La Tela di Carlotta

Zuppa di zucca

gen 20, 2009

Contemporaneamente al tentativo di rendere la corsa parte integrante della nostra giornata, io e  Alex stiamo anche sperimentando in cucina.

Voglio prima di tutto sfatare un mito: la nazionalità non c'entra un belín in cucina. Il solo fatto che io sia nata nella terra del buon cibo per eccellenza, non vuol dire che il buon cibo esca dalle mie padelle. Il fatto che Alex venga dalla terra di Babbo Natale, non significa – ahimé – che sappia cucinare solo riisipuuro (una sorta di risotto al latte) o pulla (fantastici dolcetti alla cannella). La situazione, almeno nella nostra cucina, è assai diversa. Per darvi un'idea: lui legge una ricetta, la riproduce e la consistenza e la combinazione di gusti sono perfette; io leggo una ricetta, la riproduco e se riesco a non mandare a fuoco la casa è un miracolo. Massì, viva l'uminltà!

Oggi ho deciso di proporvi una ricetta di cui sia noi che Erika – che è stata nostra graditissima ospite per qualche giorno – ci siamo innamorati. Premetto che questo è un esperimento riuscito bene e non una ricetta presa dal miglior libro di cucina.

La Zucca di Zuppa. Ehm no, la Zuppa di Zucca.

Vi serviranno pochi ingredienti, ma che siano buoni:

  • Zucca, meglio se fresca. Se, come noi, siete amanti del piatto unico – cioè preferite cucinare una sola portata – con 800 gr di zucca andate sul sicuro e avanzate anche un antipastino per il giorno dopo. Nei grandi supermercati dovreste trovarla già a pezzi. E sì, qui in Spagna la zuppa è un antipasto.
  • 1 carota. Forse solo per il colore, ma abbiamo pensato che la carota si sposi benissimo con la zucca.
  • 1/2 cipolla
  • 1 dado di verdura (ma noi l'abbiamo fatta anche con quello di carne e il risultato non cambia, almeno secondo i nostri palati da principianti)
  • Panna da cucina 250gr. La panna da cucina non è indispensabile, ma noi la usiamo per due motivi: siamo golosi e la panna rende la zuppa gustosa e meno "ospedaliera"; per essere sicuri che la zuppa venga cremosa. Non siamo mica chef professionisti, abbiamo bisogno dei nostri trucchetti.
  • Prezzemolo
  • Olio, sale e pepe q.b. (Ho sempre desiderato usare q.b.)
  • Fondamentale: una padella, un pentolino e un mixer (no mixer, no zuppa!)

Come cucinare la zuppa. Tagliate la 1/2 cipolla e la carota a pezzettini e fatele soffriggere in un po' d'olio. Aggiungete la zucca già tagliata a pezzi, salate – a noi piace che la zucca conservi il suo sapore dolciastro quindi saliamo sempre con moderazione – e lasciate cuocere con un coperchio. Se notate che la zucca si asciuga, aggiungete un po' d'acqua. Quando la zucca comincia a diventare morbida aggiungete pepe e prezzemolo a vostro piacimento e non abbiate paura di abbondare. Meglio un po' più saporita che insipida.

Nel frattempo, fate bollire due bicchieri d'acqua in un pentolino per il brodo. Quando l'acqua bolle, spegnete il fuoco, buttateci dentro il dado e mescolate fino a che non si scioglie.

Quando la zucca è morbida, assaggiatela per l'ultimo controllo sapore. Versate tutta la zucca nel mixer senza dimenticare le cipolline e le carotine che rimangono sempre attaccate al fondo della padella, aggiungete un po' di brodo (nemmeno metà di quello che avete) e panna. Devo ammettere che per la panna noi andiamo sempre ad occhio, ma non usiamo mai tutta la confezione da 250gr. Fate una prima passata. Sarà sicuramente troppo solida, quindi aggiungete brodo finché non ottenete la consistenza desiderata.

E la zuppa è pronta da servire. Non dovete nemmeno più riscaldarla!

Oh, quasi dimenticavo. A chi piacciono i crostini con la zuppa? A noi sì. Quando ci ricordiamo compriamo una baguette, la tagliamo a fette e facciamo i crostini all'aglio. Come? È semplicissimo. Noi spalmiamo su tutta la superficie della fetta (e su tutte le fette) l'aglio fresco (uno spicchio è sufficiente) e versiamo un filo d'olio. Poi tagliamo l'aglio a pezzettini che mettiamo su ogni fetta prima di infornare (il forno è la soluzione più rapida). In forno a 150° per 5 minuti e avete anche i crostini per la zuppa. Voila!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Carlotta • feb 4, 2009

Fra!!! I crostini cucinati così sono ottimi per qualsiasi cosa! Li abbiamo sperimentati in un altro piatto semplicissimo che qui in Spagna va alla grande e sono deliziosi!
Qual è questo altro piatto?


Appena trovo un secondo di tempo (se ricordi il nostro segreto capirai perché non ne ho! ;-) ) scrivo questa nuova ricetta. Anzi, a dire il vero ne ho un paio in lista d'attesa e anche una variante meravigliosa a questa zuppa!

Francesca • feb 3, 2009

Ma che buona...la foto poi fa venire voglia di mangiarla subito. L'arancione è un colore che porta positività e questa zuppa non può che allietare quasi tutti i sensi. :) Proverò sicuramente. I crostini sono troppo sfiziosi...ottimi anche per un pre-zuppa direi!;)Brava Carlotta!!!;)

Baby • gen 21, 2009

Wow! Credo proprio che la proverò, mi ispira molto! Se mi viene bene e mi piace metto un link sul blog :P

Erika • gen 21, 2009

Ahah che spettacolo quella zuppaaaaa!!E quei piatti neri che belli!!!!Brava amichetta,ma secondo me segui troppi tv shows sulla cucina!!Say hi to Alex!bacissimi!!

Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!