La Tela di Carlotta
it en es

Torino (Italia) con bimbi piccoli

apr 21, 2016

Grazie a Greg per le foto

Ho studiato a Torino per qualche anno, ma mi sono resa conto di quanto poco la conosca solo un paio di mesi fa, quando io e Alex abbiamo conosciuto un signore americano in un bar e ci siamo seduti a fare due chiacchiere. Aveva visitato Torino più di una volta, la adorava e la conosceva addirittura meglio di me. Quindi quando siamo tornati in Italia un paio di settimane fa, avevo una missione: visitare Torino con occhi di turista e conoscerla meglio.

Avevo questa romantica idea che con un bambino si potesse viaggiare a passo veloce come quando si è solo in due. Non proprio! La verità è che avevo mentalmente fatto il passo più lungo della gamba e la missione era questa volta davvero impossibile. Viaggiare con un bambino di un anno è lento e imprevedibile.

Ma ho scoperto che se ti lasci guidare dal bimbo, può essere anche divertente, bello e rilassante—senza quella fretta causata dal dover vedere il più possibile e se abbiamo solo più 30 minuti possiamo ancora visitare quel museo.

Quindi questa gita a Torino non è stata così ricca d’azione come l’avevo immaginata, ma comunque bellissima.

Museo del cinema a La Mole

Io, Alex, Cri e Greg (il fidanzato di Cri di cui sentirete parlare molto più spesso… adoro aggiungere personaggi a La Tela) siamo partiti da casa di papà ad Alba verso le 9:30 e visto che io avevo assicurato che non ci fosse bisogno di seguire il GPS perché ricordavo perfettamente la strada, siamo arrivati un po’ più tardi del previsto. Devono aver cambiato le strade e gli incroci da quando andavo all’università!

Siamo arrivati verso le 11, abbiamo parcheggiato nel nuovo parcheggio sotterraneo sotto Piazza San Carlo (17€ per 9 ore, ma ne è valsa la pena) e ci siamo diretti subito verso La Mole. Visto che Greg è un regista (il mio nuovo personaggio è pure figo!)—e tra l’altro molto bravo, dacci un’occhiata—ero sicura che tra tutti i musei di Torino, con quello del cinema andavamo sul sicuro. Abbiamo così deciso di andare e visitarlo con calma.

Ci è piaciuto tantissimo: se non l’hai mai visitato, la prossima volta che passi da Torino, devi assolutamente andarci! Anche con bimbo: Oliver correva da una parte all’altra e guardava e toccava e si sdraiava per terra e si ipnotizzava davanti alle immagini e faceva il filo alle signorine…

Prima che ce ne rendessimo conto, erano le 15:00 e i pancini brontolavano!

Pranzo a Torino

Ci eravamo tutti dimenticati che Torino non è Marbella: l’ora di pranzo è molto prima delle 15:00 e i ristoranti ogni tanto chiudono. Volevamo andare al Poor Manger che la mia amica Erika ci aveva consigliato dicendo che era buono, economico e ti sazia (perfetto!). Era chiuso.

Siamo tornati sui nostri passi fino a La Mole e ci siamo fatti un piadina alla Piadineria La Piê: Oliver ha provato le piadine di tutti e gli sono piaciute tanto (si è mangiato anche un enorme porzione di prosciutto cotto che il proprietario gli ha gentilmente portato mentre aspettavamo). E non era troppo caro come mi sarei aspettata sotto La Mole: quattro piadine, due porzioni di patate fritte e una bottiglia di vino rosso, 50€.

Ascensore panoramico a La Mole

Visto che avevamo comprato i biglietti per l’ascensore panoramico, dopo pranzo siamo rientrati a La Mole e siamo coraggiosamente saliti sull’ascensore che ci ha portato fino alla cima: meno male che era una sola fermata, altrimenti avrei desistito… mi sono riscoperta un po’ timorosa delle altezze! Oliver, invece, non sembrava spaventato dell’ascensore fatto interamente di vetro,  e una volta arrivato si è divertito in cima al mondo!

Non pensato per i bambini

Il museo aveva un fasciatoio in bagno (che abbiamo usato due volte!), ma mi ha sorpresa che non ci fossero rampe per entrare o uscire. O siamo noi che non le abbiamo viste?

I Giardini Reali

Avevo letto della grande riapertura dei Giardini Reali in Piazza Castello, e ho deciso quindi di renderlo la nostra prossima tappa. Che delusione! Non c’era niente, nemmeno l’erba nel giardino, nemmeno acqua nella fontana, nemmeno foglie sugli alberi. Chi ha deciso che erano pronti per la grande inaugurazione dovrebbe essere licenziato! Meno male che almeno non abbiamo fatto coda: nel fine settimana la gente ha aspettato dalle due alle tre ore per entrare. Posso immaginare la loro gioia!

Ma ad essere sincera, non ce importava molto dei giardini: Oliver dormiva nel passeggino, noi quattro ci stavamo divertendo e la vita era bella.

Miagola Café

Erano quasi le 18:00 ed eravamo stanchi, ma non potevo lasciare Torino senza rivedere le mie amiche Erika e Ludi. Siamo tornati a Piazza San Carlo, dove avevamo parcheggiato, e ci siamo seduti tutti insieme al bar Miagola, che è stato fugace e un po’ confuso (perché Oliver e i bimbi di Ludi correvano dietro ai gatti e noi dietro di loro mentre salivano e scendevano le scale, sbattevano la testa contro le porte di vetro…), ma ne è valsa la pena anche per ricordare che quando l’amicizia è forte e vera il tempo si ferma e 10 anni senza vedersi sembrano 10 giorni.

Non ci credo che non abbiamo fatto nemmeno una foto!

Il ritorno

Abbiamo salutato tutti, inclusa Torino, verso le 20:00 e siamo tornati ad Alba (non so perché, ma questa volta tutti hanno preferito seguire il GPS… gente di poca fede!) dove papà e sua moglie ci aspettavano con un bel piatto di pasta alla Norma sul tavolo (no, paleo non esiste in Italia ;-) che Oliver si è sbaffato prima di crollare fino al mattino successivo.

Ho adorato ogni momento!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!