Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Voglio essere Paleo

2 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Quando racconto alla gente del mio stile alimentare—ricco di grassi e povero di carboidrati—tutti si convertono in esperti nutrizionisti. «Non è sano! Quando fai tanto esercizio, i muscoli hanno bisogno di carboidrati! I grassi fanno male! Troppe uova ti alzano il colesterolo! Gli estremi non sono salutari, devi mangiare un po’ di tutto”… Oltre alle 11 cose più importanti che tutti dovrebbero sapere sulla dieta Paleo, questi sono alcuni pensieri che mi sento di condividere.


Ultimamente, tendo a ignorarli e cambiare argomento. Ovviamente, non sono ancora pronti a vedersi rivoluzionato (letteralmente capovolto sotto sopra) tutto ciò che hanno imparato da sempre sul cibo.

Ma quando si tratta di persone a cui tengo, cerco di dedicare loro sempre un po’ di tempo per spiegare che cosa significhi per me “essere Paleo”. Non mi piace etichettare il mio stile alimentare — perché in realtà si tratta solo di mangiare alimenti naturali e non lavorati — ma “Paleo” è senza dubbio la maniera più semplice e veloce di definirlo.

A casa mia si mangiano carne, pesce, uova, verdura, frutta, noci e si cucina con burro o olio extra vergine d’oliva. Niente farina, cereali, pasta, pane, pizza, biscotti, riso, patate, zucchero, caramelle, tortine. La nostra dieta è più o meno così:

Un sacco di ricerche

In questi ultimi tre anni, io e mio marito abbiamo letto e studiato molto l’alimentazione umana e siamo arrivati alla conclusione che la dieta Paleolitica sia lo stile di vita più sano che esista. È davvero la dieta umana perfetta. Non per perdere peso o per l’operazione bikini, ma per essere sani, evitare malattie, curare allergie e, chissà, magari vivere più a lungo.

Un inizio difficile

All’inizio, intrapresi questo mio viaggio Paleolitico solo per dimagrire e liberarmi dalla schiavitù di una relazione difficile con il cibo — che ho sempre auto diagnosticato come disturbo da alimentazione incontrollata. Peccato che non fossero le motivazioni giuste.

Non facevo altro che risprofondare nell’abisso delle mie vecchie abitudini, a volte per mesi interi, e farmi sopraffare dall’incapacità di raggiungere il mio obiettivo. Le piccole vittorie erano sempre seguite da enormi sconfitte e la voglia di cibi “proibiti” sembrava farsi sempre più forte.

Col tempo, però, qualcosa ha fatto “click” nella mia mente. Ho iniziato a fare questa dieta più per i benefici alla salute che per dimagrire. Dopo ogni periodo di cibi non sani, tornavo al mio stile Paleo con ritrovata energia e più motivata che mai.

Fu allora che smisi di dire “NON POSSO mangiarlo” e lo sostituii con “NON VOGLIO mangiarlo”. E i miei periodi Paleo diventavano sempre più lunghi.

carnivori

La svolta

Nel corso degli anni, ho avuto così tante conferme del fatto che questa sia effettivamente la dieta umana migliore e più sana per l’uomo, che sarei stata folle a ignorare tutte le evidenze e continuare ciecamente a mangiare nel modo in cui mi avevano insegnato — seguendo la famosa piramide alimentare che ci presentano a scuola.

Sì, è stato un viaggio lungo e complicato, quasi come quello che mi ha allontanata dalla religione, dopo molti anni di preghiere serali, chiese, messe, catechesi, comunione e cresima.

Ancora oggi, non è tutto rose e fiori. Ho ancora i miei giorni auto-distruttivi di cibi non sani. I dolci sono il mio tallone d’Achille e fatico ancora — per sempre?— a non mangiarli, ma poco a poco ho capito che è un piccolo prezzo da pagare per essere sani.

Dopo quasi tre anni di battaglie, ora sono 95% Paleo e molto orgogliosa di esserlo.

Che cosa mi ha convinta?

Due fattori principali.

1. Le storie — sempre di più — di persone e amici in tutto il mondo affetti da sclerosi multipla, autismo, diabete, malattie degenerative o severe allergie di ogni genere… che sono migliorati in modo significativo prendendo una decisione relativamente semplice (se paragonata a trattamenti invasivi a vita): hanno cambiato la loro dieta. Ho scritto di una queste storie qui.

2. Il pensiero di crescere i miei futuri figli. Tra le altre cose, vorrei che i miei figli avessero un rapporto sano con il cibo e lo capissero profondamente. E c’è un solo modo perché questo accada: se io stessa ne sono l’esempio.

Non ti mancano i dolci?

Eccome se mi mancano!

Penso ad una cheesecake con marmellata di lamponi e mi viene la bava alla bocca. Ma mi sto abituando. Mi mancano sempre meno. E quando mi lascio tentare, generano sempre meno dipendenza. Li adoro, ma ora so che posso farne a meno.

