che era nella mia lista perché ai bambini sarebbe piaciuto molto (non si può sbagliare con i veicoli).

Naschmarkt

Quando siamo arrivati a Vienna, abbiamo deciso di fare scorta di frutta fresca e noci al Naschmarkt, perché avevamo letto che è un must: in realtà non è affatto adatto alle famiglie, è troppo caro, troppo affollato e non c’è un solo ristorante dove mi siederei con dei bambini piccoli.

Anche se non perderei tempo al Naschmarkt con bimbi piccoli, se ti ritrovassi nel quartiere, farei sicuramente una visita alla gelateria Schelato ;-)

Abbiamo noleggiato scooter elettrici!

Il primo giorno abbiamo visto scooter elettrici in affitto ovunque (ci sono molte aziende e ognuna ha un’app diversa, noi abbiamo scelto Lime).

Quindi il secondo giorno, abbiamo deciso di lasciare il passeggino in hotel, trovare due scooter e divertirci un po’… e devo dire che è stato il momento clou del mio viaggio, mi ha fatto sentire come una turista ADULTA a Vienna!

Emily è andata con me nel marsupio (è stato talmente rilassante che si è addormentata) e Oliver è andato con Alex e non si è mai lamentato (li abbiamo guidati per 50 minuti!)… ci è piaciuto moltissimo!

Sì, sappiamo che è a nostro rischio andarci con dei bambini piccoli e bla bla bla, ma in nessun momento ci siamo sentiti in pericolo (né noi né loro) e ci siamo divertiti tantissimo!

Come puoi farlo

Ecco come visitare tutti questi luoghi in 48 ore. Noi abbiamo avuto addirittura meno tempo, perché siamo arrivati in mattinata del sabato, abbiamo perso tempo al Naschmarkt, e domenica mattina abbiamo deciso di usare gli scooter per muoverci invece dei mezzi pubblici (che sarebbero stati più veloci).

L’itinerario è basato sull’ubicazione del nostro hotel, nel distretto 4.

Giorno 1

Trascorri mezza mattinata a Resselpark, passeggia per il parco, ammira l’edificio della cattedrale, sali e scendi le scale, prova entrambi i parchi giochi, divertiti sugli scooter e fai uno spuntino prima di dirigerti a nord verso Haus der Musik (è una passeggiata di 800 metri). Qui passerai minimo un’altra ora e mezza — o di più a seconda del tempo e di quanto piace ai tuoi bimbi.

Passeggia per il centro, prendi un caffè e uno strudel (e fatti una foto) da Gerstner, passa la bellissima State Opera e prendi la metro U2 per 1 fermata fino a MuseumsQuartier (a noi piace provare la metro in ogni città), giusto in tempo per il tuo appuntamento delle 16:00 da Zoom Ocean (ricordati di controllare gli orari e prenotare in anticipo).

Questo ti farà arrivare piacevolmente (e affamati) alle 18:00 per una cena tradizionale da Glacis Beils.

A questo punto, se sei fortunato, i bambini saranno esausti e si addormenteranno (nella carrozzina e/o nel portabebè) mentre torni verso il centro — attraversano Burggarten dove puoi farti una foto con la statua di Mozart — per vedere la bellissima Albertinaplatz e la Cattedrale St. Stephen, da non perdere se sei a Vienna, con o senza bambini!

E magari ci starà anche un bicchiere di vino bianco prima di tornare in hotel per le vie di Vienna by night.

Giorno 2

Dopo un primo giorno così intenso, io mi prenderei il secondo giorno con più tranquillità.

Fai una grande colazione in hotel, trova un bar dove comprare panini per un pranzo al sacco e un fruttivendolo per fare scorta di frutta e trascorri la giornata nel parco di Schönbrunn, prima al Museo dei bambini, poi al labirinto e al parco giochi, e magari allo zoo o al Museo della tecnologia, a seconda del tempo e delle preferenze dei piccoli.

Puoi decidere di fare una cena sul presto al parco (ci sono diversi bar/ristoranti, io avrei scelto Landtmann’s Jausen Station) o magari puoi visitare qualcosa di nuovo e dirigerti al ristorante vegetariano Yamm! nel quartiere universitario, che ha una bella area giochi per bambini piccoli.

E ora datti una pacca sulla spalla: ti sei appena fatto Vienna con bambini piccoli in 48 ore!

Ancora nella mia lista dei desideri

Queste sono le cose nella mia collezione di Vienna che non abbiamo avuto il tempo di vedere, ma che avranno la priorità la prossima volta che saremo in città.

Museum of Illusion (museo delle illusioni, dove si possono fare foto memoprabili)

Museum of Technology (musei di veicoli e dove capire come funzionano le cose hanno sempre molto successo con Oliver ed Emily)

Stadtpark park (Bellissimo parco giochi e statua di Strauss, il creatore del valzer viennese)

Undertwasser House (Sono davvero triste che non siamo riusciti a vederlo, perché penso che i bambini lo avrebbero adorato… ok, IO lo avrei adorato!)

Motorikpark (un playgropund così bello che ha il suo proprio sito Web)

Commenti

anna • lug 26, 2019

Ciao Carlotta,
penso anche io che Vienna offra veramente tanto alle famiglie! E' una città che adoriamo e l'anno scorso ci siamo avventurati a visitarla con i nostri 3 bambini (la maggiore all'epoca di 2 anni e mezzo), trovando sempre dei posti adatti al nostro caos. Magari lo conosci già, ma se ci tornate ti suggerisco di visitare "Haus des Meeres Aqua Terra Zoo", l'acquario molto bello e particolare, divertente per i bimbi ma anche per gli adulti! E proprio li sotto si trova un grande parco giochi dove trascorrere un po' di tempo all'aria aperta.
Aspetto prossimamente una tuo post su Budapest con i bambini piccoli ;) !
ciao,
Anna

🌸 Carlotta • lug 27, 2019

Grazie! La prossima volta che andremo, questo sarà sicuramente sulla mia lista! Anzi, ora cerco di aggiungerlo proprio nella lista sul post, così chi va prima può sceglierlo! Grazie per il suggerimento 🌸

Budapest arriva prestissimo!

ale • lug 26, 2019

Molto, molto, molto interessante, grazie!

🌸 Carlotta • lug 27, 2019

Grazieeeeee! Facci un pensierino!!!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!