L’ultima volta che ho mangiato una pizza intero, mi sono sentita così gonfia e “ubriaca” — come dopo una notte fuori, quando dormi un’ora e vai direttamente al lavoro — che se ora mi ritrovo ad una cena dove tutti mangiano pizza, ne assaggio un pezzo, ma ordino un’insalata o una carne.

cioccolato

La mia strategia vincente

Io e mio marito abbiamo un’ottima strategia: cambiamo ciò che possiamo controllare e non ci lasciamo sopraffare da ciò che non possiamo controllare. 

Certo, questo principio si può applicare per qualsiasi cosa nella vita, ma questa è tutt’altra storia.

  • Quando andiamo al supermercato, non compriamo mai nessun cibo “proibito” — dolci, pane, gelati confezionati, pizza surgelata, caramelle… evitiamo anche le patate. Compriamo solo cibi sani, che ci fanno sentire bene.
  • Compriamo cioccolato fondente (85% o 90%), che è diventato il nostro piccolo sfizio. Mi piace terminare il pranzo con qualcosa di dolce ed è stato un grande problema finché non mi sono abituata a mangiare (e ad adorare) il cioccolato fondente. Problema risolto.
  • Quando siamo invitati a feste di compleanno o cene, non ci lasciamo sopraffare dallo stress di non poter mangiare niente. Se ne abbiamo voglia, assaggiamo un pezzo di torta, un po’ d’insalata di patate o un’empanadilla. Non cade il mondo.
  • Adoriamo il gelato e ce lo permettiamo ogni tanto (a volte anche ogni settimana!). Alcune cose le si può solo accettare. 🙂

Da dove prendi l’energia necessaria se non mangi carboidrati?

Io mangio carboidrati, moltissimi. La frutta e la verdura sono piene di carboidrati. Ciò che non mangio sono i carboidrati lavorati — tutti quegli alimenti prodotti o modificati in fabbriche e pieni di schifezze (coloranti naturali (?), estratto di lievito, proteine della soia, acido citrico…).

Prima dell’agricoltura, gli uomini non avevano carboidrati artificiali, lavorati. Mangiavano solo i carboidrati negli alimenti che trovavano in natura, come frutta e verdura. Ma riuscivano comunque a cacciare una gazzella per cena correndole dietro!

Certo, l’aspettativa di vita era molto più bassa, ma perché i pericoli a cui erano sottoposti ogni giorno erano molto più alti. Come dice il mio articolo paleo preferito:

“Date a quei cacciatori-raccoglitori la tecnologia moderna e la medicina che abbiamo oggi e scommetto che la loro aspettativa di vita supererebbe facilmente la nostra.

Inoltre, il nostro corpo è disegnato per funzionare con molti meno carboidrati di quelli che mangiamo.”
— Steve Kamb

Paleo è ovunque

Sempre più persone in tutto il mondo (anche in Spagna e Italia, dove non avrei mai creduto fosse possibile) scrivono della dieta Paleo e dei benefici che comporta. Sempre più persone diventano Paleo. Sempre più persone si curano con questa dieta.

Interi Paesi, come la Svezia pioniera in Europa, hanno cambiato le linee guida nutrizionali in favore di una dieta alta in grassi e bassa in carboidrati.

Voglio essere sana, voglio essere paleo

Ci sono molte cose che non possiamo controllare nella nostra vita. Il fumo passivo del tavolo accanto al nostro al ristorante, il cretino che ci entra da dietro in macchina, la quantità di pubblicità e annunci che ci sorbiamo ogni giorno…

Ma possiamo controllare ciò che introduciamo nel nostro corpo. Possiamo decidere cosa mangiare e cosa no. Possiamo essere sani. Possiamo essere Paleo.

Io voglio essere Paleo. E tu?


Se cerchi uno stile alimentare migliore e più sano, magari ti interessano anche questi post:

L’ABC della dieta Paleo — una guida per principianti
Il mio personale viaggio nella paleo — la mia esperienza, tra alti e bassi, degli ultimi 4 anni
Siamo ciò che mangiamo — perché mangiare naturale ed evitare carboidrati artificiali
Svezia, pioniera della paleo — il primo Paese europea a cambiare le linee guida alimentari

Se ti è piaciuto, clicca il cuore, condividilo o lasciami un commento!
Puoi farlo sotto sotto, dopo il testo spagnolo 🙂


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Enhorabuena Carlotta por tu espendo blog.
    Me encanta la dieta paleo. Llevo tiempo practicándola. Me gusta que haya cada vez más páginas webs hablen sobre sobre la dieta paleolítica para dar a conocer este estilo de vida.
    En mi blog, recién estrenado también hablo también sobre estos temas. http://dietapaleoweb.net

    • Gracias Juan Carlos, lo miraré sin duda! Yo como ves trato solo de mis experiencias personales porque creo que de blog de teoria ya hay muchos 🙂 pero seguro que la dieta paleo es fenomenal y en mi opinión la única saludable al 100%.


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.